AA Newsletter maggio26 Kentridge1

L'ultima e più grande opera di William Kentridge, "Triumphs and Laments"

Se ti è capitato di trovarti sulle rive del fiume Tevere il 21 aprile 2016, molto probabilmente sei stato testimone delle ultime e più grandi opere d'arte di William Kentridge, "Trionfi e lamenti,'un fregio lungo 500 metri, creato utilizzando stencil e un tubo flessibile ad alta pressione per cancellare la patina biologica sulle pareti del terrapieno in travertino che costeggiano il lungomare urbano di Roma.

AA Newsletter maggio26 Kentridge1William Kentridge, Trionfi e lamenti A Roma. Foto tratta dal sito web "Triumphs and Laments". © Pecchioli 2016.

L'evento ha avuto luogo Natale di Roma, il 2,769 ° compleanno della città, con un programma teatrale creato da Kentridge e dal suo collaboratore di lunga data, il compositore Philip Miller. Sullo sfondo di ottanta figure - alte una decina di metri - due bande musicali vestite in modo elaborato lanciano i loro davanzali in mezzo alle raffigurazioni di alcune delle più grandi vittorie e sconfitte di Roma, dal tempo mitologico ad oggi. Un'esplorazione delle tensioni dominanti che sono esistite nel corso della storia della città, il significato dell'evento è stato reso tangibile dal corteo, le cui ombre si sono mescolate tra personaggi storici, vecchi e nuovi.

AA Newsletter maggio26 Kentridge3Stencil su larga scala di Kentridge in fase di realizzazione Trionfi e lamenti A Roma. Foto tratta dal sito web "Triumphs and Laments". © Lo Rocco 2016.

L'idea di utilizzare questa sezione del fiume Tevere è nata per la prima volta dall'artista di New York Kristin Jones nel 2002. Mentre era su un Fullbright a Roma, Jones ha riconosciuto che il tratto tra i ponti Ponte Sisto e Ponte Mazzini aveva le stesse dimensioni del Circo Massimo. Di conseguenza, ha fatto una campagna per trasformare lo spazio in un luogo per un'esibizione pubblica, culminando nella formazione di TEVERETERNO nel 2005, un'organizzazione no profit multidisciplinare dedicata al primo e più grande spazio pubblico per l'arte contemporanea sul lungomare urbano di Roma. TEVERETERNO è stato fondato sulla convinzione che l'arte possa essere un potente catalizzatore per la trasformazione urbana, con l'impegno di Kentridge a ricordare che la propria vita è indissolubilmente legata al passato, un passato che stiamo continuamente creando di nuovo.

AA Newsletter maggio26 Kentridge4Preparare le pareti per Trionfi e lamenti A Roma. Foto tratta dal sito web "Triumphs and Laments". © Lo Rocco 2016.

Lavorare con un team diversificato di volontari, università, accademie e istituzioni locali e straniere italiane e internazionali, Trionfi e lamenti ha dimostrato enorme interesse e generosità nel dare a un progetto che parla di Roma e della sua storia. La campagna Kickstarter da sola è riuscita a raccogliere $ 95, 078. Anche se questo importo era solo una frazione del denaro raccolto da finanziamenti aziendali e privati ​​(che, secondo un articolo scritto da Diane Ketcham per Arte in America rivista), ammontava a un enorme 800, la quantità di denaro raccolta dalla campagna Kickstarter è la prova della quantità di sostegno pubblico ricevuto dal progetto.

rappresentato da Galleria Lia Rumma in Italia, Marian Goodman a New York e Galleria Goodman in Sudafrica, Kentridge ha messo in scena e prodotto importanti opere teatrali e operistiche in tutto il mondo, con Trionfi e lamenti essendo il suo progetto più ambizioso fino ad oggi. Essendo un'opera effimera, si prevede che durerà dai sei ai dieci anni prima che la natura rivendichi il muro.

AA Newsletter maggio26 Kentridge2William Kentridge, Trionfi e lamenti a Roma, 2016. Foto tratta dal sito web "Triumphs and Laments". © Marinelli 2016.