Benvenuto all'inferno

ART AFRICA, numero 09.

1000 Gestalten

Immagine della protesta della Gestalten 1000 contro il vertice del G20 che si è svolto ad Amburgo, in Germania, il 5 luglio 2017. Fotografia: Willem Thomsen. Immagine gentilmente concessa da 1000 Gestalten.

Immagine del 1000 Gestalten protesta contro il vertice del G20 che si è svolto ad Amburgo, in Germania, il 5 luglio 2017. Fotografia: Willem Thomsen. Immagine gentilmente concessa da 1000 Gestalten.

Il 5 luglio 2017 oltre 100 figure vestite di grigio si sono radunate in Buchardplatz, Amburgo. Membri del collettivo artistico, 1000 Gestalten, entrarono nella piazza da vari quartieri, i loro movimenti erano angosciosamente lenti, simili a zombi, Butoh-esque. Il gruppo, che è stato realizzato nel febbraio 2017, ha dimostrato un netto contrasto con le proteste che seguirono, proteste violente, anarchiche, sanguinarie e criminali. A questo proposito Angela Merkel, che ha ospitato il vertice del G20 sui cambiamenti climatici e altre preoccupazioni globali, ha assolutamente ragione nella sua condanna del caos che ne è derivato: il danno alla proprietà pubblica, il saccheggio.

D'altra parte, come si cambia un ordine globale ritenuto centrista, monopolistico, sfruttatore? In che modo, quando viene catturato dalla schiavitù sistemica umana, si esprime la propria rabbia? Nel Violenza, Slavoj Žižek rivela in modo clamoroso la complicità dello Stato nella produzione e nel mantenimento della servitù. Per "violenza sistemica", osserva Žižek, è costruito all'interno del sistema; non può essere contestato senza una reciproca violenza dall'esterno. La "violenza oggettiva" - la violenza dello Stato - devia la sua forza avvizzente proprio demonizzando qualsiasi minaccia esteriore alla sua ordinanza. Ed è per questo Žižek chiede: "L'intera storia dell'umanità non potrebbe essere vista come una crescente normalizzazione dell'ingiustizia, che comporta la sofferenza senza nome e senza volto di milioni?"

È questa sofferenza senza nome e senza volto che 1000 Gestalten incarnata. Tradotto come 'Figure 1000', forma è "un insieme organizzato che viene percepito come più della somma delle sue parti". Come meccanismo, un corpo, è intrinsecamente collettivo. Se l'anonimato e l'astrazione sono la chiave della performance, è perché ciò che spinge queste figure grigio-vestite a muoversi lentamente in modo inquietante - con un "rumore metallico" trasportato in "scatole invisibili" - è un aggravato silenzio statico.

Al termine di un'esibizione di due ore, quando tutti furono riuniti in Buchardplatz, un singolo grido umano scoppiò dalla folla, seguito da un indignato - abiti grigi polverosi caddero per rivelare un barlume di colore sotto - un rancore ripetuto più volte da tutto tra ululazioni e abbracci fisici, mentre uno per uno i cento si sono purificati della loro schiavitù, il grigio dei ciottoli sottostanti e gli edifici circostanti permettono agli indumenti grigi abbattuti di offuscare ulteriormente, e, quindi, amplificare un caleidoscopio di colore emergente. Il movimento contratto ha lasciato il posto alla libertà.

Immagine dei 1000 manifestanti della Gestalten che rimuovono i loro abiti in cenere in una manifestazione contro il vertice del G20 che è andato avanti ad Amburgo, in Germania, il 5 luglio 2017. Fotografia: Christian Angl. Immagine gentilmente concessa da 1000 Gestalten.

Immagine del 1000 Gestalten manifestanti che rimuovono i loro abiti in cenere in una manifestazione contro il vertice del G20 che si è svolto ad Amburgo, in Germania, il 5 luglio 2017. Foto: Christian Angl. Immagine gentilmente concessa da 1000 Gestalten.

"L'intera storia dell'umanità non potrebbe essere vista come una crescente normalizzazione dell'ingiustizia, che comporta la sofferenza senza nome e senza volto di milioni?"

1000 gestalten la dichiarazione di visione recita come segue: “rappresentare una società che ha perso la sensibilità per il fatto che è possibile un diverso modo di vivere. Non sono le notizie finanziarie che determinano la nostra felicità ma relazioni sane. La felicità non è definita su ciò che abbiamo, ma su chi siamo ”. Il sentimento socialista è fin troppo familiare - e fin troppo facilmente denigrato in un'epoca sempre più settaria, razzista e divisiva. Il loro è un sentimento condiviso, diciamo, da collettivi come Afrika Burn e Burning Man, zone autonome temporanee che illuminano i deserti del Karoo e della California. In questo caso, tuttavia, non esiste un rituale auto da fe, nessuna immolazione simbolica, ma una volontà di custodire la gioia come pilastro fondamentale della vita umana. Contro "rigidità e desolazione" abbiamo un'espressione illimitata. Per come 1000 gestalten la visione riafferma: "L'arte si sviluppa solo se un sentimento viene trasmesso in un luogo in cui i pensieri non arrivano, e questo momento è la prova evidente".

Questo momento è una paralisi storica globale, un sostegno al privilegio nei confronti della maggioranza umana, l '"abisso che si allarga", come sottolinea Pankaj Mishra, "di razza, classe ed educazione". Mishra ha anche ragione nel dichiarare che la Ragione - il idolo due volte dell'Illuminismo - non può più spiegare la natura "condannata" del nostro "disordine attuale". Ecco perché la violenza è incontrata dalla violenza, perché la connettività umana è, sempre più, un'incapacità inconsolabile - e perché, contro questa tanto decantata impossibilità, troviamo l'emergere di movimenti come 1000 Gestalten.

Il vertice del G20 avrebbe inevitabilmente sfruttato un movimento di protesta. Non sorprende, quindi, che quel movimento si fatturi come BENVENUTO. Ma poi come attivista recentemente deceduto contro il controllo statale in Cina e premio Nobel per la pace, Liu Xiaobo, ci ricorda: “Se vuoi entrare nell'inferno, non lamentarti del buio, non puoi incolpare il mondo per essere ingiusto se inizi sul sentiero del ribelle. "

L'oscurità è inevitabile, ma, come 1000 Gestalten ci ricorda, anche la luce esiste. Per mentre la violenza ha definito le proteste al vertice del G20, cosa è successo 1000 Gestalten a parte era il suo rifiuto consapevole di incitare alla paura. Piuttosto, dopo Liu Xiaobo, anche loro si resero conto che “L'odio può marcire con l'intelligenza e la coscienza di una persona. La mentalità nemica avvelenerà lo spirito di una nazione, inciterà a crudeli lotte mortali, distruggerà la tolleranza e l'umanità di una società e ostacolerà i progressi di una nazione verso la libertà e la democrazia ".

"Se vuoi entrare nell'inferno, non lamentarti del buio, non puoi incolpare il mondo per essere ingiusto se inizi sulla strada del ribelle."

Liu Xiaobo

Tragicamente, è proprio questa "mentalità nemica" che sta facendo a pezzi la terra. Nonostante 1000 gestalten critica del sonnambulismo e dell '"apatia politica", il loro appello a "una maggiore partecipazione politica per una società in cui il cambiamento non viene dall'alto, ma da ogni singolo individuo", lo spettacolo è stato accolto online da un disprezzo sfrenato proveniente dall'estrema destra. Un troll - sotto lo stendardo "Lady_Lbrty" - lo ha dichiarato 1000 gestalten la visione umana globale ha minacciato di "sterminare i bianchi". "La sinistra e i loro piani globalisti devono essere fermati", ha ripreso Lady_Lbrty. Sotto #AltRight e #Identitarian Europa, era necessario garantire un '"unità bianca" - "Abbiamo il diritto di vivere, un diritto alle nostre case, un diritto alla nostra identità, un diritto a preservare la nostra cultura e il nostro passaggio ai nostri figli. Questo non è negoziabile. "

Questo nativismo virulento, dopo Pankaj Mishra, non può essere contrastato dalla ragione. Ancora un altro troll online, sotto lo strambo striscione orwelliano, "Dipartimento di verità", è turbato da "l'eradicazione delle identità e delle culture nazionali, lo smorzamento dell'istruzione, l'indottrinamento dei nostri giovani, la moneta unica, il singolo sovrano, il singolo mente." La loro accusa contro 1000 Gestalten è proprio la sua chiamata all'unità. La domanda, tuttavia, è se la drammatizzazione di una coscienza e un'azione collettiva zomboide supponga la sua promozione. Perché come una delle organizzatrici, Catalina Lopez, sottolinea: “L'obiettivo della nostra esibizione oggi è quello di spostare le persone nei loro cuori, per dare loro la motivazione per impegnarsi politicamente di nuovo. Vogliamo creare un'immagine, perché crediamo nel potere delle immagini…. Vogliamo motivare le persone a partecipare. Per liberarsi dai loro gusci incrostati, per prendere parte al processo politico. "

Immagine dei 1000 manifestanti della Gestalten che rimuovono i loro abiti in cenere in una manifestazione contro il vertice del G20 che è andato avanti ad Amburgo, in Germania, il 5 luglio 2017. Fotografia: Christian Angl. Immagine gentilmente concessa da 1000 Gestalten.

Immagine del 1000 Gestalten manifestanti che rimuovono i loro abiti in cenere in una manifestazione contro il vertice del G20 che si è svolto ad Amburgo, in Germania, il 5 luglio 2017. Foto: Christian Angl. Immagine gentilmente concessa da 1000 Gestalten.

Le immagini, scattate da Christian Angl, Andea Ruester e Willem Thompson, servono come una squisita meditazione sull'intrappolamento e la ricerca della libertà. La loro è una visione riecheggiata nelle lotte di Liu Xiaobo e Ai Weiwei. Con grande merito della Germania, sotto il cancelliere di Angela Merkel è proprio questa pacifica protesta che viene sostenuta. Quello 1000 Gestalten ha suscitato disprezzo dall'estrema destra e sottolinea solo la minaccia che i cani liberano ad ogni angolo.

La bianchezza non è esente, l'oscurità non è un crogiolo. È l'umanità che rischia di perdere il suo scopo più grande nella nostra era corrosivamente divisiva. Se come John Armstrong e Alain de Botton ci ricordano che "il dolore è scritto nel contratto di vita", allora lo è anche la felicità. "Potremmo essere condannati ... da un'assenza di speranza", riprendono, motivo per cui "abbiamo bisogno di strumenti in grado di preservare le nostre disposizioni di speranza". A questo proposito 1000 gestalten la performance al vertice del G2017 del 20 è esemplare.

Se “i valori del nord hanno dominato l'immaginazione moderna; tra questi ... razionalità, scienza, la mente piuttosto che il corpo, ritardò la gratificazione piuttosto che i piaceri del momento e i bisogni dell'individuo piuttosto che il richiamo del collettivo ", poi 1000 Gestalten hanno operato come un baluardo silenzioso e ululante. Poiché come Armstrong e De Botton hanno sottolineato allo stesso modo nel loro rassicurante bromuro, L'arte come terapia, "L'agenda per l'arte in una società liberale sarebbe quella di aiutare l'anima individuale nella sua ricerca di consolazione, comprensione di sé e realizzazione ... Le opere d'arte cercherebbero di commemorare, dare speranza, echeggiare e nobilitare la sofferenza, riequilibrare e guidare, aiutare se stessi -coscienza e comunicazione, ampliare gli orizzonti e ispirare apprezzamento. "

Ashraf Jamal è scrittore, insegnante ed editore.

IMMAGINE IN CARATTERE: Immagine del file 1000 Gestalten manifestanti che rimuovono i loro abiti in cenere in una manifestazione contro il vertice del G20 che si è svolto ad Amburgo, in Germania, il 5 luglio 2017. Foto: Christian Angl. Immagine gentilmente concessa da 1000 Gestalten.