cheshire-cartellone-1

Artisti statunitensi e sudafricani si uniscono all'ambasciatore degli Stati Uniti per due emozionanti eventi a Città del Capo

L'ambasciatore Patrick Gaspard e sua moglie Raina Washington terranno due eventi il ​​5 giugno, in relazione all'arrivo della loro nuova collezione di arte americana.

Il primo è un progetto murale pratico con artisti e residenti locali presso la Maboneng Township Art Experience, in Langa; e la seconda è una conversazione sull'arte contemporanea che si svolgerà presso la Galleria AVA (35 Church St, Città del Capo) durante le festività mensili del primo giovedì.
Esperienza artistica nella borgata di Maboneng
La Maboneng Township Art Experience è un'iniziativa nazionale di arte pubblica e World Design Capital Project che trasforma le case di città in gallerie, autorizza i residenti a diventare curatori e imprenditori, espone artisti locali a un pubblico più vasto e stimola l'arte nella comunità. Gli artisti collaboreranno con artisti locali, studenti e residenti su murali e installazioni artistiche in due case. http://www.maboneng.com/node/1
cheshire-cartellone-1
Sanford Più grandi, Cheshire Tabellone, 2010. Nike Imbattuto Tabellone, I Angeles, CA. A partire dal www.sanfordbiggers.com
La Galleria AVA, "Trasformazioni: una conversazione su identità, razza e storia nell'arte contemporanea"
35 Church Street, Città del Capo. 17:30 per 18:00
Una discussione di 90 minuti con i cinque artisti statunitensi e SA, con osservazioni introduttive dell'ambasciatore americano Patrick Gaspard.
L'ambasciatore e la sua famiglia hanno selezionato una collezione d'arte che esplora identità, cultura e agenzia attraverso narrazioni storiche, un tema che dovrebbe risuonare con il pubblico sia americano che sudafricano. Questa collezione speciale è resa possibile dal programma "Art in Embassies" del Dipartimento di Stato USA. Questo programma, istituito nel 1963, produce mostre temporanee di opere d'arte americane originali, in prestito da una varietà di fonti per spazi di rappresentanza in tutto il mondo. I due panelisti di discussione americani, i noti artisti Sanford Biggers e Robert Pruitt, saranno accompagnati da Deborah Willis, un eminente professore d'arte statunitense, che modererà la discussione. A questo talentuoso trio si uniranno due dei loro illustri coetanei sudafricani, Mary Sibande e Nicholas Hlobo.
Deborah Willis, Ph.D. (moderatore)
Presidente del Dipartimento di Fotografia e Imaging, Tisch School of the Arts, Università di New York Deborah Willis ha ricevuto le borse di studio Guggenheim, Fletcher e MacArthur, l'Infinity Award in scrittura dall'International Center for Photography e l'Anonimo era una donna Premio della Fondazione. Nominata una delle "100 persone più importanti nella fotografia" dalla rivista americana di fotografia, è una storica storica della fotografia afroamericana e curatrice della cultura afroamericana.


Sanford Biggers, artista statunitense
Un nativo di Los Angeles che lavora a New York City, Sanford Biggers crea opere che integrano film, video, installazione, scultura, disegno, musica originale e performance. Compone intenzionalmente problemi come hip hop, buddismo, politica, identità e storia dell'arte al fine di offrire nuove prospettive e associazioni per simboli consolidati.
Nicolas Hlobo SA Artista
Nicholas Hlobo è nato a Città del Capo e vive a Johannesburg. Nel suo lavoro, intreccia materiali diversi tra cui nastro di raso, pelle e camere d'aria di pneumatici per auto. Ancorato ai densi riferimenti culturali di Xhosa e alle sue esperienze di vita nel Sudafrica post-apartheid, il suo lavoro è altamente individuale e seducente tattile.
Robert Pruitt, artista statunitense
Robert Pruitt è un artista che vive e lavora a Houston, in Texas. Crea disegni e sculture sulla complessità dell'identità nera combinando segni contrastanti e immagini di influenze ed estetica disparate. Stringe fantascienza, musica hip-hop, fumetti e lotte politiche e sociali nere in ritratti stratificati.
Mary Sibande, artista SA
Mary Sibande vive e lavora a Johannesburg. Nei suoi dipinti e sculture, utilizza la forma umana come veicolo per esplorare la costruzione dell'identità in un contesto postcoloniale sudafricano. Critica le rappresentazioni stereotipate delle donne, in particolare delle donne di colore nella società sudafricana.
Testo cortesia of i U.S. Consolato, Mantellina Città