STORIA AA Endale Desalegn CHEPAPE

'Two Social Pacifiers' di Endale Desalegn: An Exhibition Review di Khehla Chepape Makgato

Khehla Chepape Makgato recensisce "Due social ciucci" a Progetti di David Krut a Johannesburg per ARTE AFRICA, una mostra personale dell'artista etiope, Endale Desalegn. La mostra è in mostra dal 5 novembre al 19 dicembre 2015.

STORIA AA Endale Desalegn CHEPAPEIN SENSO ORARIO DA SINISTRA: Endale Desalegn, Alem, 2015, Mix Media, acrilico e olio su tela, 120 x 100 cm; Viso meditativo II, Mix media, acrilico e olio su tela, 170 x 150.3 cm; In attesa, 2015, monotipo, 37.5 x 53.5 cm. Tutte le immagini per gentile concessione di David Krut Projects.

Descrivere il lavoro di Endale Desalegn, è un prerequisito per studiare i movimenti artistici che lo hanno influenzato. L'artista etiope ha adottato un'applicazione di pittura consapevolmente impersonale e ha delineato aree di colore con particolare nitidezza e chiarezza come reazione alle forme più pittoriche o gestuali dell'espressionismo astratto. Vi è una serie di movimenti impiegati nel suo lavoro, tra cui Astrazione, Espressionismo, Cubismo e Pittura dura. Parlando con lui durante l'apertura della sua mostra personale, Desalegn ha detto: "Per molto tempo ormai, sono rimasto intrappolato nell'oscurità per quanto riguarda il mio approccio alla pittura, che è stato ispirato dal corpo di lavoro di" Switch "che ho perseguito e di ritorno a casa ad Addis Abeba. Ora mi sto avvicinando al lato leggero della mia vita con la pittura. ”

La sua mostra personale, "Two Social Pacifiers", con il suo assortimento di dipinti e stampe - dopo il completamento del suo secondo anno di residenza presso lo studio David Krut Projects a Parkwood - esplora l'impatto di soggetti socio-economici, politici, socialisti e carichi di religione . La pittura hard-edge è un movimento evidente nelle sue opere, che nel suo caso è sia figurativo che astratto. La sua capacità di mescolare culture, epoche, media e tecniche risiede nel suo occhio acuto per giustapporre forme, colori, trame, poesia e linguaggio visivo su una tela. Queste ricerche energiche sono dichiarazioni sul ricco arazzo della storia culturale e sul vivace interesse di Desalegn in essa.

"Se guardi la società oggi, alcune persone hanno una bottiglia piena di latte e altri hanno solo un ciuccio, che dà vita all'idea di usare il socialismo combinato con il capitalismo come metafora nel mio lavoro per trasmettere un messaggio", ha detto Desalegn indicando uno dei suoi pezzi, intitolato fingere. In questo dipinto, comunica il problema dell'egoismo e dell'avidità, sostenendo che "l'egoismo è la natura degli esseri umani" e che quelli troppo ossessionati dal controllo e dal potere faranno sempre del loro meglio per mantenere il status quo.

AA STORY Endale Desalegn CHEPAPE 1Endale Desalegn, Strutture sociali I e II, 2015, monotipo, 32 x 40.5 cm. Immagini per gentile concessione di David Krut Projects.

Desalegn ha dedicato questa mostra a sua madre, che secondo lui ha svolto un ruolo fondamentale nella sua pratica ;. "Mia madre mi ha ispirato molto a pensare a Cristo quando ero un bambino." Un'altra influenza importante è la "grande gioia" della letteratura, non solo la bellezza intrinseca della poesia e la chiarezza delle sue osservazioni, ma anche i suoi ritratti artistici, che sono appropriati dell'artista nella sua opera. Desalegn utilizza sia il testo che la fraseologia dalla sua lingua madre, l'amarico, la cui essenza può essere eclissata dalla narrazione visiva per gli spettatori che non parlano la lingua.

Sembrerebbe che anche l'impressionismo abbia avuto il suo ruolo nell'opera di Desalegn. Spesso ritorna sullo stesso soggetto in varie parti della stessa tela o sviluppa i pensieri che lo preoccupano in varie opere. Questo è affascinante in quanto crea momenti piuttosto lunghi ma allo stesso tempo ispirati che leggono come seducenti variazioni sullo stesso tema. Le sue spiegazioni sul suo lavoro contengono una grande intelligenza intrinseca, che dà credito a ciò che lo circonda al momento della creazione dei suoi dipinti; “Alcuni degli elementi del mio lavoro potrebbero non avere un significato diretto - ad esempio, forse ho sentito abbaiare i cani mentre stavo dipingendo questo lavoro, quindi provo a dare credito a quel cane; forse stava piovendo quando ho dipinto quell'opera, quindi provo a scriverne. ”

Desalegn accenna al tema della religione e sostiene che alcuni leader religiosi affermano di essere santi quando le loro azioni indicano diversamente. Il suo lavoro considera scherzosamente i testi biblici; Desalegn ha costruito i propri testi, usando passaggi tratti da tratti religiosi, che ha confessato di applicare in diverse situazioni della sua vita.

Il peso delle sue immagini visive ha un fascino intrinseco sufficiente per essere letto e compreso al di fuori dei circoli professionali di storici e critici d'arte. Alcuni dei suoi lavori tradiscono l'occhio già istruito nella professione artistica, che accoglie persone comuni di ogni ceto sociale.

"Two Social Pacifiers" è in mostra a David Krut Projects, Johannesburg, dal 5 novembre al 19 dicembre 2015.

Khehla Chepape Makgato è un artista indipendente e scrittore d'arte con sede a Joburg, contribuendo regolarmente con articoli ARTE AFRICA e Il giornalista pubblicazioni online. Lavora presso Assemblage Studios e The MediaShop ed è il fondatore di Samanthole Creative Projects & Workshop, un'organizzazione artistica basata sulla comunità che si concentra su programmi per ragazzi di arte e alfabetizzazione.

AA STORY Endale Desalegn CHEPAPE 3DA SINISTRA A DESTRA: Kebe. Gemash II, 2015, monotipo, 92 x 74.5 cm; Moralità e morbilità, 2015, monotipo, 54.2 x 61 cm; Senza titolo II, 2015, Mix Media, acrilico e olio su tela, 120 x 100 cm. Tutte le immagini per gentile concessione di David Krut Projects.

AA STORY Endale Desalegn CHEPAPE 2Due strutture sociali I (capitalismo) e II (comunismo), 2015, olio su tela, 30.5 x 30.5 cm ciascuno. Immagini per gentile concessione di David Krut Projects.