STORIA Verso le intersezioni

Verso le intersezioni: negoziazione di soggetti, oggetti e contesti

In coincidenza con il mese dell'Africa a maggio 2015, ! KAURU Arte contemporanea dall'Africa e Il forum dei collezionisti neri, con il sostegno del Dipartimento di arti e cultura, presenta una serie di mostre, eventi, discussioni e programmi di sensibilizzazione di un mese a Johannesburg e Pretoria tra maggio e giugno.

STORIA Verso le intersezioni
SOPRA: Benedizione Ngobeni, Pance della libertà.

"Verso intersezioni: negoziazione di soggetti, oggetti e contesti" è una mostra a cura di Thembinkosi Goniwe, con una gamma di artisti rinomati che lavorano su una varietà di mezzi provenienti da tutta l'Africa. Assicurati di non perdere il programma della mostra, che si svolgerà nei seguenti luoghi fino alla fine di giugno:

21 maggio - 22 giugno 2015, "Verso incroci: negoziazione di soggetti, oggetti e contesti" presso la Galleria d'arte UNISA. (Campus Muckleneuk, edificio di Kgorong, piano terra, Preller Street, Pretoria).

28 maggio - 30 giugno 2015, Mostra "Introspection ... Where Art Thou" presso il Wits Art Museum (1 Jan Smuts Avenue, Braamfontein).

29 maggio - 30 giugno 2015, "Verso incroci: negoziazione di soggetti, oggetti e contesti" al Museum Africa (Bree Street, Newtown Johannesburg).

Quest'anno "" Verso le intersezioni "esplora una conversazione tra artisti, intellettuali e mediatori culturali che operano in Africa e nella sua diaspora", afferma l'artista, curatore dello storico dell'arte e docente Goniwe, che ritiene che sia "importante stabilire relazioni tra il Sudafrica, i paesi vicini e lontani e le diaspore africane. I temi da esplorare comprendono cambiamenti sociopolitici e storici; preoccupazioni culturali ed estetiche; relazioni umane, esperienze, ideali e utopie - tutti che parlano di questioni di soggetto, oggettività e contesto o situazione. "

Gli artisti coinvolti in "Towards Intersections" provengono da tutti gli angoli del continente e della diaspora e hanno presentato le loro opere in tutto il mondo: Kay Hassan (Sudafrica), Berry Bickle (Mozambico), Andrew Tshabangu (Sudafrica), Anthea Moys (Sudafrica), Benedizione Ngobeni (Sudafrica), Neliswa Xaba (Sudafrica), Mary Evans (Nigeria / Londra), Dana Whabira (Zimbabwe), Ato Malinda (Paesi Bassi / Kenya), Aida Muluneh (Etiopia), Pierrot Men (Madagascar), Breeze Yoko (Sudafrica), Cyrus Kabiru (Kenya), Ed Young (Sudafrica), Buhlebezwe Siwana (Sudafrica ), Abduraza Awofeso (Nigeria), Steve Bandoma (RDC), e Rael Salley (Stati Uniti).

'Towards Intersections' è stato aperto il 21 maggio alle 6:22 con una mostra presso la Galleria d'arte UNISA di Pretoria, che si chiuderà il 2015 giugno XNUMX. Berry Bickle, Kay Hassan, Mary Evans, Aida Muluneh, Andrew Tshabangu, Cyrus Kabiru, Steve Bandoma, Abdulrazaq Awofeso, Ed Young, Pierrot Men e Dana Whabira sono in mostra.

“'Verso incroci' è un'esplorazione per stabilire cuciture e punti di scambio; è una zona di contatto in cui negoziare economie culturali e prospettive intellettuali articolate da interessi personali e socio-politici. Di importanza è l'impiego di queste prospettive per stabilire discorsi che mettono in discussione sia le condizioni storiche che contemporanee per aprire le potenzialità future ", afferma Goniwe. "È un incrocio di diversi artisti, paesi, esperienze, luoghi e mezzi dalla scultura alla pittura, graffiti, video e performance art."

"Introspezione ... dove sei?" che è stato aperto il 28 maggio al WAM di Braamfontein, è curato da Ruzy Rusike. Lo spettacolo si impegna con la posizione di sé nel nuovo Sudafrica, prendendo autoriflessione come mezzo meditativo attraverso le opere d'arte visive. È caratterizzato da giovani artisti Asanda Kupa, Palesa Mopeli, Busi Senong, Quinton Edward Williams e Alphabet Zoo (Minenkulu Ngoyi e Isaac Zavale)

"Verso intersezioni: negoziazione di soggetti, oggetti e contesti" al Museum Africa di Newtown mette in mostra il lavoro di Anthea Moys, Nelisiwe Xaba, Ato Malinda, Buhlebezwe Siwana, Breeze Yoko e Rael Salley.

Tutti gli eventi sono gratuiti e aperti al pubblico

“La mostra funziona come una piattaforma per promuovere le conversazioni tra artisti nel continente e la diaspora. Le opere selezionate sono anche un mezzo per promuovere la comprensione continentale del nostro patrimonio, oltre a generare rispetto per i nostri diversi background culturali. Cerchiamo di promuovere prodotti artistici interafricani, che riteniamo fondamentali per il raggiungimento di uno sviluppo economico sostenibile, la creazione di posti di lavoro e la costruzione di mezzi di sussistenza sostenibili ", afferma Tshepiso Mohlala, direttore del progetto di KAURU.

“Questo è un progetto di più soggetti e oggetti diversi da contesti discrepanti. L'ambizione è esplorare fino a che punto si potrebbero forgiare produzioni creative e scambi intellettuali mentre si potrebbero far avanzare trattative riflessive sulle utopie ”, aggiunge Goniwe. “Tale è un progetto interessato a soggetti e oggetti che sono mobili, diversi, espansivi, ambigui, contraddittori e imprevedibili. Sebbene il concetto di intersezioni è intenzionalmente aperto al coinvolgimento e all'interpretazione, gli artisti sono stati invitati a presentare opere che offrono una critica e lezioni della storia, riflettono sulle complessità contemporanee e proiettano o immaginano il futuro. "

Mohlala elabora, "! Kauru Contemporary Art from Africa è una piattaforma per artisti nel continente e la diaspora per mostrare le loro opere d'arte, creare maggiore consapevolezza e mostrare apprezzamento per la nostra arte contemporanea dal continente. Il progetto mira a sensibilizzare il nostro pubblico africano al valore della propria produzione di arte contemporanea e promuovere l'apprezzamento della qualità dell'arte contemporanea dal continente. "

IL FORUM DEI COLLEZIONISTI NERI: Alla chiusura della mostra a luglio 2014, è stato lanciato il Black Collectors Forum. Questa è una piattaforma per creare una rete di collezionisti d'arte africana e sviluppare un nuovo pubblico per l'arte contemporanea africana. Il Black Collectors Forum è una piattaforma per gruppi esigenti che condividono l'interesse specifico di collezionare arte contemporanea africana e sono alla ricerca di un impegno unico e personale con l'arte e gli artisti che la creano. Ogni evento fornisce ai membri del Forum non solo una panoramica di alcune delle più interessanti opere d'arte contemporanea africana concepite oggi, ma le introduce anche ad artisti, curatori e altri importanti collezionisti e persone del settore.

Thembinkosi Goniwe è un artista, storico dell'arte e curatore, dopo aver tenuto lezioni all'Università di Cape Town, all'Università di Witwatersrand, all'Università di Fort Hare e all'Università della Tecnologia di Vaal. Oltre a contribuire con saggi in varie pubblicazioni, Goniwe ha partecipato a residenze, conferenze, simposi, conferenze pubbliche e workshop a livello locale e internazionale. Un mentore per giovani artisti, curatori e studiosi, il suo contributo nel campo delle arti visive si estende a intraprendere esami esterni, giudicare concorsi d'arte e moderare le discussioni del panel.

Tra le mostre selezionate curate da Goniwe Dialoghi con i maestri: prospettive visive sui due decenni di democrazia, FNB Joburg Art Fair (2014); Da dove inizio?, Edinburgh Arts Festival (2014); Impressions of Roke's Drift: The Jumuna Collection, Durban Art Gallery (2013), Museum Africa in Johannesburg (2014), Grahamstown National Arts Festival (2014) e Iziko South African National Gallery (2014); Desiderio: narrazioni ideali nell'arte contemporanea sudafricana, 54. Biennale di Venezia, Venezia (2011); SPace: Valute in Contemporary Africa Art, Museum Africa, Johannesburg, Sudafrica (2010); e Koma + Ulwaluko: politica e poetica del fare virilità, Polokwane Art Museum (2010).

Goniwe ha pubblicato pubblicazioni alcune delle quali includono ARTsouthAFRICA (Numero di dicembre 2014), Becomo Art Center: Art Sake (Johannesburg: PoroCreatives, 2014), Mary Sibande: The Purple Shall Governare (Johannesburg: Galleria MOMO e Standard Bank Art Gallery: 2013), Visual Century: l'arte sudafricana nel contesto, volume quattro 1990-2007 (Johannesburg: Wits University Press 2011) e SPAZIO: Valute nell'arte africana contemporanea (Pretoria e New York: UNISA Press e African World Press, 2012).