bst

Il sangue, il sudore e le lacrime dei migliori artisti SA utilizzati negli speciali acrilici promozionali per Absa L'Atelier 2014

Absa ha adottato un'avvincente campagna creativa per promuovere la 29a edizione del concorso artistico Absa L'Atelier. Il concetto della campagna, La grande arte prende sangue, sudore e lacrime, comprende una serie di elementi diversi - il più provocatorio dei quali è una serie di colori acrilici realizzati con il sangue, il sudore e le lacrime dei famosi artisti locali Willem Boshoff, Diane Victor e Bambo Sibiya.

L'idea alla base della campagna è che produrre grandi opere d'arte non è qualcosa che accade e basta. È un processo che vede l'artista mettere tutto ciò che ha nel suo lavoro attraverso lo sforzo intenso, la dedizione e l'emozione cruda che serve per dare vita a un concetto. Se artisti giovani, emergenti e aspiranti - il principale target di riferimento del concorso - metteranno tutto questo nel loro lavoro, anche loro prospereranno.
Questo messaggio è stato distillato nei tre elementi che ogni artista ha metaforicamente sacrificato in modo che le sue idee creative potessero vedere la luce del giorno: il loro sangue, il loro sudore e le loro lacrime. Un forte riferimento visivo è stato assegnato a ciascuno di questi elementi / fluidi corporei: rosso (sangue), giallo (sudore) e blu (lacrime), i colori primari che se mescolati insieme possono comporre qualsiasi colore.
Nel tentativo di rendere il concetto più tangibile, gli artisti Willem Boshoff, Diane Victor e Bambo Sibiya hanno accettato di donare il loro sangue, sudore e lacrime in modo da poter dipingere con questi colori. In collaborazione con Lancet Laboratories, sono stati prelevati campioni dagli artisti, elaborati e puliti, per assicurarsi che fossero privi di materiale bio-pericoloso. Questi sono stati poi inclusi nella vernice colorata corrispondente, che è stata fatta a mano da Zellen Art Products, Cape Town.
Per la vernice rossa, l'artista concettuale, Willem Boshoff, ha donato il suo sangue. In laboratorio, il DNA di Boshoff è stato estratto dalle cellule del suo sangue e risospeso in una soluzione tampone. Ciò ha assicurato che l'essenza dell'artista è stata mantenuta (attraverso il DNA) ma che sono stati rimossi eventuali rischi infettivi per gli altri (attraverso agenti patogeni nel sangue).
Tubo di sangue
Artista e incisore, Diane Victor ha donato il sudore necessario per la vernice gialla. I tamponi di garza sono stati posti sotto le sue braccia ed è stata avvolta in una coperta da sauna, in genere utilizzata in centri benessere e di bellezza che venivano riscaldati. La garza è stata quindi collocata in una bottiglia di raccolta con una soluzione tampone e agitata su vortex per forzare il sudore fuori dalla garza e nella soluzione.
È stato raccolto un campione di sudore e il campione non contiene materiale bio-pericoloso.
Tubo del sudore
Alla fine, per la vernice blu, il tipografo Bambo Sibiya ha donato le sue lacrime. Le strisce di carta strappalacrime, di solito utilizzate dagli oftalmologi per diagnosticare gli occhi asciutti, sono state poste negli occhi di Sibiya. Le cipolle e il balsamo al mentolo sono stati quindi utilizzati per far piangere l'artista, con le lacrime raccolte nelle strisce. Le strisce sono state poste in provette di raccolta, aggiunte soluzioni tampone e le provette sono state agitate su vortex per estrarre le lacrime nelle soluzioni tampone. Le poche infezioni virali (come i virus del raffreddore e dell'influenza) che potrebbero essere diffuse attraverso le lacrime sono state rese non infettive attraverso il processo di estrazione.
Tubo per lacrime
Questi campioni elaborati sono stati quindi utilizzati nella fabbricazione delle vernici, un processo intrapreso congiuntamente da Willem Prinsloo di Zellen Art Products e Tracey-Lauren Milne di The Jupiter Drawing Room Johannesburg. La sfida era quella di sviluppare colori che di solito non facevano parte delle palette tipiche degli artisti ma che rappresentassero ancora sangue, sudore e lacrime. I colori sono stati miscelati utilizzando pigmenti esistenti con il risultato che il "sangue" è un rosso intenso con sfumature Alizarin Crimson / Rose Madder; il "sudore" è un giallo scuro, creato da giallo, blu ftalico, rosso naftolo e biossido di titanio; e 'lacrime' è un blu corallo, creato usando Ultramarine Blue.
Boshoff disse che era giusto che gli artisti fossero invitati a donare sangue, sudore e lacrime. “Sentiamo tutti che diamo sangue, sudore e lacrime ogni giorno solo facendo arte, perché è così difficile. Penso che l'idea di metterlo in un tubo di vernice sia nobile - mi piace quasi meglio di tutti gli altri materiali fantasiosi che devono essere nella vernice! Ci porta sulla terra ", osserva Boshoff.
Allo stesso modo, Sibiya ha detto che l'intero processo gli è sembrato familiare, in un certo senso. “Quando ho dato le mie lacrime, non mi è sembrato affatto strano, perché come artisti raccontiamo quotidianamente le nostre storie e mettiamo fuori la nostra biancheria sporca perché tutti possano vederla. Non ci importa quanti ostacoli affrontiamo, alla fine della giornata, per ottenere i pezzi che vogliamo, dobbiamo dare il nostro sangue, sudore e lacrime ”, dice.
Victor è stato felice solo di donare il suo sudore per il processo e spera che possa ispirare gli artisti a produrre grandi opere d'arte. "Perché alla fine", dice, "Penso che l'unico modo in cui puoi definire la grande arte sia se tra 100 anni qualcuno ti ricorda."
Questi acrilici Absa L'Atelier in edizione limitata sono ora disponibili e saranno venduti online tramite deckledge.co.za e in vari punti vendita, che possono essere trovati su absalatelier.co.za. Questi tubi saranno resi disponibili in confezioni da tre colori e una donazione di R100 (cento rand) ti daranno un pacchetto.
Le vernici saranno anche utilizzate in una serie di dipinti, creati dai vincitori e finalisti del passato Absa L'Atelier. Queste opere saranno esposte alla Galleria Absa a giugno 2014. I proventi della pittura e la vendita delle opere d'arte della mostra andranno a Assemblage, un'organizzazione senza fini di lucro coinvolta nella promozione dell'innovazione artistica e della collaborazione nelle arti visive attraverso il peer mentoring gruppi, workshop, mostre collettive e altri progetti collaborativi.
Absa comprende il valore del sangue oltre il suo significato nel processo creativo ed è consapevole della domanda di sangue in Sudafrica. È per questo motivo che da lungo tempo ha una partnership con il National Blood Service sudafricano e ospita regolarmente unità di sangue nella sua sede principale e in altri uffici regionali selezionati. Nell'ultimo trimestre del 2013, Absa avvierà una campagna interna per aumentare attivamente le donazioni di sangue tra il personale.
Un cambiamento significativo al concorso artistico di Absa L'Atelier di quest'anno è il meccanico di entrata. Per la prima volta in assoluto, saranno accettate solo le voci online registrate tramite absalatelier.co.za. Ciò significa che non ci saranno più voci su supporto cartaceo. Incoraggiamo gli artisti a entrare online e per coloro che non hanno accesso a Internet, saranno previsti dei punti di raccolta.
Il dott. Paul Bayliss, curatore della Absa Gallery, afferma: “Absa comprende che ci vuole duro lavoro, impegno e dedizione per dare vita a un'opera d'arte. Questo può essere visto attraverso le opere dei precedenti partecipanti di Absa L'Atelier Willem, Bambo e Diane, che erano tutti intimamente coinvolti nel mettere insieme questa campagna innovativa e accattivante. Attendiamo con impazienza tutte le nostre voci del 2014 e incoraggiamo gli artisti a iniziare a lavorare sulle loro opere d'arte, per garantire che mettano tutti i loro sforzi e presentare opere di altissima qualità. "
Poiché le iscrizioni aprono solo il 2 gennaio 2014, Absa ha lanciato un modulo di piombo online in cui i membri interessati del pubblico e i potenziali partecipanti possono inviare i loro dettagli per ottenere aggiornamenti sulla concorrenza, dettagli di iscrizione, consigli su ciò che costituisce la grande arte e tutte le notizie sull'innovazione campagna per sangue, sudore e lacrime.
Il concorso artistico Absa L'Atelier, in collaborazione con la National African Association for the Visual Arts, è considerato il concorso artistico più lungo e influente del continente. Rende omaggio a giovani artisti locali affermati ed emergenti e alla loro avvincente visione artistica.
bst