Domani / Oggi progetto speciale dell'ICTAF

Lanciare i riflettori al limite

Nkgopoleng Moloi di ARTE AFRICA ha preso tempo in vista della Investec Cape Town Art Fair del 2019 per intervistare Tumelo Mosaka sull'ultima edizione della fiera e la crescita del progetto DOMANI / OGGI.

Troy Makaza, The Opaque looking glass, 2018. Silicone infuso con vernice, 249 x 280cm. Per gentile concessione dell'artista e della galleria al primo piano.

Troy Makaza, Lo specchio opaco, 2018. Silicone infuso con vernice, 249 x 280 cm. Per gentile concessione dell'artista e della galleria al primo piano.

TOMORROWS / OGGI di Investec Cape Town Art Fair ribalta la sceneggiatura riconoscendo dieci artisti che tradizionalmente non sono stati riconosciuti, fornendo una piattaforma importante in cui la comunità artistica può impegnarsi in modo significativo e supportare artisti emergenti che lavorano ai margini della ribalta. La mostra funge da biglietto da visita per gli artisti che contemplano l'arte contemporanea attraverso la trasformazione e la sperimentazione affrontando le attuali questioni sociali e politiche. L'elenco dei partecipanti di quest'anno comprende; Zyma Amien (Sudafrica), Medina Dugger (Stati Uniti / Nigeria), John-Michael Metelerkamp (Sudafrica), Troy Makaza (Zimbabwe), Chris Soal (Sudafrica), Azael Langa (Sudafrica), Armand Boua (Costa d'Avorio) , Ihosvanny (Angola), Aimé Mpane (Repubblica democratica del Congo) e Michael Cook (Australia). Questo insieme diversificato ma coeso di artisti lavora attraverso molteplici tesi e mezzi tra cui; incisione, disegno, fotografia, media digitali, scultura e installazione - una straordinaria combinazione di virtuosismo tecnico, abilità artistica e maestria, che presenta visioni idiosincratiche del presente e del futuro. L'ampio spettro di pratiche artistiche sfida le aspettative su ciò che significa creare e indica l'affermazione dello spazio da parte dei partecipanti all'interno del mutevole panorama dell'arte globale.

Quali sono le condizioni necessarie alle quali un artista può creare una pratica artistica sostenibile? Questa è una domanda difficile: un afflusso di arte, una base di collezionisti in via di assottigliamento e un'economia precaria continuano a tormentare il mercato dell'arte, con gravi limitazioni alla crescita (o persino alla sopravvivenza) degli artisti. Se dobbiamo considerare la fiera d'arte come un modello economico sostenibile del commercio, che consente a curatori, gallerie, collezionisti e artisti di impegnarsi in scambi culturali ed economici, iniziamo a vedere l'importanza dell'accesso alle fiere per artisti giovani ed emergenti, in particolare coloro che sono stati precedentemente esclusi e le cui opere e storie sono state rese irrilevanti e invisibili. In questo senso, progetti come Tomorrows / Today funzionano come un punto di accesso - fornendo soft power agli artisti rappresentati e aprendo l'accesso sia al mercato dell'arte principale in cui il lavoro fisico può essere acquistato e venduto per la prima volta, sia potenziali entrate aggiuntive scorre attraverso pubblicazioni, collaborazioni, inviti a parlare ecc. La Investec Cape Town Art Fair - la più grande fiera del suo genere nel continente - vanta 100 galleristi e oltre 15 visitatori e 000 2 ospiti invitati.

Medina Dugger, Aqua Suku della serie CHROMA, 2017, Stampa a pigmenti in fibra su Dibond. Per gentile concessione dell'artista e Art Twenty One.Medina Dugger, Aqua Suku dalla serie CHROMA, 2017. Stampa a pigmenti in fibra su Dibond. Per gentile concessione dell'artista e Art Twenty One.

ARTE AFRICA ha parlato con il curatore Tumelo Mosaka, che offre approfondimenti sulla sua selezione per DOMANI / OGGI.

ARTE AFRICA: Come si è evoluto il progetto speciale Tomorrows / Today della Investec Cape Town Art Fair sin dalla sua nascita?

Tumelo Mosaka: Ogni anno le presentazioni diventano molto più precise e unificate in termini di concetto. Inoltre, penso che i premi in denaro siano stati un grande incentivo e ora stiamo offrendo anche una mostra al ZeOC MOCAA per ancorare il progetto. Tutti questi sforzi hanno alzato l'asticella, rendendo più competitiva la partecipazione.

La selezione rappresenta una vasta gamma di mezzi. Puoi darci un po 'di intuizione in termini di riflessioni su mezzi diversi in relazione alla loro importanza nella storia dell'arte?

Per me è stato importante avere questo spettro di mezzi rappresentati in fiera. Quello che trovo importante è la scelta del materiale e dei loro trattamenti. Prendi Ihosvanny dall'Angola i cui dipinti e disegni catturano aspetti del caos e della frustrazione della vita urbana. Mentre i dipinti di John-Michael Metelerkamp affrontano maggiormente il trauma e l'ansia nella nostra vita quotidiana. Sembrano caotici ma si occupano di più di un punto di vista introspettivo. Non sono particolarmente interessato al canone della storia dell'arte, quello che mi interessa è come le idee vengono comunicate attraverso l'arte in modi che ci fanno vedere il mondo in modo diverso.

Michael Cook, Undiscovered 3. Stampa a getto d'inchiostro su straccio di cotone, 124 x 100 cm. Per gentile concessione dell'artista e QUESTA NON È UNA FANTASIA.Michael Cook, Non scoperto 3. Stampa a getto d'inchiostro su straccio di cotone, 124 x 100 cm. Per gentile concessione dell'artista e QUESTA NON È UNA FANTASIA.

Quali sono le tue riflessioni sul ruolo dei collettivi nel panorama artistico, in particolare in Sudafrica? C'è spazio per i collettivi di essere riconosciuti in questa sezione della fiera in futuro?

I collettivi sono importanti in quanto nascono da un'esigenza e diventano una rete di supporto per un artista. Offrono anche un'agenzia per artisti che sono privati ​​del diritto di voto. È raro trovare collettivi all'interno della fiera d'arte, ma data la mancanza di supporto per le organizzazioni artistiche all'interno del continente, collettivi come NJE dalla Namibia svolgono un ruolo importante in termini di promozione del dialogo e di esposizione agli artisti della loro regione. Riconosciamo questa necessità e ci consideriamo come qualcosa di più di un semplice mercato.

DOMANI / OGGI cita uno dei suoi obiettivi come "diventare un Launchpad per artisti emergenti; cosa significa esattamente?

Partecipando a questa piattaforma, ciò fornisce già un vasto pubblico per le opere degli artisti. Non solo da collezionisti locali e internazionali, ma anche dal grande pubblico che potrebbe non visitare le gallerie. Abbiamo anche una presenza sul web in collaborazione con Artsy - la piattaforma online per collezionare e scoprire l'arte - che consente l'accesso sia al mercato americano che a quello europeo. Quest'anno, il premio DOMANI / OGGI includerà anche una mostra presso Zeitz MOCAA, che estende ulteriormente l'esposizione per l'artista.

Armand Boua, Les vièx môgô (Les grand frère), 2017. Acrilico e collage su tela, 160 x 230 cm. Per gentile concessione dell'artista e LKB / G.Armand Boua, Les vièx môgô (Les grand frère), 2017. Acrilico e collage su tela, 160 x 230 cm. Per gentile concessione dell'artista e LKB / G.

Quali sono le condizioni necessarie alle quali un artista può creare una pratica artistica sostenibile?

Questa è una domanda difficile: un afflusso di arte, una base di collezionisti in via di assottigliamento e un'economia precaria continuano a tormentare il mercato dell'arte, con gravi limitazioni alla crescita (o persino alla sopravvivenza) degli artisti. Se dobbiamo considerare la fiera d'arte come un modello economico sostenibile del commercio, che consente a curatori, gallerie, collezionisti e artisti di impegnarsi in scambi culturali ed economici, iniziamo a vedere l'importanza dell'accesso alle fiere per artisti giovani ed emergenti, in particolare quelli che sono stati precedentemente esclusi e le cui opere e storie sono state rese irrilevanti e invisibili.

Che aspetto ha il successo di questo progetto e come lo si misura?

In effetti, come viene misurato il successo? È dalle vendite o ci sono altri modi di pensare alla crescita e alla maturità? Preferisco guardare alcuni indicatori che informano come Tomorrows / Today sta avendo un impatto. Per uno, abbiamo visto molte più applicazioni per questa sezione nel corso degli anni, anche il volume di richieste da parte dei collezionisti è aumentato. Entrambi sono segni molto positivi, ma il successo sarà nel modo in cui gli artisti posizionano la loro carriera e solo in tempo saremo in grado di valutare.

Zyma Amien, Unbridled (dettaglio), 2019. Courtesy of the artist & Art First.Zyma Amien, sfrenato (Dettaglio), 2019. Courtesy dell'artista & Art First.

Azael Langa, Shipwrecked, 2019. Per gentile concessione di Julie Miller Investement Art InternationalAzael Langa, Shipwrecked, 2019. Per gentile concessione di Julie Miller Investment Art International.

Nkgopoleng Moloi