Il vincitore: Kemang Wa Luhelere

L'artista di Johannesburg Kemang Wa Luhelere vince il MTN New Contemporaries Art Award 2010 a Durban

Da sinistra: il viceministro delle arti e della cultura Paul Mashatile con il vincitore, Kemang Wa Lehulere, la direttrice della Fondazione MTN SA Eunice Maluleke e il curatore ospite Nontobeko Ntombela.

DURBAN - L'artista di Johannesburg Kemang Wa Lehulere ha vinto il MTN New Contemporaries Art Award 2010, battendo Donna
Kukama, Stuart Bird e Mohau Modisakeng. L'annuncio è stato dato durante una cerimonia di premiazione presso la KZNSA Gallery di Durban, il 14 settembre. La consegna del premio coincide con una mostra collettiva di nuovi lavori di tutti e quattro i finalisti selezionati, organizzata da Nontobeko
Ntombela, curatrice ospite del New Contemporaries Award 2010.

Installazione di Kemang Wa Lehulere Remembering the Future of a Hole as Verb, 2010.

Mentre Kukama, Bird e Modisakeng hanno tutti prodotto un lavoro raffinato coerente con la loro pratica recente, l'installazione monocromatica di Wa Lehulere Remembering the Future of a Hole as Verb (2010) è la più convincente, soprattutto data la rubrica generale del premio ("giovane contemporaneo" ). Questa è la quinta edizione del premio, lanciato nel 2001 con Clive Kellner come curatore ospite.

Meno preoccupato di raffinare una pratica riproducibile basata sulle materie prime - una critica che potrebbe livellare alcune delle opere di Bird e Modisakeng - L'installazione di Wa Lehulere, discretamente collocata in un allegato allo spazio espositivo principale, confronta lo spettatore con disegni murali disegnati con il gesso, strappa di testo impressionistico, tumuli di terra fresca e un video (Ukuguqula iBatyi, 2008) in cui l'artista scava un oggetto sepolto. Il nuovo lavoro è un perfezionamento dei progetti precedenti, inclusa la sua mostra personale di debutto nel 2009, Ubontsi: Sharp
Sharp !, che includeva opere monocromatiche su carta.

Nato a Cape
Town nel 1984 e attualmente residente a Johannesburg, dove sta completando un BA (FA) alla Wits, Wa Lehulere ha lavorato negli ultimi anni in una gamma di media (video, stampa, pittura, installazione e performance). Un ex
membro di Gugulective e attuale membro del Dead Revolutionaries Club - il suo
la biografia sul sito di quest'ultimo afferma che “ha senza vergogna aspirazioni di BEE
e spera di essere un "negro" di casa un giorno "- Wa Lehulere ha recentemente partecipato a un seminario di dieci giorni presso il Centro Paul Klee di Berna, in Svizzera, dove il critico Jan Verwoert ha supervisionato i lavori. Visitatori della ventosa apertura di Dada South? lo scorso dicembre potrebbe anche ricordare l'esibizione di Wa Lehulere che coinvolge un megafono, una grattugia e libri di testo scolastici.

In un profilo dell'artista, pubblicato nel numero di settembre 2009 di Art South Africa, il collaboratore Kabelo Malatsie ha scritto: “C'è un'urgenza
l'artista Kemang wa Lehulere. Dorme fino a tardi e si sveglia presto. Il suo aggrottato
brow riflette una mente la cui ambizione supera le ore disponibili in un giorno. " Sembra che l'ambizione stia iniziando a pagare dividendi.
Le opere di Stuart Bird "Promesse vuote" e "Promesse, promesse", entrambe del 2010, cravatte e alluminio.
Vista dell'installazione che mostra il lavoro di Stuart Bird, a sinistra, e Mohau Modisakeng.
Vista dell'installazione del trittico fotografico di Mohau Modisakeng.
Dettaglio dell'installazione di Kemang Wa Lehulere Remembering the Future of a Hole as Verb, 2010.
Ingresso alla galleria KZNSA.
Dettaglio dell'installazione di Kemang Wa Lehulere Remembering the Future of a Hole as Verb, 2010.
Il monumento di Mohau Modisakeng al coltello Okapi, un coltello con chiusura a chiave o slipjoint originariamente prodotto nel 1902 per l'esportazione nelle colonie tedesche in Africa.
Dettaglio dell'installazione di Kemang Wa Lehulere Remembering the Future of a Hole as Verb, 2010.