Dakar, Senegal

"L'ora rossa"

La tredicesima edizione della Biennale di Dak'Art

Dakar, Senegal

La 13a edizione della Biennale biennale di Dakar si apre oggi nella capitale del Senegal fino al 2 giugno. Seguendo il tema del 2016 di "La città nel giorno blu" - tratto da una poesia di Léopold Sédar Senghor - il tema del 2018 fa eco alla colorata influenza del movimento Négritude, con il tema di "L'ora rossa", tratto dal collega padre di La recita di Négritude Aimé Césaire e i cani tacquero. In questo testo Césaire affronta questioni di emancipazione, libertà e responsabilità, con il titolo che appare nello spettacolo quando la "prima voce allettante" dice: "Io sono l'ora rossa, l'ora rossa annullata". La "seconda voce allettante" risponde affermando: "Sono l'ora delle nostalgie, l'ora dei miracoli".

Gli organizzatori della biennale descrivono quindi "L'ora rossa" come: "la venuta della maggiore età. È il momento in cui ci si emancipa da ciò che è stato trasformandolo e dandogli una nuova forza. È l'ora della metamorfosi e della trasformazione. ” Questa indagine sul nostro mondo in evoluzione sarà supervisionata da Simon Njami, il cui ruolo di direttore artistico di Dak'Art nel 2016 è stato rinnovato per il 2018. Njami è nominato a supervisionare la mostra internazionale intitolata 'A New Humanity' che quest'anno mette in mostra 75 artisti da 33 paesi del mondo, scelti tra 500 applicazioni. Inoltre, cinque curatori ospiti - Cosmin Costinas, Marisol Rodriguez, Alya Sebti, Marianne Hultman e Bonaventure Ndikung - hanno il compito di curare uno spettacolo collettivo con artisti di loro scelta.

Zahra Abba Omar è stagista ARTE AFRICAla redazione.

Per ulteriori informazioni sulla Biennale di Dak'Art, clicca qui.