coniglio multicolore

The Innovation Issue (13.3): In Conversation with Harry Ravelomanantsoa di Rabbit 3d

ARTsouthAFRICA in conversazione con Harry Ravelomanantsoa, ​​MD e fondatore di Rabbit Digital Manufacturing Studio con sede a Città del Capo, in Sudafrica. Questa intervista è stata pubblicata per intero in The Innovation Issue (13.3) di ARTsouthAFRICA.

coniglio multicolore

SOPRA: versioni stampate in 3D del logo Rabbit Digital Manufacturing Studio. Immagine gentilmente concessa da Rabbit.

ARTsouthAFRICA: Ti descrivi come "innovativo dirompente" - cosa significa questo per te e come si riflette nel tipo di lavoro svolto da Rabbit?

Harry Ravelomanantsoa: Disruptive Innovation non è un nuovo termine. Si riferisce a uno sviluppo che arriva e cambia il modo in cui le cose vengono fatte. Internet è un perfetto esempio di innovazione dirompente: ha completamente cambiato il modo di fare le cose, dal commercio alla condivisione delle conoscenze, ha rivoluzionato il mondo. La stampa 3D ha lo stesso potenziale; può cambiare completamente il modo in cui facciamo medicina, ingegneria, arte, design e architettura.

È interessante notare che tuo fratello e co-fondatore, Marc è un artista (Zoomak) e un direttore tecnico. Potresti approfondire la forte relazione tra creatività e utilizzo della tecnologia di produzione additiva?

La stampa 3D è l'esempio perfetto dell'utilizzo sia del cervello sinistro che del cervello destro, è necessario che collaborino per stampare un prodotto utilizzando le stampanti 3D. Con il lato creativo, puoi progettare e concepire il prodotto e hai bisogno del lato tecnico per renderlo una realtà, per capire le macchine e le possibilità e i relativi limiti.

È anche una domanda di "la forma segue la funzione o la funzione segue la forma?" Devi essere in grado di utilizzare sia la tecnica che la creatività per risolvere questo problema.

Fino a poco tempo fa, la stampa 3D era una meraviglia riservata ai settori medico, manifatturiero e ingegneristico, ma sempre più artisti vedono esplorare la stampa 3D nei loro lavori. Nel tuo sito web dici che "la produzione rapida non è un'alternativa ai metodi tradizionali ma piuttosto un mezzo aggiuntivo per favorire lo sviluppo creativo". Che tipo di opportunità offre questa straordinaria tecnologia agli artisti contemporanei?

La stampa 3D offre agli artisti un nuovo tipo di libertà, la libertà di sperimentare e produrre prototipi senza vincoli di tempo. Inoltre, consente agli artisti la libertà di esplorare diversi modi di produrre arte, di vedere e contenere un oggetto che hanno avuto in mente. Offre l'opportunità di svolgere un lavoro digitale (virtuale) e creare qualcosa che puoi contenere, qualcosa con peso, massa e forma.

Utilizzando questa tecnologia, l'artista 3D Cosmo Wenman è riuscito a ricreare le antiche statue greche Venus de Milo e la Vittoria alata di Samotracia. Gli originali sono entrambi al Louvre, ma Wenman ha usato una stampante 3D per uso domestico, al costo di $ 5 al pezzo. Cosa significa questo per il processo di creazione dell'arte e il suo valore? Descrivi la stampa 3D come "una progressione delle arti;" che impatto ha questa progressione sui metodi di produzione tradizionali?

Non penso che dovremmo alienare un metodo o l'altro, o confrontarli in modo così piatto. La stampa 3D offre nuove strade di produzione, un nuovo modo di fare, non un rimpiazzo. Non possiamo sostituire i materiali. Se sei uno scultore che lavora con il legno, il marmo o le tue mani, questo non cambierà. Ma come ho detto, è un mezzo aggiuntivo, un modo diverso di produrre arte. Ci vuole creatività per produrre il disegno, immaginarlo e dargli vita.

Per quanto riguarda le antiche statue riprodotte, penso che sia fantastico per i musei di tutto il mondo poter replicare un manufatto originale, riconoscere che è una replica e poi metterlo nei musei di tutto il mondo affinché tutti possano vederlo. È come un musicista che fa musica e la mette online, tutti possono ascoltare, non importa dove siano. Può essere un'ottima risorsa per questo.

Mio fratello ha coniato il termine "ibridazione" - dove si combinano discipline e mezzi diversi per creare una cosa completamente nuova - e penso che questa sia una tendenza enorme per i creativi, creando arte e stampa 3D.

Hai un artista preferito personale che utilizza la tecnologia di stampa 3D come mezzo di comunicazione?

Ci sono così tanti artisti che ci ispirano, artisti che stanno facendo davvero grandi cose. Uno di questi è Michaella Janse van Vuuren, un'artista sudafricana che sta realizzando un'arte 3D incredibilmente creativa e innovativa. Janse Van Vuuren utilizza stampanti industriali, quindi il suo processo è diverso da altri che coinvolgono stampanti 3D "a basso costo", ma è un altro esempio di utilizzo simultaneo del cervello destro e sinistro. Ha un dottorato in ingegneria elettrica, ma è anche un'artista e si sta facendo un vero nome per se stessa.

Un altro è Anouk Wipprecht, un artista olandese che ha realizzato un abito 'ragno' 3D e vi ha fatto passare una corrente elettrica in modo che le gambe del ragno si muovessero con sensori di movimento. Ha anche realizzato un abito che faceva scorrere una corrente elettrica attraverso la punta delle dita dei modelli, che è una rappresentazione sorprendente dell'incrocio tra arte e tecnologia.

Di recente hai stretto una collaborazione con Wizardz, uno dei principali uffici di stampa di Città del Capo per creare una boutique pop-up per la stampa 3D, la consulenza e la progettazione, portando efficacemente la tecnologia di stampa 3D ancora più vicino al regno pubblico. Congratulazioni per questa partnership innovativa! Cosa speri di vedere il pubblico fare ora che la stampa 3D è più accessibile che mai? Pensi che ispirerà una nuova generazione di designer e artisti che sono attratti dalla creazione con questo mezzo entusiasmante?

Penso che, all'inizio, vogliamo solo che le persone vengano a vedere una stampante 3D in azione, per vedere la meccanica e il processo. Portare tale conoscenza ed esperienza al pubblico è una grande opportunità. La maggior parte delle persone non ha le competenze per progettare il proprio prodotto, ma ci sono siti web come Honkiat, Thingiverse o Sculpteo, dove è possibile scaricare il prodotto e stamparlo. Possiamo anche trasformare la tua idea in un prodotto 3D - ti aiutiamo attraverso il processo, modellalo e progettalo per te - e puoi avere il tuo prodotto in un giorno o due, a volte anche un paio d'ore. L'idea che le persone abbiano stampanti 3D domestiche è ancora un po 'fuori portata, perché le persone avranno ancora bisogno delle conoscenze di progettazione per creare, ma questo è sicuramente un inizio.

Penso che stia creando anche una nuova professione; una nuova generazione sarà ispirata dalla tecnologia e vorrà imparare i programmi più tecnici per essere in grado di generare modelli. Le aziende leader come Autodesk, Makerbot e recentemente HP, stanno aprendo la strada creando software che tutti possono usare per creare arte digitale.

Rabbit ha anche avviato un programma per la scuola di stampa 3D. È fantastico che tu stia creando opportunità e consenti ai giovani di accedere a nuove tecnologie per aiutarli a far crescere le loro capacità. Potresti dirmi di più su questo?

Vogliamo insegnare agli studenti la tecnologia, in modo che possano usarla per la costruzione di modelli, progettazione e prototipazione, tra le altre cose. Grazie al mio background, ci siamo avvicinati alle scuole di animazione, ma ora stiamo collaborando con i dipartimenti di ingegneria, le scuole di medicina e design per portare la tecnologia agli studenti.

Gli studenti saranno in grado di accedere alle stampanti 3D, un supporto che normalmente non sarebbero in grado di utilizzare. Offriamo agli studenti diversi livelli di insegnamento e addebitiamo tasse diverse in base alla loro esperienza. Gli studenti del primo anno avrebbero bisogno solo di uno o due modelli all'anno, mentre uno studente dell'ultimo anno potrebbe aver bisogno di un massimo di dieci. Scontiamo enormemente le nostre tariffe per renderle molto più convenienti, ma crediamo anche che dobbiamo caricare qualcosa, impartire i valori dell'esperienza del mondo reale e l'etica del lavoro.

Mentre ci sono alcuni posti che lo fanno gratuitamente - il CCID sta facendo ottimi corsi gratuitamente, ad esempio - offriamo loro tariffe enormemente scontate e quindi offriamo consulenza e supporto gratuitamente.

Le possibilità di questa tecnologia sembrano infinite! Cosa ti entusiasma di più al momento? Cosa possiamo aspettarci di vedere da Rabbit nel prossimo futuro?

Al momento sono davvero felice che solo un anno fa stavamo facendo brainstorming su tutte le cose con cui volevamo essere coinvolti, e ora stiamo lavorando a tutti loro. Volevamo entrare nel design medico e ora stiamo realizzando protesi, siamo anche coinvolti nella moda, nel design e nell'ingegneria.

Siamo uno studio relativamente piccolo, quindi stiamo cercando di espanderci anche quest'anno! Abbiamo stretto una collaborazione anche con aziende e clienti davvero fantastici, che potremo annunciare nel prossimo futuro.

Guardando verso l'esterno, stiamo seguendo da vicino lo sviluppo della stampa 3D e della tecnologia spaziale: stanno accadendo cose incredibili! La Stazione Spaziale Internazionale ora ha la sua stampante 3D e ha recentemente stampato una chiave inglese per gli astronauti da utilizzare nello spazio. Il costo di 1 kg (di materiale e strumenti) nello spazio costa tra i dieci e i sessantamila dollari, ma ora possono inviare una stampante e stanno sviluppando un metodo per utilizzare materiali in situ (da Marte e Luna) per stampare attrezzature nello spazio.

Immagina anche i lavori che creeranno, affinché ingegneri e architetti possano progettare prodotti da stampare nello spazio!

Ci sono alcune incredibili innovazioni e sviluppi in corso, e siamo davvero entusiasti di far parte di tutto questo!

Logo stampato 3D ARTsouthAFRICA

Rabbit 3D ha progettato e stampato il modello del logo di ARTsouthAFRICA che è stato utilizzato come elemento di design in The Innovation Issue (13.3).