STORIA Global Art Forum

The Innovation Issue (13.3): In Conversation with Uns Kattan

In conversazione con Uns Kattan, Education Manager e coordinatore del progetto di Art Dubai per il Global Art Forum. Questa intervista è apparsa nel numero di innovazione di marzo (13.3) di ARTsouthAFRICA.

STORIA Global Art Forum

La nona edizione del Global Art Forum, che si affianca Arte Dubai, si svolge per la prima volta a Kuwait City (14-15 marzo) e continua a Dubai (18-20 marzo 2015), affrontando il tema delle tecnologie e il loro impatto sul mondo dell'arte e della cultura. Intitolato "Download Update?", Il Forum è co-diretto da Turi Munthe e Sultan Sooud Al Qassemi, con Shumon Basar come direttore generale.

ARTsouthAFRICA: Il Global Art Forum di quest'anno si intitola "Download Update?" - come sei arrivato a questo titolo e in che modo informa il contenuto del forum?

Uns Kattan: Shumon Basar, il nostro direttore generale, ha inventato il titolo del Global Art Forum di quest'anno. Si è evoluto dalle discussioni sulla natura ciclica della tecnologia e su come, come egli descrive, è un "processo sempre attivo di ri-creazione di ciò che siamo". Il contenuto del forum mette in discussione e discute la tecnologia da un approccio culturale, storico e sociologico.

Chi sono alcuni dei partecipanti chiave all'edizione di quest'anno del forum?

La gamma di relatori spazia da quelli all'avanguardia dei nuovi sviluppi tecnologici - tra cui il fondatore di Jawbone Alexander Asseily, il direttore del design M3 / Relativity Christopher Bevans, il direttore del progetto culturale Google Amit Sood e l'innovatore dell'educazione digitale Ayesha Khanna - ad artisti, scrittori e curatori che si impegnano con le tecnologie in modi particolarmente innovativi, tra cui Lawrence Abu Hamdan, Amar Bakshi, James Bridle, Manal Al Dowayan, Cecile B. Evans, Omar Kholeif, Dan O'Hara, The Otolith Group e Troy Conrad Therrien.

Perché pensi che sia necessario in questo momento avere una conversazione sul ruolo delle tecnologie nel mondo dell'arte?

Il mondo è cambiato in modo così significativo a causa della rivoluzione della tecnologia e della comunicazione negli ultimi decenni, ma non abbiamo fatto il punto su come questo cambiamento abbia avuto un impatto sulla pratica degli artisti e sul mercato dell'arte e, più di questo, il modo in cui pensiamo, comunichiamo e creiamo. Questa è anche la prima volta che questo grado di attenzione è stato dedicato a questo argomento in Medio Oriente.

Il numero di marzo di ARTsouthAFRICA è "The Innovation Issue", con particolare attenzione al lavoro all'avanguardia, ai media digitali e ai creativi che utilizzano tecnologie / soluzioni e approcci innovativi per realizzare nuovi lavori. Quali innovazioni creative e culturali (in particolare o ispirate all'Africa) ti interessano?

È stato un grande piacere vedere il programma del Forum di quest'anno riunirsi e attraverso questo processo per conoscere così tante innovazioni culturali. Sono particolarmente entusiasta del panel dei musei virtuali. Gabriel Perèz-Barreiro, direttore e curatore capo della Colección Patricia Phelps de

Cisneros a Caracas / New York, Jack Persekian, direttore e curatore capo presso il Museo palestinese di Gerusalemme e Gala Berger, artista e co-fondatrice del Museo La Ene, Galería Inmigrante e la piattaforma Urgente di Buenos Aires discuteranno di musei che stanno interagendo con "pubblico virtuale" per dare al pubblico della diaspora la sensazione di appartenenza fisica al museo. Questo problema è particolarmente pertinente ai confini geografici all'interno dell'Africa e del Medio Oriente, dove così tante persone vivono lontano da casa e dove vengono costruiti nuovi musei e istituzioni.

I direttori del forum, Turi Munthe, Sultan Sooud Al Qassemi e Shumon Basar, hanno tutti un profondo interesse per la politica. In che misura la politica regionale e nazionale influenza la portata e l'influenza delle tecnologie su una particolare scena creativa culturale?

È stato molto interessante assistere a come la tecnologia abbia permesso la discussione in Medio Oriente. Attraverso i social media, la politica regionale e nazionale ha coinvolto un pubblico molto più ampio e questo accesso alle informazioni è stato fondamentale per ispirare la creatività in tutta la regione. Non è tanto che la politica ha ostacolato la portata e l'influenza della tecnologia, ma che la tecnologia ha contribuito a espandere la portata e l'influenza della politica.

Il tema di quest'anno è un "manuale sui miti del progresso tecnologico". Cosa pensi che potrebbero essere alcuni di questi miti?

Nonostante i numerosi vantaggi progressivi della tecnologia sulla società, il Forum spera di esplorare l'intera portata del suo impatto. Uno dei miti che stiamo sfidando è l'idea che tutto il progresso tecnologico sia puramente benefico per la società e la cultura. Detto questo, non stiamo nemmeno rivendicando una posizione anti-tecnologica! Stiamo semplicemente osservando, analizzando e discutendo. Turi descrive questo detto: “La tecnologia era solita ritardare l'uomo: per tutta la storia, abbiamo immaginato cose che non potevano essere costruite. Ciò potrebbe essersi invertito: potremmo non essere in grado di concepire ciò che già esiste. Molti simposi che affrontano il tema della tecnologia credono nella tecnologia.

Sappiamo che esiste. Semplicemente non lo adoriamo. "

Un 'manuale di solito si riferisce a una serie di istruzioni, pensi che questo forum sarà prescrittivo? Chi immagini trarrebbe beneficio da questo "manuale"?

Più che un "manuale", il Forum è in effetti, poiché Shumon lo definisce "un motore di ricerca" che "scansiona" ha trascurato le invenzioni, le intenzioni e le innovazioni. Il Global Art Forum ha sempre attratto una vasta gamma di spettatori che abbracciano il mondo dell'arte, quello della tecnologia e tutto il resto.

Cosa succede con la ricerca, i colloqui, i progetti e le idee risultanti dal Global Art Forum?

Colloqui, ricerche, pubblicazioni e progetti del Forum vengono raccolti e presentati durante la fiera in un archivio multimediale intitolato "Forum Forum". Questo è disponibile anche tutto l'anno come libreria online su artdubai.ae. Le registrazioni video dei discorsi vengono caricate online subito dopo la fiera. Contiamo anche sui media per partecipare, rivedere e continuare la discussione dopo la fiera. Ogni anno, il Forum accende il dibattito e lo vediamo continuare tutto l'anno.