"il quarto Butcher Boy"

Lunedì sera la banca di telefoni che faceva offerte dall'esterno della stanza è diventata minacciosamente silenziosa quando il lotto 248 è caduto sotto il martello. Vendendo per R5.4m Jane Alexander's Senza titolo soprannominato "il quarto Butcher Boy" ha stabilito un nuovo record per la scultura sudafricana, anticipando il precedente massimo di R2.2m di Anton van Wouw.

I telefoni erano stati una caratteristica notevole della vendita uniforme di Strauss & Co con cattive connessioni e accenti stranieri spesso interrompendo il flusso dei procedimenti di quella che era una serata piuttosto sommessa. Alexander Senza titolo ha suscitato un notevole interesse nei circoli locali grazie alle sue connessioni con una delle sculture più iconiche del Sudafrica, il Butcher Boys.

Costruito nello stesso periodo nel 1986 come parte dei suoi maestri della WITS, Senza titolo è stato realizzato come una figura di accompagnamento che ha affrontato il terribile trio dall'altra parte della stanza quando sono stati esposti alla Galleria del mercato di Johannesburg. Tuttavia, mentre il Butcher Boys erano spinti alla fama internazionale di essere inclusi in mostre di successo alla Biennale di Venezia, tra gli altri, questa figura ha avuto una traiettoria completamente diversa.

Scivolando dalla vista pubblica è stato acquistato da uno studente universitario che ha pagato rate dalla sua paghetta. Per coincidenza, prima del Butcher Boys fu acquisita dalla National Gallery sudafricana e fu conservata nella sala dei genitori di Alexander, dove, secondo la leggenda del mondo dell'arte, prese in considerazione l'idea di portarli nella discarica della città.

Ciò che rende intrigante questa recente vendita è che con solo tre offerenti nella stanza e i telefoni silenziosi, ha attirato ben poco l'attenzione internazionale che l'hype che portava alla vendita si aspettava. Raccogliendo recensioni entusiastiche per il suo recente spettacolo a New York presso la Cattedrale di San Giovanni il Divino, si prevedeva che la scultura sarebbe stata acquistata da un collezionista o museo straniero.

Invece, con gli offerenti che si sono ridotti a due, è stato finalmente acquistato da un collezionista privato con sede a Johannesburg che, accompagnato dal commerciante d'arte locale Warren Siebrits, ha lasciato la stanza immediatamente dopo che il lotto era stato messo in sicurezza. Non disposto a dare il suo nome, ha comunque confermato che l'opera rimarrà nel paese ma che sarà conservata in una collezione privata.

Mentre la Butcher Boys ora sono considerati troppo delicati per essere prestati, c'è speranza che possano essere uniti Senza titolo, che cambierà sicuramente il modo in cui sono visti nella storia dell'arte sudafricana.

Scritto da: Matthew Partridge