La 5a Biennale Internazionale di Casablanca annuncia nuove date

Residenza Ifitry. Credito fotografico: Biennale Internazionale di Casablanca

A causa dell'interruzione del suo programma di incubazione, causato dalla pandemia di coronavirus (COVID-19), la Biennale Internazionale di Casablanca ha deciso di rinviare la sua quinta edizione. La biennale si svolgerà ora dal 24 maggio al 1 agosto 2021 (con giorni di apertura e anteprima professionale dal 20 al 23 maggio). Per la prima volta, la biennale estenderà anche il suo programma di mostre alla regione di Essaouira, dove ha sede il suo centro di residenza per artisti contemporanei e artisti Ifitry.

La situazione senza precedenti che attualmente colpisce la società su scala globale richiede nuove riflessioni sulla nostra esperienza comune e le nostre relazioni reciproche. Questo contesto, in cui il ruolo dell'arte è tanto più importante, ci invita a interrogare i modi di produzione artistica in relazione agli ecosistemi che sono sia locali che globali. Ci obbliga anche a rivalutare i formati per la diffusione dell'arte contemporanea e il coinvolgimento del nostro pubblico in tempi di incertezza.

A questo proposito, a maggio verranno lanciati nuovi contenuti curati sul sito web della Biennale. Le attività partecipative riprenderanno al più presto con residenze Ifitry e una mostra presso il Center for Contemporary Art. Un pre-programma avrà luogo a Casablanca nelle date iniziali dal 24 settembre al 1 novembre 2020, soggetto a modifiche.

Questo nuovo formato è sviluppato dal team della Biennale che è lieto di annunciare tra i nuovi partner Hyatt Regency Casablanca che ospiterà, nel 2021, una mostra temporanea presso l'Hyatt Arena e spettacoli di DJ e sound art al Black House club; e l'Institut français de Casablanca, con cui la biennale sta preparando un programma multidisciplinare che combina intervento murale, proiezioni di video arte, performance d'arte, dj set e una conferenza.

Intitolata The Words Create Images, la 5a Biennale Internazionale di Casablanca è curata da Christine Eyene, direttrice artistica, con i curatori associati Soukaina Aboulaoula e Cindy Sissokho.

Supportata da Fondation Maroc Premium, questa edizione della biennale è organizzata in collaborazione con: Making Histories Visible (University of Central Lancashire); New Art Exchange, Africa / UK: Transforming Art Ecologies e Here, There & Everywhere programmi supportati da Arts Council England; Frac Réunion (Fonds régional d'art contemprain); Institut français; Phileas - Un fondo per l'arte contemporanea e altri partner saranno annunciati nei prossimi mesi.