Sharjah's Africa Hall to Reopen

L'Africa Hall fungerà da sede per le attività del nuovo Istituto africano

SHARJAH, Emirati Arabi Uniti (16 settembre 2018) - Hoor Al Qasimi, Presidente dell'Africa Institute, ha annunciato oggi l'inaugurazione del nuovo ricostruito Sala Africa e l'istituzione di L'Africa Institute.

Africa Hall, Sharjah, 2018. Immagine gentilmente concessa da The Africa InstituteAfrica Hall, Sharjah, 2018. Immagine gentilmente concessa da The Africa Institute.

Inizialmente aperto a Sharjah nel 1976, Sala AfricaIl primo evento culturale e politico è stato il Simposio arabo-africano, che si è tenuto dal 14 al 18 dicembre 1976. La nuova Africa Hall, che è stata ricostruita nello stesso sito dell'edificio originale, servirà come luogo di incontro per conferenze, simposi, conferenze, proiezioni di film, rappresentazioni teatrali ed esibizioni relative alle attività di The Africa Institute. Un edificio aggiuntivo che in seguito ospiterà permanentemente l'Africa Institute sarà costruito adiacente all'Africa Hall, progettato da Sir David Adjaye.

L'Africa Institute fungerà da istituto di ricerca accademica interdisciplinare orientato a livello globale dedicato allo studio, alla ricerca e alla documentazione dell'Africa; la sua gente e le sue culture; il suo passato, presente e futuro complessi; e le sue molteplici connessioni con il mondo. Questo centro per gli studi sulla diaspora africana e africana esaminerà anche i legami storici e contemporanei tra l'Africa e la regione del Golfo Arabo, dimostrando che la vicinanza geografica e gli scambi economici e culturali nel corso dei millenni hanno da tempo collegato l'Africa e il Golfo Arabo. Concepito come un think-tank basato sulla ricerca e un istituto di studi post-laurea, l'Africa Institute offrirà sia master che dottorato di ricerca. programmi.

'Sharjah è sempre stata al crocevia di varie culture, con grande influenza dall'Africa a causa della vicinanza geografica e degli scambi economici. L'istituzione dell'Africa Institute, la prima istituzione di ricerca e archiviazione del suo genere nella regione, rende omaggio a questa ricca storia ', ha affermato Al Qasimi. "Siamo inoltre lieti di rilanciare l'Africa Hall che, sin dalla sua fondazione a Sharjah nel 1976, ha creato un'eredità duratura di connessione interculturale ed espressione artistica."

"L'Africa Hall, recentemente ricostruita, spera di far rivivere l'epoca d'oro dell'edificio negli anni '1970 e '1980, quando è stato il fulcro di eventi culturali che includevano eventi letterari, spettacoli teatrali e musicali e lettura di poesie, oltre a conferenze e simposi su diversi argomenti ", ha affermato la dott.ssa Salah Hassan, professore e direttore di Goldwin Smith, Institute for Comparative Modernities, Cornell University e consulente accademico dell'Africa Institute.

Il programma di apertura di Africa Hall si svolgerà dal 25 al 30 settembre e includerà spettacoli di Zied Zouari, Youssou N'Dour e La Fathy Salama Orchestra (25 settembre), Youssou N'Dour e Le Super Étoile de Dakar (26 settembre), Oumou Sangaré (27 settembre), Mulatu Astatke (28 settembre), Lisa Simone, DJ Peter Adjaye (29 settembre) e Somi (30 settembre), nonché una proiezione del film Un'opera del mondo (2017), diretto da Manthia Diawara (28 settembre).

Il simposio 5-plus-1: Rethinking Abstraction, presentato da Sharjah Art Foundation (SAF) e tenuto in concomitanza con la mostra di SAF Frank Bowling: Mappa Mundi si svolgerà anche in Africa Hall domenica 30 settembre 2018. Il simposio è convocato da Okwui Enwezor (curatore, critico ed ex direttore di Haus der Kunst), Hoor Al Qasimi e Salah M. Hassan.

Contatto per i media

Alyazeyah Al Reyaysa

alyazeyah@sharjahart.org