La riunione annuale di marzo della Sharjah Art Foundation ritorna dal 21 al 23 marzo 2020

Al via la Biennale di Sharjah 15, MM 2020: Svelare il presente Esamina l'evoluzione della Biennale di Sharjah e della riunione di marzo

Per gentile concessione della Sharjah Art Foundation.

L'annuale March Meeting (MM) della Sharjah Art Foundation torna dal 21 al 23 marzo 2020, riunendo artisti, curatori e professionisti dell'arte di tutta la regione e di tutto il mondo per una serie di conferenze, workshop e spettacoli. L'edizione 2020, intitolata Svelare il presente, conduce al 30 ° anniversario della Biennale di Sharjah nel 2021 e fa parte della Biennale di Sharjah 15: Pensare storicamente nel presente, concepito dal compianto Okwui Enwezor.

March Meeting 2020 (MM 2020) esaminerà la storia della Biennale di Sharjah e dei precedenti Incontri di marzo, riunendo ex curatori, partecipanti e interlocutori della Biennale, nonché storici e critici dell'arte per discutere il ruolo della Biennale come catalizzatore del dialogo critico e scambio transnazionale. Secondo Enwezor, la Biennale di Sharjah è "percepita come un modulo con cui affrontare il potere dirompente del monolinguismo artistico".

"L'incontro annuale di marzo della Sharjah Art Foundation offre agli artisti, curatori e professionisti d'arte di tutto il mondo l'opportunità di riunirsi per riflettere e continuare questo dialogo continuo sulle questioni più vitali dell'arte contemporanea", ha affermato Hoor Al Qasimi, Direttore della Sharjah Art Foundation. “L'edizione di quest'anno è particolarmente speciale in quanto celebreremo ed esamineremo la storia della Biennale di Sharjah e le questioni critiche legate alla realizzazione di mostre. Non vediamo l'ora di accogliere il pubblico e i partecipanti per far parte di questo solido scambio culturale ".

MM 2020 esplorerà anche l'evoluzione della Biennale nel suo sforzo di rompere con le modalità tradizionali di curare ed esporre l'arte e coinvolgere il pubblico attivando spazi non istituzionali e passando a modelli di rappresentazione non geografici. Durante i tre giorni della riunione, i pannelli e le tavole rotonde esamineranno i 30 anni di storia della Biennale di Sharjah e le diverse questioni relative al tema MM 2020. Fondamentalmente, MM 2020 esaminerà in modo critico l'accoglienza, l'impatto e la rilevanza della Biennale di Sharjah nelle scene d'arte contemporanea regionali e globali. Gli atti di MM 2020 saranno modificati e pubblicati in occasione dell'apertura della Sharjah Biennial 15 nel 2021.

I relatori ei partecipanti di MM 2020 includono Tarek Abou El Fetouh (curatore); Thuraya Al-Baqsami (artista, scrittore); Mona Al Khaja (artista); Hisham Al Madhloum (Presidente, Collezione Sharjah Arts); Noora Al Mualla (Direttore per l'apprendimento e la ricerca, Sharjah Art Foundation); Hoor Al Qasimi (Presidente e Direttore, Sharjah Art Foundation); Yousif Aydabi (Consulente culturale, Sheikh Dr Sultan Al Qasimi Center); Sammy Baloji (artista); Ute Meta Bauer (Direttore fondatore, Centro NTU per l'Arte Contemporanea di Singapore e Professore, Scuola di Arte, Design e Media, NTU); Carolyn Christov-Bakargiev (Direttore, Museo d'Arte Contemporanea Castello di Rivoli e Direttore, Fondazione Francesco Federico Cerruti), Lucrezia Cippitelli (studioso, curatore); Iftikhar Dadi (Professore Associato, Storia dell'Arte e Direttore, Programma per l'Asia Meridionale, Cornell University); Catherine David (Vice Direttore, Museo Nazionale d'Arte Moderna, Centre Pompidou); Manthia Diawara (Professore, NYU e regista); Ehab Ellaban (Direttore, Center of Arts Cairo); Reem Fadda (Direttore, Abu Dhabi Cultural Foundation); Coco Fusco (artista, scrittore e professore, Cooper Union School of Art); Thembinkosi Goniwe (Professore assistente di storia dell'arte, Università di Rodi); Hou Hanru (Direttore artistico, MAXXI); Yuko Hasegawa (curatore); Salah M. Hassan (Direttore, The Africa Institute, Sharjah e Goldwin Smith Professor, Cornell University); Geeta Kapur (critico d'arte, curatore); Mohammed Kazem (artista); Omar Kholeif (Direttore delle collezioni e curatore senior, Sharjah Art Foundation); Vasif Kortun (curatore); Arshiya Lokhandwala (storico dell'arte, curatore e fondatore, Lakeeren Art Gallery); Margarita González Lorente (Vice Direttore, 13a edizione della Biennale dell'Avana e Curatore, International Contemporary Art, National Museum of Fine Arts, Havana); Amina Menia (artista); Otobong Nkanga (artista); Chika Okeke-Agulu (Professore e Direttore degli studi universitari, Dipartimento di Arte e Archeologia, Università di Princeton); Jack Persekian (Direttore, Al Ma'amal Foundation), Qudsia Rahim (Direttore Esecutivo, Lahore Biennale Foundation); Enrique Rivera (Direttore, Biennial of Media Arts of Santiago); Nada Shabout (Professore, Storia dell'Arte e Coordinatore, Iniziativa di studi culturali arabi e musulmani contemporanei, University of North Texas); Suha Shoman (Fondatore e presidente, Darat Al Funun, The Khalid Shoman Foundation); Aisha Stoby (Curatore / ricercatore); Alia Swastika (curatore); John Tain (Responsabile della ricerca, Asia Art Archive); Christine Tohme (Direttore fondatore, Ashkal Alwan); Françoise Vergès (politologo, curatore, autore); Octavio Zaya (Direttore esecutivo, Cuban Art Foundation) e Tirdad Zolghadr (Curatore associato, KW Institute for Contemporary Art e Direttore Artistico, Sommerakademie Paul Klee).

Il programma includerà anche spettacoli serali guidati da rinomati artisti e musicisti Tarek Atoui, così come l'annuncio dei vincitori del ciclo di sovvenzioni del programma di produzione di quest'anno.

In concomitanza con MM 2020, le mostre Zarina Bhimji: tasca nera e Tarek Atoui: Cicli in 11, entrambi curati dal direttore della Sharjah Art Foundation Hoor Al Qasimi, e L'arte nell'era dell'ansia, a cura del direttore delle collezioni della Sharjah Art Foundation e del curatore senior Omar Kholeif, aprirà il 21 marzo 2020. Il curatore speciale e i tour guidati dagli artisti delle mostre si svolgeranno durante MM 2020.