Note su "Alla ricerca di Fela" e film politico

Craig Hubert (@craighubert) scrive di Fela Anikulapo-Kuti, musicista e attivista per i diritti umani, solo tangenzialmente. Utilizza un nuovo documentario sulla sua vita - "Alla ricerca di Fela", diretto da Alex Gibney e attualmente impegnato nell'IFC Center di New York - per porre domande su come affrontare argomenti politici sul palco e sullo schermo. È composto da frammenti che possono essere letti in qualsiasi ordine. Come la vita e la musica di Fela, ci sono più trame narrative che fluttuano in questo testo senza un chiaro inizio o fine.

20140807 Fela
Per gentile concessione di Jigsaw Production e Blouin ARTINFO.
Domanda: chi è Fela Anikulapo-Kuti? Un uomo composto di contraddizioni: figlio del privilegio, voce del popolo; figlio di un'attivista per i diritti delle donne, vampiro edonista; marito di 27 dei suoi ballerini di sostegno, padre distante dei suoi figli; negazionista dell'AIDS, vittima dell'AIDS; figura ispiratrice di rivoluzione, assimilata nel proscenio della Grande Via Bianca; arbitro di agitazione, poeta del solco.
La molteplicità della vita di Fela, la sua evasione di una narrazione chiara, è ciò che lo ha reso interessante. Non esiste un solo Fela Anikulapo-Kuti e ce ne sono molti. Dove queste diverse vite si sono riunite in una forma unificata all'interno della musica: Afrobeat, la miscela distintamente nigeriana di Ghanian Highlife e American Funk, e propulsiva musica politica per la pista da ballo. Ma Afrobeat era più di un suono, più della combinazione di influenze sopra menzionata. Ha fornito il linguaggio del momento, personale e politico. Allinearsi con Afrobeat era una forma di protesta,
"Finding Fela" utilizza la produzione di Broadway del musical "Fela!" come quadro per parlare della sua vita e carriera. Lo spettacolo, dopo una breve esibizione di un mese a Off-Broadway, è stato aperto al Eugene O'Neill Theatre il 19 ottobre 2009, con un libro scritto da Bill T. Jones e Jim Lewis e la musica di Fela suonata dalla Antibalas Afrobeat Orchestra . La produzione è stata nominata per 11 Tony Awards e ha vinto il premio per il miglior sound design di un musical, il miglior costume di un musical e la migliore coreografia.
Gibney utilizza filmati del backstage durante i preparativi per lo spettacolo, insieme a interviste con il team creativo dietro il musical, disegnando parallelismi impliciti tra la loro lotta per spremere le molte vite di Fela in una produzione teatrale gradita alla folla e le sue stesse lotte come dissidente politico. Questo serve come introduzione - una porta ai giorni nostri che si apre al passato - e un promemoria sicuro che, non importa quanto la storia che stiamo guardando sia preoccupante, finisce con una nota piacevole.
È un dispositivo semplice ma difettoso. Plasmare le vite di Fela nel più pigro dei cliché narrativi, ammorbidendo tutto ciò che era pericoloso o tabù nella sua vita e nel suo lavoro, significa sacrificare tutto ciò che era essenziale alla sua verità in nome della relatività. Implica che un pubblico non possa gestire o non apprezzerà una figura complicata sullo schermo, un uomo che trascende le nozioni facilmente identificabili del bene o del male. Suggerisce che il pubblico non può pensare in modo indipendente, al di fuori delle norme tradizionali - una delle stesse idee che Fela ha contrastato attraverso la sua musica e il suo messaggio.
FELA-1
Per gentile concessione di www.conceptoradio.net.
"Sì, la parte politica è una necessità", ha detto Fela al giornalista John Collins in un'intervista. “Non vedo come la musica africana oggi possa riguardare ciò che non influenza le nostre vite adesso. La nostra musica non dovrebbe riguardare l'amore; dovrebbe riguardare la realtà e ciò che stiamo facendo finora ... Quindi Afrobeat è un'occasione per la politica perché è l'occasione in cui ci troviamo ora: le persone che soffrono ".
Esiste un modo per realizzare un film o una produzione teatrale su Fela senza ridurre la sua politica? Una statistica: a partire dal 2013, i bianchi hanno acquistato il 78 percento di tutti i biglietti per Broadway. Un'altra statistica: il reddito familiare medio annuo di un normale spettatore di Broadway è di $ 186,500. Portare Fela nei confini del palcoscenico di Broadway, popolato e finanziato da un pubblico benestante e prevalentemente bianco, cambia il modo in cui viene percepito, indipendentemente dalla sensibilità del ritratto?
Forse nessuna di queste cose conta? Una storia: alla proiezione della stampa di “Alla ricerca di Fela” a cui ho assistito, c'erano più persone dei gruppi di attivisti della comunità e poi c'erano i membri della stampa. Una versione smussata della storia di Fela, priva delle complicazioni del suo soggetto, può essere usata come strumento per l'attivismo?
"Afrobeat", avrebbe detto Miles Davis, "sarà una delle musiche del futuro". Abbracciammo film o spettacoli teatrali su Miles Davis che lo dipingevano semplicemente come un eroe, eliminando tutto ciò che era difficile e alla fine unico per il piacere di un pubblico? Un simile lavoro includerebbe il tempo in cui Davis, gli ha chiesto cosa avrebbe fatto se avesse avuto un'ora di vita, ha risposto che l'avrebbe trascorsa soffocando un uomo bianco?
Potrebbe essere necessaria un'analisi più dettagliata della musica di Fela, ma non sono io a fornirla - la lascerò ai musicologi. Tutto quello che posso dire con sicurezza è che i suoi ritmi densi hanno avuto influenze sia implicite che esplicite sulla musica occidentale. Le loro strutture ripetitive possono essere ascoltate nella maggior parte della musica dance contemporanea e il loro uso di frammenti e forme di ellissi fornisce chiarezza sulle strutture dell'hip-hop.
FelaKuti
Per gentile concessione di www.righteousvibes.com.
Pensiamo a come "Alla ricerca di Fela" potrebbe essere migliorato in circostanze diverse. In primo luogo, dovrebbe esserci una strategia formale che in qualche modo funzioni in congiunzione con la vita e la musica di Fela - in altre parole, qualcosa che evidenzi la sua molteplicità, le sue contraddizioni, la sua complessità. Una forma che non leviga i bordi grezzi ma li incorpora nel suo flusso di suoni e immagini. Una forma che incontra Fela a metà strada: un tentativo di capirlo che riconosce fin dall'inizio non c'è modo di capirlo appieno.
"Segui la musica ora", scrive Knox Robinson su Fela, "il medium e il messaggio e non le anime sfregiate e disperse che ha lasciato nella sua scia infuocata; giudicare Fela come la somma delle sue parti sarebbe una visione del mondo manicheana molto probabilmente avrebbe respinto ".
Scritto da Craig Hubert (@craighubert) per Blouin ARTINFO.