Notizie da un altro mondo: una storia sullo scioglimento del ghiaccio

Emergenza silenziata di un pianeta in riscaldamento

Uno degli aspetti più sconcertanti del cambiamento climatico è che, finché la tua casa non è stata bruciata da un incendio incontrollato o finché non hai dovuto evacuare la tua città a causa di un'alluvione improvvisa, rimane una proiezione astratta, un fantasma culturale sospeso in la scia della nostra coscienza collettiva.

Notes from the Frontier I, 2019, olio su tela, 120 x 200 cmRobyn Penn, Appunti dalla Frontiera I, 2019. Olio su tela, 120 x 200 cm. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.

Per "Notizie da un altro mondo", la sua attuale mostra personale, Robyn Penn, approfondisce la qualità ambientale di suggerimenti, voci, minacce che rivelano la silenziosa emergenza di un pianeta in fase di riscaldamento.

"C'è questo senso di mistero: le cose non sono del tutto sostenibili, sempre solo un accenno di cose a venire", dice Penn. Il suo immaginario attuale è allo stesso tempo un allontanamento e una continuazione del suo fascino duraturo per le forme mutevoli e in continua trasformazione delle nuvole, che è iniziato come studio nel sublime e divenne sempre più profumato con il sottotesto della negazione del cambiamento climatico.

Questa mostra presenta diverse serie di immagini di ghiaccio su vari media, ognuna delle quali esplora diversi aspetti della sostanza, delle proprietà e del comportamento del ghiaccio. È una storia sullo scioglimento del ghiaccio raccontata in una varietà di registri e modi diversi, che vanno da un sussurro appena percettibile a un fragoroso crescendo wagneriano. Eppure, anche nei loro registri più epici, i dipinti mantengono una qualità fantasmatica: il documentario sfuma in un sogno. Penn lavora da immagini trovate - alcune acquistate online, altre fotografate da un amico James Kydd, una guida della fauna selvatica, in un recente viaggio in Patagonia - e nel processo di pittura porta una qualità spettrale ed effimera al fotorealismo dei paesaggi ghiacciati documentati.

'Ice è un artista travestito, un camaleonte-chimera, un confonditore di categorie', scrive Robert Macfarlane (Montagne della mente, luoghi selvaggi, monumenti, sottosuolo). 'Le storie che raccontiamo spesso del ghiaccio - mitiche, folcloristiche, scientifiche - spesso parlano apertamente della sua scivolosità fisica e tacitamente della sua scivolosità metafisica; è un'abilità sorprendente nell'occupare lo spazio e scolpire la materia, ma anche nell'evanire, dissipare e cambiare stato e forma ”.

Nel tenore cataclismico, ci sono due grandi dipinti ad olio che sono emersi dalla stessa immagine fotografica di un "parto" del ghiacciaio: enormi lastre di ghiaccio che si staccano da un ghiacciaio o una piattaforma di ghiaccio. Ogni dipinto presenta la stessa immagine, invertita, quindi sono immagini speculari l'una dell'altra, ognuna delle quali cattura un incredibile senso di luce e profondità. 'È da pazzi. C'è solo questo ghiaccio che cade e queste enormi onde che si infrangono. La scala è enorme. Quasi oltre la comprensione.

Un dipinto presenta un'immagine astratta di un orso polare sospeso in una vuota pianura di candore. Si basa sulle immagini di orsi negli habitat artici minacciati pubblicate online dal fotografo, regista e biologo marino canadese Paul Nicklen. "Il mio desiderio con questo dipinto era di creare una sorta di filtro tra lo spettatore e l'immagine fotografica dell'orso, per interromperla in qualche modo", dice Penn.

"A volte converto la fotografia originale in bianco e nero per vederla in modo diverso o talvolta scelgo specificamente immagini scadenti a bassa risoluzione", afferma. "Mi aiuta a vedere gli elementi costitutivi che compongono l'immagine, che sono come segni di pennello spezzati." Mentre dipinge, deve costantemente allontanarsi dal cavalletto - mettere la distanza tra se stessa e l'immagine in evoluzione per dare un senso visivo al punto in cui si fonde come immagine. Primo piano, il suo marchio è astratto; più lontano ha senso fotografico.

Una bufala cinese, 2019, olio su lino naturale, 51 x 40.5 cmRobyn Penn, Una bufala cinese I, 2019. Olio su lino naturale, 51 x 40.5 cm. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.

C'è una serie di piccoli dipinti di singoli fogli di carta stropicciata - dipinti con colori ad olio bianco e acquamarina su lino naturale. Anche se sono fogli di carta stropicciata, le qualità topografiche di un aereo e di una piega conferiscono loro l'aspetto di iceberg: frammenti isolati staccati da ripiani di ghiaccio che si assottigliano, che galleggiano alla deriva negli oceani polari. 'Non sono affatto costruiti come di solito costruisco un dipinto; c'è solo quello strato iniziale ", dice Penn.

A condividere questa leggerezza del tatto è un'altra serie di schizzi di ghiaccio semi-astratti all'interno di forme ovoidali sospese all'interno della cornice come gocce d'acqua su una superficie piana. Il formato è stato ispirato dal critico d'arte, pensatore sociale, disegnatore e acquerellista vittoriano John Ruskin. Nelle sue esplorazioni pionieristiche di paesaggi ghiacciati, Ruskin ha realizzato schizzi per accompagnare i suoi appunti sul campo.

"Era come se avesse appena afferrato l'immagine e questo mi ha attaccato", dice Penn. 'Come faccio a rappresentare solo l'idea più vaga di una cosa? Pensa a un mondo in cui il ghiaccio non esiste più. Come rappresenti qualcosa che non c'è più? Ho dovuto resistere davvero a lavorare troppo sulla tela. È come cercare di scrivere un haiku. '

Questa poetica della cancellazione e del contenimento è presente anche in una serie di opere atmosferiche con inchiostro e candeggina su carta e tela. 'Anni fa, ho ereditato questa incredibile e pesante carta fatta a mano ... e improvvisamente mi ha colpito il fatto di poter dipingere l'intera superficie di nero con l'inchiostro. Il processo è stato sorprendente perché non sei in grado di controllare il modo in cui la carta assorbe l'inchiostro. Aveva sete; assorbiva bottiglie e bottiglie. Poi l'ho sbiancato, consentendo variazioni di tono che non si otterrebbero con le carte più prodotte in serie. '

The crumbling of Time X, 2018 olio su tavola di lino 40.5 x 51 cmRobyn Penn, Lo sgretolamento del tempo X, 2018 olio su tavola di lino 40.5 x 51 cm. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.

Lo spettacolo presenta anche alcune eccentriche provocazioni concettuali: un piccolo dipinto di un vecchio vassoio di cubetti di ghiaccio in alluminio, uno del ventilatore elettrico che raffredda il suo studio e un altro di una piccola statuetta a energia solare della regina Elisabetta II che saluta. Nello spazio video della galleria, ci saranno quattro pezzi video a bassa tecnologia: due con la superficie dell'oceano in movimento filmata con la fotocamera di un cellulare attraverso un paio di vecchi binocoli; una registrazione al rallentatore del movimento dello stesso fan in studio proiettato su una cornice trasparente; e riprese ravvicinate della mano agitando la stessa statuetta della regina ad energia solare.

Attraverso tutte queste modalità e metodi mutevoli, è probabile che la galleria si trasformi in una criosfera concettuale - un'evocazione multivalente di ghiaccio e specchi che si riflette sul nostro mondo reale in cui vasti territori di ghiaccio si stanno rapidamente trasformando in liquidi.

'Notizie da un altro mondo' sarà in mostra a Barnard, dal 5 marzo al 9 aprile 2019.

Alexandra Dodd è una scrittrice ed editrice indipendente, e post-dottorato presso la National Research Foundation SARChI (South African Research Chair Initiative) in Social Change presso l'Università di Fort Hare.