Ronél de Jager, Above and Below (Composizione video Still 1), 2017. Film HD a canale singolo, 25 FPS, colore, nessun suono. Edizione di 5. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.

Nuovi romantici

Secondo Walter Benjamin - critico culturale, saggista e filosofo ebreo tedesco - "per i romantici e per la filosofia speculativa, essere critici significa elevare il pensiero al di là di tutte le condizioni restrittive che le conoscenze della verità sono scaturite magicamente, per così dire, dalla comprensione della falsità di queste restrizioni ”.

Jaco van Schalkwyk, Faraway Exotic, 2017. Olio su lino belga, 175 × 130 cm. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.Jaco van Schalkwyk, Esotico lontano, 2017. Olio su lino belga, 175 × 130 cm. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.

Sviluppato come reazione alla rivoluzione industriale, all'età dell'Illuminismo e alla razionalizzazione scientifica della natura, il romanticismo si proponeva di elevare il pensiero critico ben oltre i limiti molto razionali del pensiero illuministico e si rivolse alla natura e alle emozioni come autentica fonte di esperienza estetica .

Era una glorificazione del mondo naturale, una celebrazione del passato - un tempo precedente alla trasformazione delle aree rurali in Europa e Gran Bretagna in zone industriali e urbane - e una libera espressione della sublimità e dei sentimenti dell'artista. Ed è proprio questo - il controllo delle emozioni - che ha permesso alle conoscenze della verità di scaturire magicamente, libere da ogni confine. Per Charles Baudelaire, "il romanticismo [non era] precisamente situato né nella scelta del soggetto né nella verità esatta, ma nel modo di sentire".

Più di un secolo dopo, i pittori contemporanei del Sud Africa hanno ravvivato un interesse per la rappresentazione di soggetti che sfuggono alla ragione o alla logica. Curato da Mary Corrigall e presentato al Barnard a Cape Town, il "New Romantics" prende in considerazione artisti locali il cui lavoro è preoccupato per l'area in cui natura, scienza e sublime convergono sotto la bandiera del Romanticismo.

Nella sua dichiarazione curatoriale, Corrigall scrive che “i pittori dell'era [romantica] erano similmente sulla soglia di cambiamenti radicali mentre l'industrializzazione e l'illuminazione stavano plasmando il mondo. Al contrario, una generazione contemporanea di artisti, che dimostrano questo stile "romantico", stanno catturando e abbracciando l'incertezza causata dalle minacce all'ambiente e dall'ascesa della realtà virtuale nell'era post-industriale e dell'informazione ".

Mentre il globo si trova nel mezzo di trasformazioni socio-economiche, politiche e ambientali, questi artisti si sono rivolti alla natura come una forma di rifugio, uno spazio apolitico in cui seguire intuitivamente i loro impulsi pittorici.

Sarah Biggs, The task at hand, 2017. Olio su tela, 190 × 123 cm. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.Sarah Biggs, Il compito a portata di mano, 2017. Olio su tela, 190 × 123 cm. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.

Per Alexia Vogel, questa fuga - consapevole o meno - può essere trovata nelle sue vaste tele coinvolgenti e nelle sue vivide opere su carta. Il suo paradiso immaginato in River Run II disconosce la logica del tempo per raggiungere uno spazio e uno stato più sentito che percepito, e con il suo segno diretto dall'istinto e dalla spontaneità, Vogel traduce la tela in un'espressione amebica e sublime della natura della nostalgia, della fantasia e della voglia di viaggiare.

Lo stesso si può dire di Sarah Biggs. La sua trattazione espressiva delle ambientazioni naturali si libra sulla soglia tra figurazione e astrazione e conduce verso un territorio psichico evasivo. Qui, Biggs si rivolge alla natura come un'autentica fonte di esperienza estetica e rappresenta la sublimità in figure adombranti che sono state avvolte da forme astratte e organiche. Le sue opere formano una danza complessa tra il caos e l'inesorabile fede nel significato e nella logica, dove la pittura stessa esprime questa tensione, permettendo alle superfici di muoversi costantemente, formandosi e diventando sempre mentre i pigmenti filtrano e si incontrano.

Mentre i romantici erano noti per enfatizzare emozioni come apprensione, orrore, terrore e stupore - e queste nozioni possono sicuramente essere avvertite nel lavoro di alcuni artisti in mostra nei `` Nuovi romantici '' - rimanendo fedeli alla loro elevazione delle emozioni umane , hanno anche espresso una maggiore comprensione di cosa significa provare gioia.

Nel 1818, al culmine del romanticismo in Europa e in Gran Bretagna, il pittore romantico inglese John Constable scrisse in una lettera al suo amico che “per un uomo sensibile alla natura, la felicità consiste nell'esprimere la natura. Quanto è infinitamente felice, dunque, l'uomo che riflette la natura come uno specchio senza accorgersene, che fa la cosa per amore di essa e non per pretesa di avere il primo posto ”.

In combinazione con lo spazio apparentemente infinito all'interno delle effimere pareti bianche di Barnard, Rosie Mudge's La Visione - colla glitterata e vernice automobilistica su tela - emana una gioia quasi divina mentre il sole cattura continuamente lo scintillio, diventando ed elevando contemporaneamente il pensiero così al di là di tutte le condizioni restrittive, che le conoscenze della verità scaturiscono magicamente, da una visione del molto falsità di queste restrizioni. La stessa assenza di soggetto consente al lavoro di incorporare lo spettatore in un'esperienza intima e utilizza l'emozione come fonte di esperienza estetica.

Robyn Penn, After the failure of Ideals I, 2018. Olio su tela. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.Robyn Penn, Dopo il fallimento di Ideals I, 2018. Olio su tela. Per gentile concessione dell'artista e Barnard.

Leggere insieme, le opere incluse nei 'Nuovi romantici' danno uno sguardo ampio alla nozione di romanticismo nella pittura sudafricana contemporanea ed esplora come l'emozione e la natura possano diventare un luogo di rifugio per così tanti artisti che non si trovano né nella scelta di soggetto né di verità esatta, ma piuttosto nel modo di sentire. La mostra presenta immediatamente una preoccupazione nervosa per gli stati interiori di coscienza in continua evoluzione e un desiderio per lo sconfinato e l'indefinibile - uno sforzo appassionato di dipingere per amore della pittura, e fare la cosa per amore di essa, senza alcuna pretesa di accettare primo posto.

Gli artisti inclusi nei "New Romantics" sono: Alexia Vogel, Ronél de Jager, Sarah Biggs, Jaco van Schalkwyk, Katherine Spindler, Heidi Fourie, Marcus Neustetter, Robyn Penn e Rosie Mudge.

La mostra sarà in mostra a Barnard fino al 6th Marzo, 2018.

Ellen Agnew è una scrittrice ARTE AFRICAla redazione.

IMMAGINE IN PRIMO PIANO: Ronél de Jager, Sopra e sotto (Video Still composizione 1), 2017. Film HD a canale singolo, 25 FPS, colore, nessun suono. Edizione di 5. Courtesy dell'artista e Barnard.