Simphiwe Buthelez ci invita a Lala La

Vieni a riposare qui

Bag Factory Artist's Studios, in collaborazione con il Blessing Ngobeni Art Prize, è lieto di annunciare l'apertura della prima mostra personale di Simphiwe Buthelezi, intitolata "LALA LA". In qualità di destinatario del Premio Benedizione Ngobeni 2018, Buthelezi ha trascorso tre mesi in residenza presso la Bag Factory producendo nuovi lavori per questa ambiziosa mostra, curata da Chumisa Ndakisa. Simphiwe Buthelezi è stato così gentile da parlare ARTE AFRICA sulla mostra. Lala la significa "vieni a riposare qui" a Zulu e la mostra si svolgerà dal 24 gennaio al 22 febbraio 2019.

Simphiwe Buthelezi, IMPHUDUMAL_warmth, 2019. Stappetino da traino in cornice dorata.

ARTE AFRICA: "LALA LA" parla molto del resto come di un modo in cui le persone si riappropriano del loro tempo? Per favore, dicci in che modo questo problema ti ha influenzato personalmente e come si inserisce nel tuo processo artistico e artistico?

Simphiwe Buthelezi: LALA LA ' è un'idea che è nata personalmente durante un periodo molto turbolento ed è diventata un filo che passa attraverso molte delle mie opere e titoli nella mia ricerca personale di guarigione, stabilità e comprensione. Come donna, c'è l'aspettativa di essere costantemente attivi, quindi una donna di colore a riposo o in cerca di riposo è sempre stata un'idea centrale nel mio lavoro.

Sono anche interessato a esplorare come la tradizione viene utilizzata come strumento per giustificare l'oppressione delle donne. Questa forma di oppressione è immediatamente riconosciuta a causa del sottile velo del patriarcato che si è suturato nelle nostre tradizioni africane.

Comunico sulla sovrapposizione di cultura che determina il ruolo e il valore della donna di colore. La donna di colore a riposo è una posizione coraggiosa. Intendo potenziare e perseguire un senso di riposo da tutte le pressioni della società e definire cosa significa riposo per me come donna di colore.

Durante la residenza presso The Bag Factory mi sono anche immerso nel pesante senso del lavoro e nel trambusto del centro di Johannesburg. Quindi, Lala la divenne una bonifica di tempo, spazio e riposo. Non solo personalmente, ma per le persone che vengono a vederlo.

Sifelani?, 2019. Stuoia di paglia, perline e metallo ossidato con cornice dorata.

Raccontaci del viaggio che ti ha portato a ricevere la benedizione Ngobeni per realizzare la tua prima mostra personale.

Avevo bisogno di un'opportunità per consolidare il mio contributo alle Arti e ho deciso di fare domanda per la residenza perché offriva la giusta piattaforma per sviluppare questo corpus di lavori. Ho partecipato a mostre collettive e ho sperimentato diversi mezzi per affinare la mia articolazione di varie idee. Allora ero conosciuto come un incisore; tuttavia, sapevo di avere un forte desiderio di lavorare con gli incantesimi (tappetini di paglia) per creare arte. Mi sembra di aver portato questo messaggio per un po 'e di aver bisogno della giusta opportunità. Vincere il premio d'arte è arrivato al momento giusto perché le artisti donne sono in prima linea quando le nostre narrazioni sono molto necessarie nella società.

Il lavoro è collegato a lavori o idee precedenti che hai fatto prima o hai creato una nuova narrazione e storia?

Come ho detto prima, sono noto per le mie stampe e disegni che raffiguravano le fragilità con cui ho lottato da giovane donna di colore. L'ho raffigurato attraverso una presenza auratica creata dall'impronta fisica del mio corpo che è stata combinata con varie esplorazioni di colletti e collage per formare ritratti e figure peculiari.

La natura del mio lavoro è sempre stata istintiva, astratta e minimale, esprimendo le dinamiche del potere in modo sottile, giocando con l'idea di passività. Il mio lavoro si è ora spostato in una forma più scultorea. Occupare gli spazi è ciò che mi viene in mente quando mi impegno con il mio processo.

La stuoia di paglia / incantsi è diventata una metafora personale della donna, la donna sia come vista che come sito. Questo oggetto assume diverse forme, sopporta diverse forme di trattamento. Viene distrutto, bruciato, macchiato e allungato. Questa è un'esplorazione della resistenza di un'esplorazione della resistenza del materiale, ma anche il mio modo di esplorare la mia resistenza e la resistenza della forma femminile mentalmente, fisicamente, emotivamente e spiritualmente. I risultati complessi di questa esplorazione mi hanno incuriosito e mi tengono interessato ad andare oltre.

Lukho Witbooi