Jared Ginsburg vince il Premio Michaelis 2010

Il 2010 Michaelis Graduate Show si è aperto al tutto esaurito ieri sera, Jared Ginsburg ha vinto il Premio Michaelis per la sua presentazione in due parti comprendente una proiezione monocromatica su larga scala e la ricreazione dello studio dell'artista

problemi di artsouthafrica
Visitatori che guardano il saggio di Rose Kotze Private School (2010)
CITTÀ DEL CAPO, 9 dicembre 2010 - A Jared Ginsburg è stato assegnato il Premio Michaelis 2010. L'annuncio è stato dato ieri sera in un gremito Hiddingh Campus, sede della Michaelis School of Fine Art.

Ginsburg, uno studente laureando BA (FA), è stato insignito della più alta onorificenza della scuola d'arte per una presentazione in due parti comprendente una proiezione monocromatica su larga scala, con accompagnamento di litografie e catalogo, e la ricreazione dello studio dell'artista.
La ricreazione di Jared Ginsburg del suo studio
"Capisco l'arte come una cornice che consente una particolare attenzione al mondo", dice Ginsburg del suo processo in una voce che appare nel catalogo dei laureati 2010 (un documento separato dal suo catalogo ben costruito, che ha intitolato To be at the end and in la metà allo stesso tempo).

“Nella mia pratica, indipendentemente dalla forma, la sfida è quella di attivare l'alternativa, o almeno aprirsi al potenziale di qualcosa di diverso da ciò che posso vedere o sapere ora. L'indeterminatezza, o le operazioni casuali all'interno dei miei processi, consentono situazioni in cui posso essere sorpreso dai risultati delle mie azioni ".
Spettatori che guardano la proiezione di 24 minuti di Jared Ginsburg, Film of drawing (2010)
L'inchiostro nero è fondamentale per la pratica di Ginsburg. Ha una qualità spessa e viscosa nella sua proiezione, Film of drawing (2010), e presta un acuto spirito al suo catalogo e alle sue litografie, quest'ultima intitolata Digging for oil (2010).
Dettaglio della litografia di Jared Ginsburg, da Digging for oil series (2010)
Una fotografia apparsa nel suo studio ricreato suggerisce una possibile influenza su questo giovane artista non del tutto priva di ironia; è un ritratto di gruppo dei narratori d'arte di Cape Town Francis Burger, Douglas Gimberg e Christian Nerf.

Tre punti rossi entro le 9 (uno per la sua litografia, due per il suo catalogo) hanno suggerito un curioso interesse per il suo lavoro.

Tuttavia, i venditori stellari della notte sono stati il ​​pittore George Chapman e lo studente post-laurea Dale Lawrence, la cui abilità di disegnatore ha costretto gli acquirenti a demolire un particolare lavoro, un elenco impassibile di influenze.

Anche il pittore Ian Grose è stato molto discusso, sebbene la maggior parte dei suoi dipinti fosse intitolata "NFS" (non in vendita). Un rivenditore di Cape Town ha già offerto a Grose una mostra personale per il 2011.
Ritratto dell'attrice Lindsay Lohan di Ian Grose