Debutto di James Webb e rapido follow-up

L'artista di Cape Town James Webb ha in programma di ospitare due mostre personali nella stessa notte, una delle quali sarà il suo debutto personale a Johannesburg

James Webb (con Jo O'Connor), Mi piace, ma non può permetterselo, 1999/2010, intervento pubblico
JOHANNESBURG - Due anni dopo aver vinto il concorso artistico Absa l'Atelier del 2008, l'artista di Cape Town James Webb ha ceduto. Il prossimo mercoledì presenterà una mostra personale attesa da tempo presso la Galleria ABSA. È consuetudine per i vincitori di questo concorso, che include una residenza di sei mesi presso gli studi della Cité Internationale des Arts di Parigi come parte del premio vincitore, presentare una mostra di lavoro dopo il ritorno.

La mostra della ABSA Gallery, la prima mostra personale di Webb in città, è intitolata Terms of Surrender. Noto per il suo spirito burbero e la critica sfumata del sistema delle gallerie, Webb ha scelto di aprire la sua seconda mostra personale a Johannesburg, intitolata Aleph, la stessa sera, a Goethe On Main, anch'essa situata in Main Street.

ABSA di Webb
La mostra della galleria, che si apre alle 18:00 del 10 novembre, riunisce le singole opere create negli ultimi tre anni a Berlino, Città del Capo,
Johannesburg, Madrid e Parigi. “La mostra impiega
elementi spaziali e scultorei per creare una meditazione sul territorio, sulla storia
e cultura ”, si legge in una dichiarazione rilasciata dall'artista.

Aleph, che apre al Goethe On Main alle 19 della stessa sera, esplora il fenomeno della glossolalia attraverso una serie di sonore
ritratti di persone che parlano in lingue. Il processo è stato aumentato da
interviste ai partecipanti e l'installazione crea uno “spazio liminale
in cui apparentemente linguistico senza senso, ma tuttavia molto personale,
l'espressione spirituale può essere aperta al pubblico ”, afferma Webb.

Scarica l'invito alla mostra qui (1.23 MB).
www.theotherjameswebb.com
Termini di resa, vista dell'installazione, ABSA Gallery. Foto: John Hogg
Termini di resa, vista dell'installazione, ABSA Gallery. Foto: John Hogg