Goethe-Institute: apertura di Becoming-Animal

L'apertura del diventare animale si svolge giovedì 7 aprile alle 18.30

problemi di artsouthafrica
Dal comunicato stampa: “Questa mostra presenta spettacoli, video e lavori in corso selezionati da Donna Kukama nel corso del 2004-2011. La mostra presenta principalmente l'artista che opera in modalità nomade, dove risiede temporaneamente in vari testi e vari territori del pubblico, inserendo la propria estraneità attraverso la sua presenza per sconvolgere i modi stabiliti di fare.

Così il "divenire-animale" è più legato ai processi di cambiamento piuttosto che a rappresentare o imitare gli animali. Il titolo della mostra è preso in prestito da un capitolo di "A Thousand Plateaus" di Gilles Deleuze e Felix Guattarri, il secondo libro della loro serie filosofica , Il capitalismo e la schizofrenia, che Kukama ri-adotta, ri-traduce e separa per parlare dei suoi modi di funzionare. Nella sua relazione con le loro filosofie, Kukama non assume la posizione di una studiosa deleuziano-guattarriano, ma piuttosto indica filosofie familiari che potrebbero provenire dall'Africa e vengono applicate in un contesto occidentale. Ricontestualizzando questi concetti, che rimangono in gran parte incontrastati, rende visibili anche le incomprensioni e le incongruenze presenti all'interno della traduzione. Donna Kukama è un'artista multimediale le cui performance intrecciano aspetti importanti e minori della storia, introducendo fragili e brevi momenti di “stranezza” all'interno di contesti sociopolitici. Le sue azioni sono intese come gesti di poesia con intento politico e destabilizzano i canoni esistenti riguardo al modo in cui guardiamo alla realtà. In qualità di artista interessata all'occupazione delle opere canoniche, utilizza la performance come strategia che le consente di inventare e applicare metodi che sono al di fuori del regno di ciò che è prevedibile o previsto.

Supporto musicale di João Orecchia João Orecchia è un musicista poliedrico con sede a Johannesburg, in Sud Africa. Concentrandosi su approcci sonori alternativi, ha esplorato idee di casualità, composizione basata su materiale sorgente da registrazioni sul campo e l'effetto che questo può avere sulla percezione dello spazio o dell'immagine da parte del pubblico. Prima di Johannesburg, João ha trascorso diversi anni a Berlino, dove ha composto musica per spettacoli teatrali, cinematografici e di danza. João si esibirà insieme a Mpumi Mcata e Tshepang Ramoba. Quando: Inaugurazione giovedì 7 aprile alle 18.30. La mostra durerà fino a venerdì 20 maggio Dove: Goethe-Institut, 119 Jan Smuts Avenue, Parkwood, Johannesburgh http://www.joaoorecchia.com “