TJ Lemon, Dalla serie Oswenka, the Jeppe hostel swankers [Gli swankers dell'ostello Jeppe si mettono in posa prima di uno spettacolo nel seminterrato dell'ostello], 2000

La prima asta di fotografia africana in assoluto offre un buon risultato con nuovi dischi

Aspire Art Auctions ha collaborato con il Photography Legacy Project (PLP) per presentare la prima asta dedicata alla fotografia africana.

Bob Gosani, Mandela Boxing, 1957.Bob Gosani, Mandela Boxe, 1957

Con un'impressionante collezione di 126 opere di 56 fotografi di tutto il continente (tra cui Angola, Ghana, Kenya, Madagascar, Namibia, Sud Africa, Sudan e Zimbabwe), l'asta è stata aperta per le offerte online il 21 ottobre e si è conclusa la sera di giovedì , 5 novembre con offerte online in tempo reale.

Nata per supportare le attività del PLP, questa asta storica è stata un impegno condiviso per introdurre e aumentare il profilo della fotografia africana.

Gli offerenti hanno partecipato da tutta Europa, Stati Uniti e Regno Unito, Asia, Australia e Africa, a testimonianza della crescente portata globale di Aspire e dell'entusiasmo dei collezionisti per la fotografia africana. Quasi la metà degli offerenti era nuova su Aspire.

COSPIRARE

L'asta è stata guidata dal portfolio di 12 stampe alla gelatina d'argento del leggendario fotografo Ernest Cole dal suo libro seminale del 1967 House of Bondage venduto per l'incredibile R569,000, - un nuovo record mondiale d'asta. Il portfolio, dal suo archivio una volta creduto perduto, è stato presentato dall'Ernest Cole Family Trust e fa parte dell'eredità recuperata di Cole.

SINISTRA: Ernest Cole, Studenti inginocchiati sul pavimento per scrivere. Il governo è disinvolto nel fornire scuole per neri, Gauteng [Transvaal], Sud Africa, c.1965 (da The House of Bondage) DESTRA: Ernest Cole, incursione al passaggio fuori dalla stazione di Johannesburg. Ogni africano deve mostrare il proprio lasciapassare prima di poter svolgere i suoi affari. A volte l'assegno si allarga alla ricerca della persona e dei beni di un uomo, Gauteng [Transvaal], Sud Africa, 1965 circa (da The House of Bondage)SINISTRA: Ernest Cole, Gli studenti si inginocchiano sul pavimento per scrivere. Il governo è disinvolto nel fornire scuole per i neri, Gauteng [Transvaal], Sud Africa, c.1965 (Da La casa della schiavitù) DESTRA: Ernest Cole, Supera il raid fuori dalla stazione di Johannesburg. Ogni africano deve mostrare il suo lasciapassare prima di poter svolgere i suoi affari. A volte l'assegno si allarga alla ricerca della persona e dei beni di un uomo, Gauteng [Transvaal], Sud Africa, c.1965 (da The House of Bondage)

METTE IN RISALTO

Uno dei preferiti era la famosa immagine del fotografo documentarista Alf Kumalo del giovane esultante Hugh Masekela dopo aver ricevuto una tromba dalla leggenda del jazz americano, Louis Armstrong, nel 1956, venduta per R79,660, ben al di sopra della sua stima alta. Questo è il secondo prezzo più alto pagato all'asta per una fotografia di Kumalo. Un'altra foto a tema musicale di Kumalo è la silhouette drammatica di Mankunku Ngozi, scattata nel 1968, venduta per un impressionante R27,312.

A SINISTRA: Alf Kumalo, Hugh Masekela, 1965. A DESTRA: Alf Kumalo, Mankunku Ngozi, 1968, © BAHASINISTRA: Alf Kumalo, Hugh Masekela, 1965. DESTRA: Alf Kumalo, Mankunku Ngozi, 1968, © BAHA

Il famoso Tamburo i fotografi di riviste degli anni '1950 e '60 hanno suscitato grande interesse. Le fotografie di Ranjith Kally, che includono l'immagine del 1957 di Miriam Makeba seduta con gli amici al municipio di Durban durante la produzione teatrale di King Kong, ha ottenuto un totale di R68,280. Le fotografie di copertina memorabili di Bob Gosani includevano il popolare Dolly Rathebe (1955) Gli americani (1954) e l'immagine iconica di Mandela Boxe (1957), venduti tutti per un totale combinato di R122,904. Il film di Ian Berry Parla Mashiane: Penny-whistler (1958) venduto per R45,520.

A SINISTRA: Ranjith Kally, Miriam Makeba, 1957, © BAHA. A DESTRA: Bob Gosani, The Americans, 1954, © BAHASINISTRA: Ranjith Kally, Miriam Makeba, 1957, © BAHA. DESTRA: Bob Gosani, Gli americani, 1954, © BAHA
Ian Berry, Spokes Mashiane: Penny-whister, 1958.Ian Berry, Parla Mashiane: Penny-whistler, 1958.
TJ Lemon, Dalla serie Oswenka, the Jeppe hostel swankers [Gli swankers dell'ostello Jeppe si mettono in posa prima di uno spettacolo nel seminterrato dell'ostello], 2000TJ Lemon, Dalla serie Oswenka, gli scagnozzi dell'ostello di Jeppe [Gli scagnozzi dell'ostello Jeppe si mettono in posa prima di uno spettacolo nel seminterrato dell'ostello], 2000.

Sette opere presentate dalla pluripremiata serie di TJ Lemon, Oswenka: The Jeppe Hostel Swankers, e ha raggiunto un prezzo record di R136,560.

Il giovane ghanese, Nipah Dennis, ha dimostrato di essere una delle stelle nascenti da tenere d'occhio. Sia il lotto di copertina, Spiaggia di Winneba, Ghana (2019) e Michael, Cape Coast, Ghana (2019) hanno venduto ben al di sopra delle loro stime per un totale di R34,140.

Nipah Dennis, Winneba Beach, Ghana, 2019Nipah Dennis, Spiaggia di Winneba, Ghana, 2019.

REGISTRI D'ASTA

Un record mondiale d'asta è stato ottenuto per l'artista angolano Kiluanji Kia Henda per la sua fotografia Objet Trouvé # 1 (2016) che vende a R79,660.

La significativa domanda globale si è tradotta in forti punti di riferimento per l'artista multimediale keniota Syowia Kyambi nella sua apparizione di debutto all'asta, con Kaspale's Archive Intrusion / The Vortex III (2019) raggiungendo R68,280 mentre Il trasferimento di Rose (2015) venduto per R56,900, contribuendo alla crescente importanza dell'artista.

A SINISTRA: Kiluanji Kia Henda, Objet Trouvé # 1, 2016. A DESTRA: Syowia Kyambi, Kaspale's Archive Intrusion / The Vortex iii, 2019.SINISTRA: Kiluanji Kia Henda, Objet Trouvé # 1, 2016. DESTRA: Syowia Kyambi, Kaspale's Archive Intrusion / The Vortex iii, 2019.

Sono stati stabiliti più record per altri nuovi arrivati ​​all'asta. L'immagine meravigliosamente poetica di Lindokuhle Sobekwa Bambini che giocano con tubi di plastica, dal suo Luogo di pace serie che sono state esposte a Paris Photo nel 2019, vendute per R29,588. Nobukho Nqaba's Undibizela kuwe II e III, da lei Ndiyayekelela serie, ha raggiunto un impressionante R34,140.

Ottenendo il riconoscimento per la sua documentazione fotografica delle identità culturali in Sud Africa, le due opere di Mandisa Buthelezi Un sabato mattina eMahlabathini (Dal Ekhaya serie) e Izithunzi Zami 17 (2016) venduto per un R20,484 combinato.

Lindokuhle Sobekwa, Bambini che giocano con tubi di plastica (dalla serie Il luogo della pace), 2014Lindokuhle Sobekwa, Bambini che giocano con tubi di plastica (Dal Luogo di pace serie), 2014.
Nobukho Nqaba, Undibizela kuwe II (a sinistra) e III (a destra) (dalla serie Ndiyayekelela), 2016.Nobukho Nqaba, Undibizela kuwe II (sinistra) & III (a destra) (dal Ndiyayekelela serie), 2016.
Mandisa Buthelezi, Izithunzi Zami 17, 2016.Mandisa Buthelezi, Izithunzi Zami 17, 2016.

Due fotografie in movimento dal libro di Jillian Edelstein del 2002, Verità e bugie: storie della Commissione per la verità e la riconciliazione in Sudafrica, raggiunto nuovi prezzi record quando, dopo un'offerta competitiva, entrambi Fikile Mlotshwa, consolatore, Johannesburg, 1997 e Desmond Tutu, presidente della TRC, Cape Town, 2000 ha raggiunto un totale di R52,348.

Jillian Edelstein, Desmond Tutu, presidente della TRC, Cape Town, 2000 (da Truth and Lies: Stories of the Truth and Reconciliation Commission in South Africa), 2000.Jillian Edelstein, Desmond Tutu, presidente della TRC, Cape Town, 2000 (dal Verità e bugie: storie della Commissione per la verità e la riconciliazione in Sud Africa), 2000.

In meno di cinque anni, Aspire ha compiuto progressi significativi nello sviluppo attivo del mercato della fotografia all'asta e detiene diversi record d'asta internazionali e locali. "Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti in questa prima asta indipendente di fotografia africana", afferma Ruarc Peffers. “Continuiamo a condividere la nostra passione per il mezzo e la nostra ferma convinzione che il lavoro dei fotografi nel continente sia tra le opere d'arte basate su obiettivi più rigorose e convincenti prodotte oggi. Non vediamo l'ora di lavorare ulteriormente per rafforzare il mercato della fotografia africana a livello locale e all'estero ”.