Gabrielle Raaff, Festival I, 2018. Olio a base d'acqua, inchiostro su tavola, 40 x 70 cm.

'ENDLESS': una recensione

Un'esplorazione di transitorietà, processo e superficie

È una fresca e fresca mattina d'inverno a Città del Capo, mentre la pioggia brilla sul vetro del Salon91, una delle gallerie più eleganti di Città del Capo.

Attualmente in mostra al Salon91 è la mostra collettiva di 4 persone che presenta le pratiche di Georgina Berens, Amber Moir, Natasha Norman e Gabrielle Raaff. Moir, Norman e Raaff hanno tutti visitato la terra del sol levante che è il Giappone, mentre Georgina Berens ha cercato ispirazione dal suo periodo in Finlandia.

Natasha Norman, Sea of ​​Ice, 2018. Monotipo dell'acquerello, 30 x 45 cm. UnframedNatasha Norman, Sea of ​​Ice, 2018. Monotipo dell'acquerello, 30 x 45 cm. Unframed. Per gentile concessione di Salon91

Questa è una mostra altamente appropriata come l'umanità nel 21st secolo sperimenta il movimento di massa e la migrazione di milioni. Ciò include le migrazioni dei siriani verso ovest e le migrazioni degli africani verso Asia, Australasia, Europa, Medio Oriente e Americhe. Questo contro un continente che deve ancora affrontare sfide economiche rispetto alle tendenze globali. Wangari Maathai, ambientalista keniota che ha vinto il premio Nobel per la pace per aver perseguito progetti sostenibili dal punto di vista ambientale di fronte alla feroce oppressione politica da parte di un regime corrotto in Kenya, ha dato cifre per le rimesse nel suo libro del 2009, La sfida per l'Africa. Le sue cifre mostrano che gli africani che vivono all'estero ogni anno restituiscono più soldi alle loro famiglie di quanto le compagnie straniere investano in tutto il continente "(Tim Butcher, Inseguendo il diavolo: la ricerca dello spirito combattivo dell'Africa, 2010).

Nel 2017 Berens ha completato una residenza presso il Ratamo Printmaking and Photography Center a Jyväskylä, in Finlandia. In mostra una serie di intricate stampe litografiche su pietra di Berens, incluse Appollaiarsi. Questo raffigura una casa in stile bungalow posizionata tra una radura di pioppi. È un'edizione di 9 incorniciata in una cornice di scatola galleggiante in legno kiat. Queste stampe sono state pubblicate nel 2018. L'atmosfera contemplativa e meditativa è permeata Appollaiarsi offre un sincero contrasto con il trambusto di Kloof Street fuori dalla galleria Salon91.

Amber Moir, Along the Riverbed III, 2018. Monotipo acquarello rotolato su calicò, 54.5 x 29 cm. IncorniciatoAmber Moir, Along the Riverbed III, 2018. Monotipo acquarello rotolato su calicò, 54.5 x 29 cm. Incorniciato. Per gentile concessione di Salon91

Amber Moir's Alla luce della primavera III è stato pubblicato nel 2018 un monotipo di acquarello laminato su Calico. Questa stampa unica presenta una gamma vibrante di intarsi strutturali variabili che danno vita a un'evocazione acquosa in stile Cézanne. L'influenza giapponese dell'applicazione dell'inchiostro è evidente in questa stampa. È un'immaginazione tempestiva in mezzo alla continua crisi idrica affrontata da parti del Sud Africa, inclusa la sua seconda metropoli più grande, Città del Capo, dove si trova questa galleria.

Olio su tavola a base d'acqua di Gabrielle Raaff intitolato Un altro aiuto dal 2018 raffigura un ritratto esigente del braccio destro e sinistro di una figura che viene alla ribalta. La somiglianza di un viso è stata offuscata in un'ombra. Le forme iterative sono state ulteriormente esplorate nel dipinto di Raaff intitolato Festival I creato anche nel 2018 con figure che si stagliano oscurate in un ricordo formulaico. Lo sfondo finto di una tenda interna è simile alla sezione superiore del piano pittorico.

INFINITO apre indagini filosofiche sulla natura della vita mentre ci avviciniamo alla fine del secondo decennio del 21st Secolo. Crea sensibilmente una piattaforma per lo spettatore per accedere al globale in una locale chiusa. Ho chiuso la porta della galleria di vetro contemplando queste ruminazioni della città.

ENDLESS dura fino al 30 giugno 2018.

Daniel Hewson è un curatore, scrittore e artista di Cape Town, in Sudafrica. Si è laureato presso l'Università di Rodi nel 2011.