Newsletter AA Feb Emo 1

Emo de Medeiros annunciato come artista invitato per THAT ART FAIR 2016!

Originario di Cotonou (Benin) e Parigi (Francia), CHE ART FAIR è orgoglioso di annunciare l'artista invitato di quest'anno Emo de Medeiros, che presenterà opere della sua recente mostra di Parigi "Tutte le cose magiche.' Dopo aver esposto a il 58 ° Salon de Montrouge (2013) e Palais de Tokyo (2014), tla sua volontà segnerà la prima volta che il suo lavoro è stato presentato in Sudafrica.

Newsletter AA Emo2Emo de Medeiros, Kaleta / Kaleta, (2014). Tutte le immagini per gentile concessione dell'artista.

Sin dai suoi inizi al Ecole Normale Supérieure a Parigi, dove si è specializzato in scienze sociali e antropologia, Emo de Medeiros ha visto una rapida crescita nel panorama artistico internazionale. Nel 2013, l'artista è stato selezionato per esibirsi al 58 ° Salon de Montrouge (la principale mostra per artisti emergenti in Francia). L'anno seguente de Medeiros è stato presentato al Palais de Tokyo (2014), uno dei più grandi siti dedicati alla creatività contemporanea dall'Europa. Anche se questo può sembrare un risultato di riferimento, non è sorprendente. Per de Medeiros, questo è un singolo passo su quella che sembra essere una traiettoria lunga e accattivante.

Parte della nuova ondata di artisti completamente a suo agio con la nuova tecnologia, de Medeiros è in grado di spostarsi facilmente tra i medium. "L'arte è il nostro primo e ultimo legame con la spiritualità e la sacralità", afferma Emo de Medeiros. Definisce il suo approccio "ipermedia", mescolando e remixando diversi elementi, il che si traduce in qualcosa che lui chiama "geometria variabile".

Newsletter AA Feb Emo 1Emo de Medeiros, Vodunaut # 2 (Hypercharger), 2015. Casco, conchiglie, vernice, tubi di plastica, smartphone.

La sua pratica si basa su un unico concetto: "contesto", che "consiste in un'interconnessione olistica che mescola arte concettuale, scultura, video, narrazioni non lineari, artigianato tradizionale, fotografia digitale, musica elettronica, pittura al contrario e performance, insieme ad oggetti interattivi e media, al fine di creare intense esperienze partecipative ".

Il lavoro che verrà mostrato a CHE ART FAIR 2016 include la sua serie di video scultura afrofutristica 'Vodunaut, "funziona dalla sua serie"Surtentures, "insieme alle serie collegate digitalmente"Electrofetishes'e fotografie digitali dal suo progetto Kaleta / Kaleta. Il suo video Kaleta / Kaleta sarà una caratteristica al Apertura dell'anteprima VIP evento e farà parte di CHE FILM MESSA A FUOCO programmi.