Nelly Guambe, vincitrice dell'edizione inaugurale dell'Emerging Painting Invitational Prize 2019. Courtesy of EAAGA.

Emerging Painting Invitational 2019 annuncia i vincitori per l'edizione inaugurale

Nelly Guambe vince l'edizione inaugurale di EPI tenutasi ad Harare, Zimbabwe.

Primo premio: Nelly Guambe (Mozambico)

Secondo premio: Epheas Maposa (Zimbabwe)

Terzo premio: Surafel Amare (Etiopia).

Menzioni d'onore: Kaloki Nyamai (Kenya), Pebofatso Mokoena (Sud Africa) e Catheris Mondombo (DRC) sono state elencate come menzioni d'onore.

First Floor Gallery Harare - Primo premio per residenza singola: Leayne Tilahun (Etiopia)

Premio speciale Ruandair: Amanda Mushate (Zimbabwe)

Nelly Guambe, vincitrice dell'edizione inaugurale dell'Emerging Painting Invitational Prize 2019. Courtesy of EAAGA.Nelly Guambe, vincitrice dell'edizione inaugurale dell'Emerging Painting Invitational Prize 2019. Courtesy of EAAGA.

I vincitori sono stati annunciati alla First Floor Gallery Harare dalla giuria composta da Tapfuma Gutsa, Maja Maljevic e Myron Beasley.

Il vincitore del primo premio riceve un premio in denaro sponsorizzato da Strauss & Co e un progetto solista alla Latitude Art Fair che si terrà a Johannesburg il 12-15 settembre 2019.

Il secondo vincitore riceve un premio in denaro sponsorizzato da ST-ART Africa First Residency.

Il terzo premio riceve un premio in denaro sponsorizzato dalla Emerging African Art Galleries Association.

Tutti i vincitori e le menzioni d'onore riceveranno anche profili personali in formato ARTE AFRICA Rivista.

Tutti i finalisti per EPI 2019.Tutti i finalisti per EPI 2019.

Citazioni dei vincitori

Nelly Guambe - “Sono molto felice non solo per me stessa, ma anche di rappresentare artisti emergenti in Mozambico. Il gruppo di artisti che ho incontrato tramite EPI ora fa parte della mia comunità di colleghi e questo è meraviglioso. Ho anche incontrato molti sostenitori professionisti e fan del mio lavoro, che è importante per la mia carriera in avanti e la mia pratica artistica ".

Epheas Maposa - “L'esperienza è stata istruttiva nel senso di mescolarsi con culture e ideologie diverse dietro i processi di produzione del lavoro. Vincere il secondo premio è molto importante per l'opportunità che ne deriva, per migliorare la mia produzione e lo spazio di produzione ".

Surafel Amare - “È un grande onore essere il terzo vincitore tra questi artisti incredibilmente talentuosi. Osservo che tutti i finalisti hanno i loro stili unici e le loro profonde potenzialità. È stato un piacere conoscerli e conversare con loro in questi tre giorni. Voglio ringraziare tutto il team e gli artisti EPI per la vostra vera ospitalità, condivisione, esperienze e per la grande visibilità che create per tutti noi! "

Inaugurazione della mostra alla First Floor Gallery, Harare.Inaugurazione della mostra alla First Floor Gallery, Harare. I giudici (Tapfuma Gutsa, Myron Beasley e Maja Maljevic) con Valerie Kabov, direttrice e fondatrice della Galleria al primo piano, Harare.

Chi Siamo Emerging Painting Invitational (EPI)

EPI è un nuovo premio per i pittori africani emergenti sarà il primo del suo genere, dedicato a sostenere la pittura e i pittori contemporanei emergenti in tutto il continente.

Il premio "Invitational" e la mostra dei finalisti sono stati lanciati dalla Emerging African Art Galleries Association (EAAGA) e ospitati dalla First Floor Gallery Harare e Ngoma NeHosho nella capitale dello Zimbabwe, Harare.

Sebbene l'arte africana contemporanea sia in aumento a livello internazionale, lo sviluppo di competenze e il coinvolgimento del mondo dell'arte internazionale è ancora una sfida per molti giovani pittori del continente. EPI intende aiutare a motivare, supportare e sviluppare giovani artisti visivi nel contesto di questi vincoli.

"Considero gli artisti, in particolare i pittori del continente, come operatori culturali, perché sono dotati di una capacità intrinseca di tradurre le realtà quotidiane in linguaggi visivi di trasformazione", Afferma Myron Beasley, uno dei giurati di EPI.

EAAGA, composta da 13 gallerie con sede in Africa, i cui membri, insieme agli ospiti invitati, formano il comitato di nomina per la selezione di 17 finalisti da quasi 100 nomination. “I finalisti di quest'anno sono uno straordinario gruppo di artisti impegnati e appassionati, che mostrano la notevole ampiezza di pratica e ambizione di avere successo tra gli artisti emergenti nel continente", Aggiunge Julie Taylor, direttrice di Guns & Rain, membro EAAGA e uno dei nominatori.

I vincitori dell'EPI sono stati annunciati durante il weekend di lancio ad Harare dal 26 al 28 luglio 2019 con premi tra cui denaro, residenze e mostre.

“La pittura è ancora la categoria più venduta nel mercato dell'arte, occupando quasi il 70% di tutte le vendite registrate nel mercato dell'arte. Quindi sostenere i pittori emergenti non è solo di enorme importanza culturale, ma significa garantire la sostenibilità economica dei settori artistici locali. EPI è stato sviluppato con una visione olistica per l'arte nel continente ”afferma Valerie Kabov, presidente di EAAGA.

I giurati di EPI 2019 sono tre artisti e educatori praticanti Myron Beasley (USA), Tapfuma Gutsa (Zimbabwe) e Maja Maljevic (Sudafrica). “L'EPI è un'eccellente iniziativa lungimirante. Il futuro dell'arte, e in particolare della pittura, dal continente, meritano di prendere il loro posto legittimo sulla scena internazionale ”aggiunge Maja Maljevic.

"L'isolamento socio-politico di Harare ha portato a un'energia artistica repressa, quindi l'appello alla partecipazione di altre nazioni africane è una gradita piattaforma comparativa per gli artisti emergenti", aggiunge Tapfuma Gutsa.

I 17 finalisti di 9 paesi africani hanno presentato i loro lavori alla mostra inaugurale Invitational, prodotta in collaborazione con EAAGA, presso la First Floor Gallery Harare dal 26 al 28 luglio 2019.

“Far parte di EPI è stato un grande voto di fiducia nella mia carriera di giovane artista, lavorando nel contesto del Sud Africa. Vedere tutti gli altri straordinari lavori finalisti proposti per il premio è una testimonianza del fatto che la pittura contemporanea in Africa è viva e vegeta ". Rory Emmett, finalista.

L'apertura della mostra e il lancio del premio sono stati sostenuti da un fine settimana di collezionisti internazionali, con un simposio, visite agli studi di artisti e visite a spazi artistici e gallerie in tutta Harare, tra cui: Chinebiri Studios, Gresham Tapiwa-Wycliffe Mundopa Studio / First Floor Gallery Harare, Harare I Harare distretto artistico, Village Unhu, National Gallery of Zimbabwe, Gallery Delta, Corridor Gallery, Artillery Tribal & Contemporary e Gareth Nyandoro Studio.

“Siamo lieti di lanciare il premio ad Harare e di condividere la città e la sua vibrante scena artistica contemporanea come destinazione artistica. Siamo anche entusiasti di vedere l'EPI svilupparsi come un evento che nelle edizioni future mostrerà altre città africane e le loro scene artistiche. Il nostro lavoro è sempre stato quello di trovare sinergie nella collaborazione ed EPI è costruita con questa visione", Aggiunge Marcus Gora, direttore esecutivo e co-fondatore della First Floor Gallery Harare. “Siamo grati per il supporto dei nostri colleghi, artisti partecipanti, spazi artistici locali e sponsor in questo meraviglioso progetto ”.

Per essere ammessi al premio, gli artisti devono essere nei primi 10 anni di pratica della scuola post-arte, essere residenti permanentemente nel continente e avere la pittura è la loro disciplina principale.

Elenco dei finalisti:

Surafel Amare (Etiopia)
Arim Andrew (Uganda)
Mohamed Saïd Chair (Marocco)
Rory Emmett (Sudafrica)
Sarah Grace (Sud Africa)
Nelly Guambe (Mozambico)
Nelsa Guambe (Mozambico)
Kimathi Mafafo (Sud Africa)
Catheris Mandombo (RDC)
Epheas Maposa (Zimbabwe)
Pebofatso Mokoena (Sudafrica)
Amanda Mushate (Zimbabwe)
Nhlanhla Dumakude Nhlapo (Sudafrica)
Kaloki Nyamai (Kenya)
Adonias Ocom (Uganda)
Jonathan Okoronkwo (Ghana)
Leayne Tilahun (Etiopia)

sponsor:

Strauss & Co, Africa First, Art Africa Magazine, Ngoma NeHosho, Emerging Africa Art Galleries Association, Pro Helvetia Johannesburg / Agenzia svizzera per lo sviluppo e la cooperazione (DSC), The African Arts Trust, Prince Claus Ticket Fund, First Floor Gallery Harare, Oldenburg Vini, fiera d'arte Latitude, Rwandair, Latilla Consulting, Sandalwood Lodge Harare, 515 Luxury Transport e Zimbabwe Tourism Authority.

Ulteriori informazioni e immagini Contatto:

Valerie Kabov, eaaga2016@gmail.com

Cellulare / Whatsapp: +263

www.emergingpaintinginvitational.com