El Anatsui: Meyina

La Goodman Gallery di Johannesburg espone attualmente la mostra di El Anatsui; Meyina (25 novembre-20 dicembre 2017). Meyina (Ewe language) può essere liberamente tradotto come "I am going". Prima di arrivare a Johannesburg, la mostra era stata esposta alla Prince Claus Gallery di Amsterdam fino ad aprile 2017. Questa è la prima grande mostra personale dell'opera di Anatsui nel continente. Forse, Meyina, in questo caso può essere tradotto in "Vado a casa" poiché il lavoro di Anatsui trova una casa temporanea nel continente.

Vista dell'installazione di Meyina. Per gentile concessione della Goodman Gallery, Johannesburg.Vista dell'installazione di Meyina. Per gentile concessione di Goodman Gallery.

Meyina è a cura del CCA Lagos (Center for Contemporary Art), fondatore del regista Bisi Silva, collega di vecchia data e amico di El's. Riesce a darci una visione d'insieme dell'uomo e dell'artista attraverso una raccolta di 7 installazioni scultoree, documenti d'archivio; tra cui lettere, e-mail, vecchie note di pianificazione, così come una funzione video incentrata sul processo di Anatsui per la creazione dell'opera.

Il lavoro di Anatsui è una storia di parallelismi; statico ma fluido, tattile e astratto, pesante ma trasparente e flessibile, un arazzo di abilità e lavoro. Ogni volta che l'opera viene appesa, assume una forma diversa …… .consentendo la molteplicità nella disposizione e nell'interpretazione. Il lavoro richiede interazione da parte dello spettatore e rimane aperto, indeterminato e senza limiti.

Anatsui lavora principalmente con materiali riciclati che sono stati usati e toccati e quindi intrisi di significato e storie. La combinazione di concetti e materiali sconvolge le idee e le definizioni tradizionali dell'arte.

El Anatsui, Horizon, 2016. Tappi per bottiglia, 260x460 cm. Per gentile concessione di Goodman Gallery.El Anatsui, orizzonte, 2016. Tappi di bottiglia, 260x460 cm. Per gentile concessione di Goodman Gallery.

Le sculture sono realizzate con cura, dissolvendo la distinzione forzata attraverso la quale separiamo ciò che è arte e ciò che è mestiere. I pezzi sono intricati e gradevoli alla vista, offrono una sorta di verità materiale e un'intensa connessione con la natura e possono essere letti come documenti che comunicano temi su riutilizzo, trasformazione, consumo e spreco ... tutti sullo sfondo delle storie di colonie e poteri post-coloniali.

Sebbene sia rinomato per i suoi incredibili capolavori realizzati con tappi di bottiglia riciclati, Anatsui incorpora anche altri mezzi nella sua pratica; argilla, legno, tappi di stampa, grattugie di manioca ecc. La sua lunga carriera di quattro decenni gli ha fatto guadagnare il rispetto dei pari e l'ammirazione degli amanti dell'arte. Ha ricevuto il Leone d'oro alla carriera alla Biennale di Venezia nel 2015 e al Premio Praemium Imperiale per la scultura nel 2017, tra molti altri.

Nato in Ghana e lavorando principalmente in Nigeria, come scultore e professore dal 1975, la carriera di El Anatsui, come la intendiamo oggi, ha preso forma nel 2002 alla Biennale di Venezia, quando ha debuttato con il suo nuovo lavoro fatto di tappi per bottiglie e anelli per conservare le bottiglie di liquore. Il suo studio si trova nella città sud-orientale di Nsukka. È qui che nascono le idee, il materiale filettato in "blocchi / unità" e le opere finali riunite con l'aiuto di assistenti di studio, molti dei quali sono artisti e allievi. La materialità e la complessità dell'opera lascia il posto al tempo e allo sforzo necessari per creare l'opera. Il processo è collaborativo, iterativo e dispendioso in termini di tempo …… un lavoro d'amore.

El Anatsui, risoluzione, 2016. Tappi per bottiglia, 320x336 cm. Per gentile concessione di Goodman Gallery.El Anatsui, Risoluzione, 2016. Tappi di bottiglia, 320x336 cm. Per gentile concessione di Goodman Gallery.

Come la maggior parte dei suoi lavori precedenti, le installazioni di questo spettacolo (Meyina) sono concettuali e scultorei con una forma piatta e un'astrazione, quindi non necessariamente vissuti puramente come sculture ... non abbastanza scultura, né pittura né collage .... ma da qualche parte nel mezzo o forse tutti in una volta.

El Anatsui, Tsu, 2016. Tappi di bottiglia, 225x242 cm. Per gentile concessione di Goodman Gallery.El Anatsui, Tsu, 2016. Tappi di bottiglia, 225x242 cm. Per gentile concessione di Goodman Gallery.
Vista dell'installazione di Meyina. Per gentile concessione di Goodman Gallery.Vista dell'installazione di Meyina. Per gentile concessione di Goodman Gallery.

Di Nkgopoleng Moloi