Dressing Desire: C (acceso) sui loro abiti e il potenziamento di womxn

Negli ultimi mesi, il Sudafrica ha assistito a un notevole aumento della violenza di genere, dove donne e bambini sono quasi sempre vittime di crimini sessuali e brutali omicidi. Sebbene la portata della violenza nei confronti di donne e bambini possa essere "unicamente" sudafricana, la discriminazione non lo è. Solo di recente Vladimir Putin, il presidente della Russia, ha affermato che "[non] ha nessuna brutta giornata, perché [non] è una donna".

La misoginia e il patriarcato sono stati per troppo tempo dominanti nella nostra società globale e le donne sono stanche di esistere sotto lo sguardo maschile. ARTE AFRICA ha parlato con Sarah Zimmerman e Ceil Ann, i creatori di C (lit), per scoprire come stanno combattendo la violenza di genere e la disuguaglianza oggi, portando empowerment a tutti coloro che si relazionano e risuonano con il loro marchio.

Tr (mangia) me meglio, 2017. Modello: Mziyanda. Immagine per gentile concessione di C (acceso).

ARTE AFRICA: Alla luce dei recenti, orribili atti di violenza nei confronti delle donne in tutto il Sud Africa - successivamente considerati femminicidio - diresti che C (acceso) è emerso dal riconoscimento che, nelle parole di Judith Butler, "il mio dolore o il mio silenzio o la mia rabbia o la mia percezione alla fine non è solo mia ”?

C (LIT): La lettera C è nata come reazione all'egemonia patriarcale prevalente nella nostra società, così come alla nostra esperienza di disuguaglianze di genere.

Come womxn, perché è stato importante per te creare C (lit), e pensi che si dimostri come un incessante materializzarsi di possibilità sia per le donne che per coloro che sono soggetti a norme di genere egemoniche?

La lettera C (lit) si presenta come una manifestazione del nostro desiderio di donna di esprimere noi stessi e le nostre esperienze. In questa luce, ciò che creiamo e indossiamo, speriamo, parli a quelle realtà, così come alle esperienze condivise degli altri. Essere in grado di indossare qualcosa in uno spazio pubblico che faccia una dichiarazione sociale può essere uno strumento per creare conversazioni e dialoghi intorno a quelle esperienze vissute.

Hai detto che il testo scelto per la tua merce tratta temi che risuonano con le esperienze di vita condivise delle persone, e mentre agiscono come una risposta diretta agli effetti paralizzanti della misoginia, mostrano anche una forza nel sovvertire ciò che di solito è, e ha sempre stato, considerato femminile. Quali erano i tuoi pensieri dietro questi testi specifici e come hai proceduto a sceglierli?

Alcuni dei nostri testi sono stati una risposta diretta ai vari modi in cui la misoginia viene impiegata sia negli spazi pubblici che in quelli privati. "No significa no" e "Non indossare questo per te" si occupano di questioni di consenso e molestie di strada. Questi testi iniettati in ambienti pubblici mirano a resistere e sfidare questi problemi. È anche un modo per rivendicare la proprietà sui nostri corpi in questi spazi, sovvertendo e sfidando i modi in cui il patriarcato esercita il suo potere.

"Tr (eat) Me Better" cerca di rivendicare il potere sessuale. Vogliamo normalizzare l'espressione esteriore dell'essere sessuale. Trattami meglio. Mangia anche me meglio. I nostri altri testi come "Millennial AF" e "You Do You" possiedono la nostra identità di generazione millenaria e il modo in cui ci relazioniamo collettivamente, comunichiamo e curiamo il nostro io online attraverso i social media.

Tr (mangia) me meglio, 2017. Modello: Kayla Critchfield. Immagine per gentile concessione di C (acceso).

Pensi che C (lit) sia in grado di trasformare i singoli atti di soppressione che sono nati da condizioni sociali egemoniche, specialmente qui in Sud Africa, invece di trasformare semplicemente le condizioni sociali egemoniche? Qual è stata finora la reazione al C (acceso)?

Qualsiasi dichiarazione fatta in spazi pubblici o privati ​​ha la capacità di creare cambiamento. Riteniamo che c (lit) possa essere un mezzo per le persone almeno per iniziare questo cambiamento, attraverso conversazioni stimolanti che circondano ciò che queste affermazioni significano per loro e le loro esperienze vissute.

Dove vedi C (acceso) nei prossimi anni e, per curiosità, puoi dirci di più sulla tua scelta nel nome del marchio?

Anche se per ora abbiamo solo cappellini e magliette, speriamo di espandere ulteriormente la nostra merce per il futuro. Inoltre, anche se ci basiamo esclusivamente online, il nostro obiettivo è raggiungere un punto in cui possiamo avere uno spazio fisico in cui le persone possono venire.

Il nome c (lit) mira semplicemente a normalizzare un'anatomia che, dalle nostre esperienze, è ancora vista come inappropriata e ignorata sessualmente.

Tr (mangia) me meglio, lo fai tu e No significa no, 2017. Modelli: Nickita Maesela e Jordan Van Der Westhuizen. Immagine per gentile concessione di C (acceso).