Lamyne M., 04 04 2020 Bolsonaro dédié au morts du COVID-19 Brasil (Bolsonaro to the death of COVID-19 Brazil) Tutte le immagini per gentile concessione dell'artista e della galleria Axis.

'Corona Curius': Lamyne M. parla con Gary van Wyk

"Dalla decisione del governo francese di mettere in quarantena l'intero paese, ho deciso di fare una maschera al giorno in risposta all'impatto geopolitico su 167 paesi di contaminazione con COVID-19, che ho intitolato" Corona curius ".

Lamyne M., 04 04 2020 Bolsonaro dédié au morts du COVID-19 Brasil (Bolsonaro to the death of COVID-19 Brazil) Tutte le immagini per gentile concessione dell'artista e della galleria Axis.Lamyne M., 04 04 2020 Bolsonaro dédié au morts du COVID-19 Brasil (Bolsonaro fino alla morte di COVID-19 Brasile). Tutte le immagini sono state gentilmente concesse dall'artista e dalla galleria Axis.

La più grande sorpresa al mondo è stata l'incapacità e il collasso dell'Occidente, incomprensibili anche agli occidentali stessi che assistono alle scene di caos qui in Francia, ma in modo più drammatico nel nord Italia e New York City. I paesi occidentali hanno i migliori medici e ospedali, i sistemi sanitari più sofisticati del mondo, come ci mostrano molto spesso, eppure sono stati tutti spinti, traboccanti, sconcertati dal nuovo penetrante cinese chiamato COVID-19. Nessuna fornitura di maschere protettive e test impossibili perché tutte le fabbriche sono state trasferite al largo, processi decisionali confusi, nessun coordinamento internazionale in Europa (anche se sembra normale): questa catastrofe ha infranto l'illusione della supremazia, che è stata parzialmente sostenuta sull'immagine di una società tecnologicamente avanzata con un governo più trasparente che altrove. Gli Stati Uniti stanno pagando un prezzo molto alto per la loro negazione e il loro distacco nazionalistico; anche lei conta le sue maschere come tutti gli altri e scopre le sue vulnerabilità.

Questa situazione ci ha fatto capire che stanno emergendo nuovi poteri. Quell'Europa duramente colpita ha ricevuto aiuto dalla Cina, dalla Russia e persino da Cuba contrasta con la semplice incapacità dell'Europa di arrivare alla fine di questa crisi. Questo non prevede il declino di quelle potenze che in passato hanno vinto la Guerra Fredda e creato standard che si sono diffusi in tutto il mondo? Forse la Cina ci sta dicendo che è arrivata l'ora del cambiamento? Quale lezione imparare? Immunità, giusto? Ma anche scendere dal piedistallo può avere virtù ... "

04 05 2020 le comptable (Il compatibile)04 05 2020 le comptable (Il compatibile)

Gary van Wyk: Perché hai scelto il titolo Corona curius per la serie?

Lamyne M .: “Coronavirus” è diventato parte di un vocabolario universale. Devi solo dire "Corona" e chiunque in qualsiasi parte del mondo aggiungerà il "virus" e lo considererà un riferimento a COVID-19, che in realtà è solo una nuova forma di coronavirus del 2019, di cui ce ne sono molti. Ho cambiato l'ortografia di “curioso” per suggerire anche la fissazione globale sul virus durante la pandemia: curiosità universale sul virus stesso e su tutte le circostanze che lo circondano. All'inizio si sapeva così poco al riguardo, ci fu una discussione costante al riguardo - copertura 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX - in TV, radio e social media - che cos'è, dove si trova, chi lo prende, ecc. E improvvisamente ce ne sono stati molti istantanei esperti. Ne ho fatto una "fantasia".

In inglese, un "fantasma" è un'immagine o una rappresentazione di un oggetto reale - e qui stai rappresentando non solo l'esistenza di COVID-19, ma stai indicando una serie di condizioni e contraddizioni che ha reso palpabili, portate alla luce nel luce del giorno. COVID-19 non è più singolare di "Corona" - COVID-19 ha tassi di infezione diversi in luoghi diversi, diverse classi di persone sono più vulnerabili di altre.

Come ho detto nella mia dichiarazione per il progetto, il contrasto tra il senso di superiorità continuamente proiettato dall'Occidente nella medicina, nella tecnologia, nell'inefficienza, nella trasparenza amministrativa, nelle sfide tattiche - tutto ciò che è il migliore in tutto non ha contato nulla con COVID- 19. Non è vero che l'Occidente ha il meglio di tutto. L'Occidente è stato abbattuto da un piccolo organismo e l'intero sistema è stato mobilitato per combatterlo e risolvere questo problema. Ma noi in Africa, insieme a molte popolazioni del Terzo Mondo, nei territori francesi - ad esempio a Guadalupe, che è territorio francese - e anche all'interno dell'Occidente in comunità svantaggiate, come le comunità di immigrati che sono al centro del mio lavoro, sono nati e hanno sofferto di molte malattie mortali che sono molto più facili da sradicare quel COVID-19. Queste malattie sarebbero eliminate se il mondo si mobilitasse come ha fatto per COVID-19. Ci siamo nati, è nel nostro sangue. Le persone povere di tutto il mondo stanno ancora morendo per sfide molto minori rispetto alla pandemia del Coronavirus. Quindi, ora COVID-19 ha livellato il campo di gioco, l'Occidente è seduto al tavolo con noi. Corona non uccide solo i poveri, uccide tutti.

31 03 2020 Nafsy Nafsy31 03 2020 Nafsy Nafsy

La dichiarazione del tuo artista per questo progetto e quello che dici sui problemi di salute globale richiama alla mente un discorso di Fidel Castro in cui dice che Cuba non ha armi nucleari, o chimiche o biologiche. Invece, Cuba ha istruito medici e dentisti per aiutare altri paesi anche "a los mas oscuros rincones del mundo" - negli angoli più bui del mondo. Questi medicos sono le "armi intelligenti" di Cuba - mirate altruisticamente, non per uccidere a distanza e in modo anonimo, ma per usare la conoscenza e l'abilità per aiutare e guarire. Alcune delle tue maschere Corona curius integrano medicinali. Lei, come Castro, commenta l'accesso alla medicina?

Esattamente. Cuba si è occupata del COVID-19 tramite la scienza; in Occidente abbiamo cercato di affrontarlo tramite tecnocrati, burocrati ed economisti, mettendo da parte gli esperti di salute. Ma coloro che hanno accesso alle maschere, a buoni medici e alle cure mediche hanno maggiori possibilità. Tuttavia, COVID-19 può uccidere chiunque. Tuttavia, all'interno della pandemia sono curiose differenze nei tassi di mortalità. Per la prima volta, l'Occidente ha appreso l'arbitrarietà di morire per una malattia. In altre parti del mondo, le popolazioni hanno convissuto - e sono morte - con questa arbitrarietà per molto tempo. Se sei bianco vivi; se sei nero muori. Quando i ventilatori scarseggiavano in modo critico in Europa, se avevi più di 75 anni, bianchi o neri, ricchi o poveri, dovevi morire. In tempi recenti, l'Occidente non ha dovuto affrontare questo tipo di discriminazione sociale. Tuttavia, allo stesso tempo, indipendentemente dall'età, le differenze tra ricchi e poveri continuano a manifestarsi. In Francia, se ti sei presentato per il trattamento, ti veniva comunque chiesto della tua professione: "Dove lavori?" Qual è la rilevanza di ciò? Le persone hanno avuto la sensazione di essere state selezionate per l'attrezzatura. Questa non è democrazia: mostra che la democrazia è fumo, è un'illusione. Corona ci ha dimostrato che in molte parti dell'Occidente non viviamo sotto la democrazia e molti paesi hanno utilizzato la pandemia per arrestare e reprimere gli oppositori.

+ 30 04 2020 La rinascita

Il cui corollario è essere scelti per morire.

Siamo stati trasformati in un piccolo villaggio da un piccolo organismo.

Che cosa vuoi dire con questo?

Eravamo tutti sulla stessa barca, immigrati e non immigrati, ricchi e poveri, tutti concentrati sulla stessa minaccia. Dovevi solo accendere la TV ed eri in tour mondiale.

Perché hai scelto di creare maschere come risposta alla pandemia COVID-19?

La maschera è al centro di questo problema. Saremo salvati solo se avremo maschere. È una bugia che non è necessario che tutti abbiano maschere: questa è una storia che è stata messa in scena perché ci sono carenze croniche di offerta. Abbiamo visto diversi paesi del mondo, e diversi stati e province, competere per acquistare maschere, aumentare il prezzo e renderle più difficili da ottenere. La situazione in Italia ha mostrato quanto sia fragile l'UE: l'Europa non poteva aiutare l'Italia, l'Italia ha dovuto fare affidamento sulla Cina per inviare maschere. L'Europa non è riuscita a salvare nemmeno uno dei suoi membri principali. Tuttavia, le persone potrebbero creare le proprie maschere per proteggersi, a condizione che gli venga detto che è necessario avere maschere e incoraggiate a realizzarle. Tuttavia, la maggior parte dei funzionari occidentali non lo dice chiaramente alla gente. In Occidente, la decisione amministrativa di far indossare maschere ad alcune persone è stata presa troppo tardi, perché stavamo seguendo l'opportunità politica ed economica invece della logica - la logica della salute pubblica. La Francia ha persino ritardato l'imposizione del blocco fino a dopo le elezioni programmate. Ho deciso di fare una maschera ogni giorno anche come dedica, ricordo in onore di chi è morto, di chi è in pericolo, di chi sta morendo perché non ha il privilegio di isolarsi. E scandisco il tempo con il rituale di creare ogni giorno una nuova maschera.

Ti sei impostato parametri o regole specifiche da seguire?

Per realizzare ogni maschera da quello che avevo subito a portata di mano. Ho deciso di indossare un copricapo, che è una questione politica in Francia rivolta agli immigrati che li indossano. Identifica segmenti della popolazione, mentre su di me la felpa oscura la mia identità personale. COVID-19 è come una persona senza identità, senza biglietto, senza visto, senza passaporto, ma libera di andare dove vuole, in tutti e cinque i continenti.

Un po 'come un infiltrato… Le felpe che indossi, noto che sono gialle e blu. Questo è significativo?

Il giallo è significativo in Camerun, da dove vengo, è il colore del deserto, della mancanza: mancanza d'acqua, mancanza di conoscenza. L'azzurro nel tricolore francese la bleu du coraggio.

In contrasto con l'implicazione del copricapo e la sua associazione con la discrezione, alcune delle tue maschere erano realizzate con mutandine da donna.

Sì, è un elemento drammatico, un po 'uno scherzo, ma suggerisce anche che possiamo essere inventivi e creativi, anche quelli che non hanno maschere, o non possono permettersi di pagarle, o pensano che non dovrebbero Non devo pagare per loro perché la salute pubblica è un dovere delle autorità pubbliche. Molte persone in tutto il mondo sanno come accontentarsi di ciò che hanno a portata di mano, che si tratti di mutandine di pizzo delicate e costose o di una maschera fatta di un vegetale o di una pianta.

+ 11 05 2020+ 11 05 2020

Con pizzo contro ananas, stai riflettendo sul tuo privilegio?

Sono fortunato ad avere creatività. Molte persone non ne hanno, non avrebbero la possibilità di creare un modo per proteggersi. Alcuni hanno creatività e mezzi e li utilizzano solo per se stessi e per la propria famiglia. Poi ci sono quelli che non hanno ancora niente e fanno del loro meglio per aiutare gli altri. Mio figlio, per esempio, sta andando negli appartamenti delle torri, porta il pane a chi non può uscire, lo lascia alla porta, li chiama al citofono per ritirarlo. Questa pandemia non solo ci ha portato via, ma ci ha anche restituito. La solidarietà sociale è tornata. Stare con la famiglia, condividere, uscire da dietro il nostro lavoro, tornare alla realtà delle nostre vite. Questo è positivo.

Hai contemplato le tue maschere COVID-19 in relazione alle pratiche tradizionali africane, in particolare alle tradizioni di mascheramento e al lavoro del marabù?

Le mie maschere sono completamente separate dal ruolo cerimoniale delle maschere africane, sebbene l'elemento di isolamento che a volte è richiesto nella creazione e nell'esecuzione di maschere potrebbe essere un collegamento. Nelle maschere cerimoniali, spesso subiscono invocazioni rituali, come essere respirate o sputate, mentre il mio personale rituale di Covid curius le maschere riguardano il contrario: custodire il respiro, l'uno dall'altro, tagliare l'interrelazione tra le persone. Le maschere tradizionali africane affrontano la tradizione stessa e la preoccupazione spirituale, legando la comunità e collegandola al passato e proiettando le sue pratiche nel futuro, mentre io sto affrontando un momento contemporaneo globale, e il mio rituale è personale. D'altra parte, sono molto interessato a come i marabout in Africa trattano il COVID-19, e sono già in comunicazione con alcuni di loro, e spero di prendere una residenza in Africa dove posso seguire quella strada.

Quando potremo muoverci di nuovo in sicurezza ... COVID-19 varca i confini in un modo che gli immigrati non possono e, ironia della sorte, il blocco ha fermato molti rifugiati e potenziali immigrati e ha intrappolato altri nel limbo. Ti andrebbe di commentare come vedi il tuo Covid curius serie relative ai tuoi primi lavori riguardanti l'immigrazione?

Mi interessa la libera circolazione e l'accettazione delle persone. COVID-19 è stata un'arma a doppio taglio per i migranti. In alcuni luoghi, COVID-19 ha aumentato la xenofobia contro i migranti. Ad esempio, sento parlare di africani in Cina presi di mira, che si rifugiano nell'ambasciata senegalese nella paura o nella loro vita, perché in Cina viene detto alla gente che gli africani hanno portato la malattia - o che proveniva dall'America. Non riceviamo quella notizia. Tuttavia, se viaggi in metropolitana a Parigi, puoi sentire i francesi che prendono di mira gli asiatici e li chiamano "Ooooo, Corona". Disgustoso!

D'altra parte, in Italia, che è stata l'epicentro europeo del COVID-19 ed è l'hotspot europeo per la migrazione trans-mediterranea dal Marocco e dalla Libia, il governo italiano ha accelerato i permessi di lavoro per i migranti. L'Italia ha riconosciuto la necessità dei migranti di lavorare non appena l'economia si riapre, quindi COVID-19 ha creato un nuovo atteggiamento nei confronti dei migranti. In Francia e in molti altri paesi occidentali, sono gli immigrati che stanno facendo il duro lavoro in prima linea nella crisi del COVID-19. Molti immigrati lavorano nel settore sanitario e svolgono lavori umili, come la raccolta dei rifiuti. Gli autisti di Uber, i servizi di consegna di generi alimentari, il personale del supermercato - per lo più si tratta di immigrati, molti che lavorano senza maschere e sperano di diventare legali. Per la prima volta in Francia, siamo passati mesi senza sentire una copertura negativa sugli immigrati. Le persone si stanno rendendo conto della dipendenza dagli immigrati da questo tipo di lavoro; ora sappiamo che sono importanti.

30 03 2020 Premier ligne Dedier a ceux qui ont lutter dès les premier apparition du virus et le Docteur Ai Fan30 03 2020 Premier ligne Dedier a ceux qui ont lutter dès les premier apparition du virus et le Docteur Ai Fan

Sì, negli Stati Uniti sembra esserci un nuovo apprezzamento per il lavoro. I gestori di fondi speculativi sono del tutto inutili per noi, ma abbiamo bisogno dei nostri dipendenti della drogheria e dei nostri netturbini.

Alcuni immigrati si sono fatti avanti in modo prominente con iniziative, mostrando la loro dedizione civica. A Bruxelles un gruppo di donne originarie di Kigali ha realizzato maschere di stoffa e le ha mandate agli ospedali - che siano migranti legali o illegali non fa differenza, così come non fa differenza per me. Sono un cittadino francese, un residente legale, ma rimarrò sempre un immigrato e non vi è alcuna differenza rilevante tra me ei miei connazionali del Camerun o di altre parti dell'Africa che vivono qui in Europa. Stesso colore, stessa origine, qual è la differenza? Siamo qui, ci stiamo intensificando. Sto anche realizzando maschere di stoffa che le persone possono usare per proteggersi, trovando persone che ne hanno bisogno, chiamandole per dire che lascerò la maschera alla loro porta.

La pratica artistica di Lamyne M. riflette un costante interesse per il modo in cui le questioni culturali, economiche e sociali sono incorporate nel tessuto. Applica il tessuto a diversi supporti - diversi come edifici, ventilatori meccanici e animali vivi - per attivare una serie di concetti e critiche che vanno dagli squilibri di genere nella storia alla preoccupazione per l'ambiente e per le popolazioni vulnerabili. La sua pratica è anche immersa nell'accoglienza degli immigrati africani e nell'arte e nella cultura africana in Occidente.

Gary van Wyk è il curatore della Axis Gallery, New York.