Polemica sulla censura alla fiera d'arte di Joburg di FNB

Dichiarazione della Goodman Gallery su David Goldblatt alla FNB Joburg Art Fair

La Goodman Gallery sostiene pienamente la decisione di David Goldblatt di chiudere la sua mostra The Frock e altre immagini alla FNB Joburg Art Fair. Goldblatt ha preso questa decisione dopo che è emerso che il regista di Artlogic Ross Douglas aveva richiesto il dipinto di Ayanda Mabulu Yakhal'inkomo - Black Man's Cry essere rimosso dallo stand comune.1, che hanno accettato di fare.

La Goodman Gallery è dedicata a sostenere la costituzione sudafricana e la libertà di espressione che consente. Come conseguenza di La lancia saga, abbiamo imparato molte lezioni e siamo consapevoli che questo incidente ha generato una cultura di autocensura, che è diventata sempre più onnipresente nel mondo dell'arte sudafricana. È triste che la FNB Art Fair sia influenzata da questa corrente sotterranea di paura per ragioni economiche o meno. Molte fiere internazionali - anche a carattere commerciale - fanno di tutto per mostrare opere che sono state precedentemente censurate.

Tebogo Moche alla fiera d'arte di Joburg-18

Immagine di: Tebogo Moche

Un esempio significativo è la mostra Sensor Ship all'Art Basel Hong Kong di quest'anno, che ha presentato opere precedentemente censurate o la loro documentazione insieme a interviste agli artisti che dettagliavano opinioni personali sul motivo per cui le opere erano state censurate. Riconosciamo che la situazione è complessa e stratificata, quindi la direttrice della Goodman Gallery Liza Essers ha incontrato David Goldblatt e Ross Douglas e le ha suggerito di presiedere una conversazione allo stand di Art Talks. Come risultato di questo dialogo stratificato, Artlogic ha ammesso di non aver considerato le ripercussioni della loro decisione e ha acconsentito a consentire alla comune1 di riproporre il dipinto di Mabulu sul proprio stand. Goldblatt reinstallerà la sua mostra e permetterà che il suo lavoro venga mostrato.

Ayanda

Per gentile concessione della Goodman Gallery.