Più che un semplice curatore, Bisi Silva (1962-2019) continua a vivere!

La nostra amata Bisi Silva, direttore artistico, Centro per l'arte contemporanea, Lagos, è passata a una gloria più grande!

Una grandezza emersa da una decisione pienamente consapevole di affrontare le sfide del trasferimento a Lagos (Nigeria). Bisi non ha mai smesso di riposizionare e far avanzare la vibrante arte e il patrimonio culturale della grande nazione della Nigeria e del continente africano attraverso il suo impegno incrollabile e l'incredibile professionalità.

Bisi Silva. Fotografia: Natalie SlowBisi Silva. Fotografia: Natalie Slow

Sì, ha scelto di andare a capofitto e cavalcare quel vento quasi impossibile di cambiamento di direzione e integrità. Lei, intuitivamente, ha attratto il brusio globale dell'arte contemporanea per noi e ci ha resi attraenti per il mondo dell'arte sempre vibrante.

Ha sacrificato così tanto dall'inizio al cambiamento fiammeggiante e all'impatto che ha iniziato!

Bisi è entrata nel panorama artistico contemporaneo nigeriano con il cuore spalancato. Ha rischiato tutto per favorire l'inclusività e la diversità. CCA, Lagos è diventato uno spazio che ha ispirato conversazioni, progetti / programmi e dibattiti energici. Bisi ha guidato incessantemente tutto questo. Era straordinariamente senza pretese e potente!

Nel 2007, quando entrai nel Center for Contemporary Art, Yaba, Lagos, per iniziare una carriera di volontariato collaborativo con lei, stava già coltivando un piano solido per informare e presentare al pubblico la sua visione dinamica dell'arte contemporanea, focalizzandosi prima di tutto su quelli della nostra immediata comunità di Yaba e sul vasto pubblico lagosiano.

Voleva anche che chiunque avesse scelto di unirsi a lei in questo "lavoro d'amore" (il suo termine per la nostra fatica artistica e curatoriale) venisse con lo stesso cuore aperto e impartendo un senso.

All'inizio del 2016, quando ho avuto la mia ultima conversazione "faccia a faccia" con lei, prima di lasciare Lagos, molte cose erano andate a buon fine. Indipendentemente dalle lacrime e da molti momenti depressivi, avevamo riso di risultati più intensi, ma non era mai stata sorpresa a riposare sugli allori. Stava già pensando alla fase successiva - il futuro di CCA, Lagos, riallineare la missione dell'istituzione su una visione che consentisse una graduale trasformazione dei servizi e delle attività curatoriali, accademiche, artistiche e civiche del Centro per essere più fluide, coinvolgenti in modo espansivo e focalizzata. Voleva pubblicare di più, espandere la biblioteca (fisicamente e virtualmente), stimolare scambi e collaborazioni "glocal" più ibride.

Fotografia: Eustáquio NevesFotografia: Eustáquio Neves

Come ha sempre affermato, "più è bello, più è bello. "Quindi, questa fase implicherebbe attingere alla molteplicità di contatti, artisti / curatori e reti disponibili per il Centro per modellare il futuro dell'arte contemporanea in Nigeria e in Africa.

È pertinente notare qui che l'Africa per Bisi non era una massa irrazionale o irraggiungibile. Il supporto e l'influenza di Bisi sulle giovani generazioni di artisti e curatori, nonché il suo rispetto consolidato e le relazioni professionali con le più ampie comunità delle arti e, naturalmente, della politica nel continente e oltre, hanno reso meno difficile il compito di raggiungere facilmente tutto il continente e disegnare nelle rispettive opinioni, risultati e input.

La scuola d'arte Ásíkó, un programma itinerante di arte / educazione curatoriale che le era appassionato, faceva parte di quel canale di stabilire e sostenere efficacemente arricchendo presenze critiche in Africa. Non mancherò di menzionare i numerosi progetti espositivi, residenze, progetti curatoriali che ci tenevano costantemente impegnati con ogni persona, entità e istituzione rilevanti nel continente e proiettavano CCA, Lagos nel resto del mondo.

Il suo impegno incondizionato nei confronti delle arti / artisti ha fatto orbitare il mondo senza sforzo a 9 McEwen Street, Sabo, Yaba, Lagos, Nigeria! Fu da questa piattaforma metrocentrica che molti più artisti e personalità culturali si ricollegarono a noi, a noi e intorno a noi.

Bisi era più che un curatore. La sua passione per informare tutti, grandi e piccini, era incomparabile. Le sono piaciute le conversazioni solide che tutti hanno portato al tavolo su questioni persistenti relative all'arte contemporanea e alla crescita. Questa passione ha portato a molteplici progetti di tutoraggio, scuole curatoriali informali (Oyindamola Fakeye, Hansi Momodu-Gordon e il mio umile sé erano i suoi primi protetti), Ásíkó, MOOC (con Goethe-Institut), programmi di residenza per artisti, innumerevoli recensioni di portfolio e artisti ' visite in studio ... È sempre stata entusiasta di migliorare il livello di conoscenza e comprensione artistica, soprattutto tra artisti e curatori più giovani.

Uno scenario classico è quello in cui l'intera comunità Yaba è venuta a conoscenza delle nostre attività presso CCA, Lagos e ha iniziato a essere coinvolta, accomodante e incoraggiante di ogni intervento ed evento artistico dentro e intorno a noi.

Con Bisi, CCA, Lagos ha guadagnato il rispetto e la fiducia dell'intero ambiente Yaba, Akoka. Non si trattava più di CCA, Lagos era solo vibrante a livello globale, il Centro è stato istituito e impartito in altri spazi locali in Zaria, Nsukka, Ife, Enugu, Abuja ... Bisi ci ha incoraggiato a non distogliere mai l'attenzione dalle nostre comunità locali, ha incoraggiato collaborazioni più ampie e tutte le forme di interazioni basate sulla comunità che migliorano la qualità del ragionamento artistico, l'apprezzamento e il risultato. Oh! Bisi ha percorso questi traguardi quasi impossibili e ha realizzato molto bene!

Pensando a questi e molti altri, il cuore mi batte forte e le lacrime che affogano mi scorrono sulle guance. Non sono solo lacrime per una perdita enorme di uno straordinario mentore, amico e capo sorella. Sono stupito dalla bellezza di questa elegante, impavida sorella guerriera amazzonica, che è venuta a combattere armata con un sorriso affascinante e conoscenza fusa con armi e munizioni. La sua cassa di guerra intellettuale era piena di una squisita collezione di tomi e risorse provenienti da ogni parte del nostro mondo. I suoi comandi erano narrazioni poetiche e intuitive tratte da esperienze e incontri diretti. Bisi, una donna stupefacente che "rise di fronte al pericolo". (Era umana e appassionata del suo lavoro, e questo a volte poteva portarla a piangere, ma sempre nel suo ufficio e fuori dalla vista del pubblico.) Combatté per tutti. Ha combattuto fino alla fine!

Alcune settimane prima della sua scomparsa, ho avuto la mia ultima conversazione con lei tramite WhatsApp; la sua voce e il suo tono risuonavano ancora con un tono acuto e libero. Ho elogiato e incoraggiato lei ...

Bisi - Grazie per averci dato tutte queste voci così brillanti. Mentre passi alla gloria, stai certo che la tua voce continuerà a risuonare, diventando più forte e imponendo un pubblico ancora più vasto. Continuerai a vivere in noi, nelle nostre arti, nei nostri cuori e pensieri. Siate certi che molti altri apprenderanno la vostra volontà, la vostra dedizione, la vostra radiosità e porteremo la conoscenza del vostro esempio anche nel futuro con tutti i giorni più belli che sicuramente arriveranno. Grazie amato Bisi per una vita vissuta, e in particolare per tutto ciò che hai fatto per me. Eri implacabile, affascinante e gentile! Hai sacrificato così tanto per tutti noi.

Grazie, grande insegnante, sorella e mentore. Possa la luce perpetua di Dio brillare eternamente sulla tua anima gentile.

Che tu possa riposare in perfetta pace Iyaloja di CCA, Lagos!

Jude Anogwih è un'artista visiva / artista-curatrice che vive a Lagos e negli Stati Uniti.