Banana Republic, L'ordine economico del ventre giallo

La comunità artistica di Lagos e i consumatori di cultura si sono riuniti per ricordare a se stessi lo stato delle cose nel sistema politico nigeriano. Attraverso la mostra satirica in corso di Muyiwa Akinwolere e Agemo Francis presso Untitled in Ikoyi Lagos e curata da A Whitespace Creative Agency

"Banana Republic" è una versione immaginaria delle storie e delle condizioni peculiari di una nazione in difficoltà. Attingendo a temi politici, religiosi e socio-economici, Muyiwa e Francis impegnano le loro inclinazioni artistiche uniche per spingere lo spettatore a riesaminare il loro paese. Dove le implicazioni di una gestione schifosa degli affari del paese da parte di una classe dirigente d'élite purgano inevitabilmente le masse dal nutrire la speranza per un futuro migliore.

Lo stile di personaggi grotteschi simili a caricature di Agemo aiuta a guidare il suo messaggio e lo fa arrivare più velocemente. Suo nonno era un rabdomante ed è cresciuto intorno a statuette, totem e maschere tipiche dei santuari. Ha continuato a studiare Belle Arti alla Delta State University dove si è laureato in scultura.

In due delle sue opere in mostra intitolate Othangbe, I e II, l'artista ritrae un serpente che è un oggetto di culto e di grande riverenza nella sua cultura. Othangbe significa un serpente con cinque marchi. Di solito, quando le persone facevano cose cattive, questo serpente si presentava e le incitava a confessare le loro malefatte. Un tipo di controllo ed equilibrio per tenere a bada i membri della società. Francesco ci dice che l'assenza di potenti misure antiche come questa ha fatto sì che i cittadini soprattutto eletti agissero con abbandono, quando si trovavano in una posizione di rilievo. Secondo lui, gli dei delle nuove religioni a cui le persone ora si aggrappano sono molto più misericordiosi e più lenti all'azione degli dei antichi.

Agemo Francis, Othangbe I. Tutte le immagini sono state gentilmente concesse dagli artisti e da A Whitespace Creative Agency.
Agemo Francis, Othangbe II.

In un'altra opera intitolata La nostra testa sono le gambe del loro tavolo, Francesco in un ironico esame degli eventi, mostra un tavolo di una festa, compresi tutti i tipi di pasti sontuosi con i beneficiari che si divertono. Ma a spese delle teste di un'altra classe di persone le cui teste fungono da gambe del tavolo su cui si svolge il sontuoso pasto.

Agemo Francis, La nostra testa sono le gambe del loro tavolo.

La qualità mistica che circonda le opere di Francesco non ne deraglia la bellezza. La sua serie presenta opere in legno e pezzi di tela, l'artista utilizza costantemente colori, motivi e persino materiali come il metallo per distinguere i suoi soggetti; cosa indossano, oggetti che tengono, così come il primo piano e lo sfondo.

La maggior parte delle opere in legno sono pezzi segati e riassemblati e l'artista utilizza una tecnica di perforazione per ritagliare le sue idee sulla sua tela.

Il racconto di Muyiwa Akinwolere di una repubblica delle banane non è poco affascinante e accattivante. La serie di lavori dell'artista viene eseguita principalmente utilizzando olio e acrilico su tela e con tracce di elementi granulosi sulla superficie, per conferire alle opere un aspetto e un aspetto più surreali. Inoltre espone alcune sculture in legno, dando una realtà 3D ai temi discussi.

I nuovi proprietari, una rappresentazione di mucche al pascolo nella savana è a dir poco un commento sociale sui prolungati conflitti di interesse tra allevatori nomadi di bestiame del nord e proprietari di piantagioni nella parte meridionale della Nigeria.

Muyiwa Akinwolere, I nuovi proprietari.

Anche lo “stemma” della mostra è illustrato da Muyiwa. Una tela rosa con una banana gialla mezza sbucciata eretta, circondata alla base da uno stendardo rosso. Lo striscione ha le parole scritte; per tagliare e pulire la bocca. Parlando dell'ideologia dominante e del motto di una Repubblica delle banane. Un caso in cui la prima persona ad approfittare di una risorsa o di un'opportunità, lo fa con la massima discrezione.

Muyiwa Akinwolere, Stemma della Repubblica delle Banane, 2019.

Una caratteristica prominente delle opere sono gli occhi nel dipinto che sembrano raccontare metà della storia dei personaggi che stanno incarnando. La classe dirigente ha paura che non possa accadere sulle opportunità che ottiene, quindi taglia e pulisce la bocca. Le masse hanno anche troppa paura per ribaltare la situazione, per non finire a essere le più colpite nel processo.

Muyiwa Akinwolere, Dodonkodi.
Muyiwa Akinwolere, Un uomo del popolo.

'Banana Republic' è in mostra a Untitled in Ikoyi, Lagos (Nigeria) fino al 12 dicembre 2019.

Tobi Bolaji Idowu