Siwa Mgoboza, Cagna, You Betta Werk, 2017.

Aste di co-curates Aste d'arte Aspire a Parigi

Riflettori sull'arte moderna e contemporanea africana mentre l'eccitazione cresce per un'asta dedicata a Parigi.

Aspire Art Auctions presenta un'asta co-curata di arte africana moderna e contemporanea in collaborazione con la casa d'aste francese Piasa, che si svolgerà mercoledì 24 giugno a Parigi.

Il debutto di una casa d'aste con sede in Africa che presenta una vendita dedicata in Europa segna per prima un'industria e conferma Aspir come campione emergente globale per l'arte africana all'asta.

Dopo il successo dell'asta Aspire X Piasa a Città del Capo nel febbraio 2020, è stata pianificata una successiva vendita a Parigi con grande anticipo. In mostra un'impressionante collezione di 173 opere d'arte di 85 artisti provenienti da 19 paesi del continente, l'imminente asta su larga scala sottolinea la vitalità e la qualità dell'arte prodotta nei vari principali centri dell'Africa occidentale, orientale e meridionale e della diaspora. Riunendo opere d'arte provenienti da linee geografiche, l'asta presenta alcuni degli artisti africani più ricercati, le cui opere sono sempre più soggette alla domanda internazionale.

Chéri Samba, J'aime la couleur, 2004.Chéri Samba, J'aime la couleur, 2004.

I punti salienti significativi includono il dipinto sorprendente J'aime la couleur (2004) di Honey Samba, che introduce la selezione speciale dedicata ai pittori popolari antichi e attuali del Congo con opere del leggendario Chéri Chérin, Mokée il più giovane JP Mika.

William Kentridge, disegno da Johannesburg, seconda città più grande dopo Parigi (Soho Eating), 2.William Kentridge, Attingendo da Johannesburg, seconda città più grande dopo Parigi (Soho Eating), 1989.

Di fama internazionale William Kentridge 1989 importante attingendo a Johannesburg, 2a La città più grande dopo Parigi (Soho Eating) è la copertina in primo piano per la vendita. Prodotto in un momento critico della storia del Sudafrica, mentre il paese era sulla cuspide di radicali cambiamenti politici e sociali, questo disegno completa The Crossing (1987), uno dei Di Peter Clarke opere più potenti e politicamente cariche. Questa sarà la prima volta che un'opera di questo importante artista sudafricano verrà messa all'asta nell'Europa continentale.

Nicholas Hlobo, Umfanekiso, 2012.Nicholas Hlobo, Umfanekiso, 2012.

La vendita vanta un'offerta contemporanea straordinariamente forte di opere eccezionali con nomi di spicco Yinka Shonibare CBE (Gran Bretagna-Nigeria), Nicholas Hlobo (Sud Africa), Pascale Marthine Tayou (Camerun), Barthélémy Toguo (Camerun), Omar Ba (Senegal), Mary Sibande (Sud Africa), Kendell Geers (Sudafrica) e Misheck Masamvu (Zimbabwe).

A SINISTRA: Kudzanai Chiurai, Untitled VIII (Auto and the Workers Movement), 2018. A DESTRA: Eddy Kamuanga, Untitled, 2018.SINISTRA: Kudzanai Chiurai, Untitled VIII (Auto and the Workers Movement), 2018. DESTRA: Eddy Kamuanga, Senza titolo, 2018.

Opere di stelle nascenti includono Kudzanai Chiurai's (Zimbabwe) lavoro su supporti misti Untitled VIII (Auto and the Workers Movement), un impressionante dipinto su larga scala di Eddy Kamuanga (RDC), due dipinti basati sull'installazione di Simphiwe Ndzube (Sudafrica) e Di Peter Ngugi (Kenya) rendering colorato della cultura pop contemporanea in Africa.

Siwa Mgoboza, Cagna, You Betta Werk, 2017.Siwa Mgoboza, Puttana, Betta Werk, 2017.

A SINISTRA: Sanaa Gateja, Twitter and the Struzzo, 2019. A DESTRA: Dickens Otieno, Senza titolo, 2020.

SINISTRA: Sanaa Gateja, Twitter e lo struzzo, 2019. DESTRA: Dickens Otieno, Senza titolo, 2020.

Emozionanti opere a tecnica mista che attireranno l'interesse sono: Sanaa Gateja (Uganda) arazzo di carta intitolato Twitter e lo struzzo(2019) Dickens Otieno's (Kenya) intrigante applique senza titolo di strisce di metallo intrecciato e la prima apparizione in assoluto all'asta di opere tessili da parte dei giovani e imminenti Siwa Mgoboza (Sud Africa).

Anche all'asta per la prima volta ci sono due opere di origini britanniche Tomi Olopade e un collage di grandi dimensioni realizzato dall'americano Yashua Klos, che affrontano entrambi questioni di identità, razza, memoria e comunità.

A SINISTRA: JD 'Okhai Ojeikere, Mkpuk Eba, 1974. DESTRA: Zanele Muholi, Sasa, Bleecker, New York, 2016.SINISTRA: JD 'Okhai Ojeikere, Mkpuk Eba, 1974. DESTRA: Zanele Muholi, Sasa, Bleecker, New York, 2016.
A SINISTRA: Malick Sidibé, Avec mes verres fumés, 1963. A DESTRA: Malick Sidibé, Dansez le twist, 1965.SINISTRA: Malick Sidibé, Avec mes verres fumés, 1963. DESTRA: Malick Sidibé, Dansez le twist, 1965.

La vendita si conclude con un'impressionante collezione di fotografie, compresi i ritratti di fine anno JD 'Okhai Ojeikere (Nigeria) e fotografo attivista Zanele Muholi (Sudafrica) e una serie di Malick Sidibé's immagini iconiche della cultura giovanile negli anni '1960 e '70 nella capitale del Mali, Bamako.

A SINISTRA: Rotimi Fani-Kayode, Half Opened Eyes Twins, 1989. A DESTRA: Mohau Modisakeng, Passaggio 8, 2017.SINISTRA: Rotimi Fani-Kayode, Gemelli occhi aperti a metà, 1989. DESTRA: Mohau Modisakeng, Passaggio 8, 2017.

Stampe d'argento alla gelatina di Rotimi Fani-Kayode (Nigeria-Gran Bretagna) e due immagini di Mohau Modisakeng's (Sudafricano) passanIl video, che è stato esposto alla 57a Biennale di Venezia, presenta anche.

David Goldblatt, Un minatore aspetta sulla riva di andare sottoterra, City Deep Gold Mine, 1996 (2_3041)David Goldblatt, Un minatore aspetta sulla riva di andare sottoterra, City Deep Gold Mine, 1996

Di notevole importanza è una rara stampa al platino, raramente vista sul mercato aperto, dal fotografo più lodato del Sudafrica David Goldblatt. La fotografia Un minatore aspetta sulla riva di andare sottoterra, City Deep Gold Mine, 1996 fa parte del celebre Goldblatt Sulle miniere serie, un notevole corpus di lavori che fornisce spunti sulla vita e sulle difficili condizioni dei minatori il cui lavoro ha sostenuto l'economia sudafricana e creato ricchezza straordinaria. Altre due fotografie molto ricercate di Goldblatt sono anche in offerta.

Questa partnership è un'altra mossa strategica per Aspire per promuovere il valore internazionale e l'apprezzamento per l'arte e gli artisti provenienti dall'Africa e dal Sudafrica in particolare. Dal 2016, Aspire ha modificato il mercato locale delle aste. Mentre la società ha attivamente aperto la strada a nuovi settori nell'ambito dell'arte contemporanea all'asta, è stata anche la prima a promuovere con impegno artisti neri del XX secolo sottovalutati e la prima a presentare un'offerta autenticamente panafricana di arte moderna e contemporanea a un pubblico globale. L'asta dedicata a Parigi segna un momento importante nella storia e nello sviluppo di questo segmento nel mercato dell'arte globale.

Un catalogo completamente illustrato di tutte le opere in offerta è disponibile all'indirizzo: www.aspireart.net

Clicca qui per visualizzare il catalogo online.

L'arte africana moderna e contemporanea, curata con Piasa, si svolgerà a Piasa, il 24 giugno alle 6:00.