Arte nulla, miliardi di Coppa del mondo ...

Mentre il Sudafrica si prepara per i giochi, i finanziamenti del governo per le iniziative artistiche si prosciugano.

Il finanziamento del governo per le iniziative artistiche sudafricane è stato ridotto drasticamente in vista della Coppa del mondo di Fifa di questo mese, nonostante il fatto che la spesa prevista per l'evento dovrebbe raggiungere circa 13.7 miliardi di dollari (1.75 miliardi di dollari).

La Galleria nazionale sudafricana di Iziko di Città del Capo ha scartato i piani per ospitare una mostra d'arte legata al calcio a causa della mancanza di finanziamenti promessi e mostra invece una retrospettiva sull'arte sudafricana. In alto, Cyril Coetzee, nave dei matti. Il ministero della cultura ha ridotto il budget del National Arts Council da R28 milioni ($ 3.7 milioni) a R14 milioni ($ 1.8 milioni) per l'esercizio finanziario 2010/11, oltre a eliminare un team di consulenti di programmazione culturale per gli eventi della durata di un mese. La presidente dell'Arts Council Brenda Madumise ha affermato che la comunità artistica sudafricana deve "prepararsi per i tempi difficili". I problemi sono emersi per la prima volta a metà del 2009, quando il ministero della cultura non ha risposto a numerose domande di Coppa del Mondo di istituzioni artistiche e culturali locali, nonostante abbia avviato un invito a presentare proposte di progetto. A ciò hanno fatto seguito i resoconti dei media che hanno rivelato che la promessa R150m ($ 19.7 milioni) per le iniziative artistiche della Coppa del Mondo non è apparsa del tutto. Un'inchiesta nel marzo di quest'anno per individuare i soldi mancanti è stata lanciata dal ministro della cultura, Lulu Xingwana. I risultati dell'indagine non sono ancora stati resi pubblici. "La prima cosa che il dipartimento ha fatto è stata la promessa di finanziamenti per la Coppa del Mondo, ma ciò non si è concretizzato", ha affermato Riason Naidoo, direttore della Galleria nazionale sudafricana di Iziko a Cape Town. "Gli artisti hanno dovuto accantonare i loro piani e sentirsi delusi in un momento cruciale in cui dovremmo evidenziare l'unicità della nostra cultura". "La paura ora è che all'ultimo minuto il governo scoprirà improvvisamente di aver trovato dei soldi e si rivolgerà di nuovo ai suoi soliti sospetti per mettere insieme una sorta di spettacolo culturale", ha detto lo scrittore sudafricano J. Brooks Spector sul sito web di notizie di Johannesburg The Daily Maverick. "Ma il nuovo, l'innovativo e l'audace saranno bloccati ancora una volta." Senza le risorse impegnate, Naidoo ha eliminato i piani originali per ospitare una mostra d'arte legata al calcio e ha invece rivolto la sua attenzione verso una retrospettiva sudafricana, "Da Pierneef a Gugulective" (fino a metà settembre), che include artisti come Marlene Dumas e William Kentridge. Questioni simili hanno afflitto la Johannesburg Art Gallery, ha dichiarato il curatore capo Antoinette Murdoch: “Nessuno ha restituito le nostre richieste di finanziamento. Semplicemente non c'era un budget per i Mondiali. Il nostro budget è rimasto lo stesso negli ultimi cinque anni ". Eppure i guai delle istituzioni finanziate con fondi pubblici vanno ben oltre questa estate. Secondo Murdoch, ci sono attualmente 33 posti di lavoro disponibili. "Quando le persone si sono dimesse non ci è stato permesso di rehire", ha detto. "Stiamo lavorando su uno staff di scheletri con molta passione, ma dobbiamo raccogliere fondi per tutto ciò che facciamo." La galleria ha anche deciso contro uno spettacolo legato al calcio e presenterà invece arte contemporanea afro-cubana. Joseph Gaylard, direttore dell'ufficio di Johannesburg della Visual Arts Network, incolpa gli scarsi finanziamenti per la scarsa tempistica del governo. "Il problema fondamentale è che la pianificazione per questo era irrimediabilmente in ritardo", ha detto Gaylard. "Il dipartimento nazionale ha assunto un senior manager per assumersi la responsabilità nel luglio dello scorso anno, quando avrebbero dovuto reclutarli due anni fa." Secondo Steven Sack, direttore delle arti, della cultura e del patrimonio della città di Johannesburg, due mostre d'arte hanno beneficiato di finanziamenti governativi. "Space: Currencies in Contemporary African Art", al Johannesburg's Museum Africa fino all'11 luglio, presenta opere di 25 artisti di origine africana. Nonostante ricevesse R5 milioni ($ 650,000) dalla città, secondo Thembinkosi Goniwe, il co-curatore di "Space", i finanziamenti dovevano essere integrati con la sponsorizzazione. "InContext", una collaborazione tra la Goodman Gallery, il British Council e altre organizzazioni culturali (fino al 17 luglio), è stato anche, secondo Sack, una delle uniche entità commerciali a ricevere sussidi dal governo. Anche se lo spettacolo ha ricevuto ulteriori R200,000 ($ 26,500) dalla città di Johannesburg, "sarebbe successo con o senza quei soldi", ha detto un portavoce di Goodman.

http://www.theartnewspaper.com/articles/Arts-nil-World-Cup-billions%E2%80%A6/20919
Pubblicato online il 7 giu 10 (Notizie)