Libri degli artisti e Africa: di Petra Mason

Lontano dal razzmatazz della scena artistica di New York City - e solo due ore e mezza di treno di distanza - nella capitale della nazione di Washington DC, è il Museo Nazionale di Arte Africana. È un gioiello post-moderno di un edificio nascosto tra l'Arthur. M Sackler Gallery for Asian Art e Air and Space Museum. Washington DC è in gran parte sede del personale amministrativo e dei servizi segreti, quindi può essere un po 'vaniglia, alla Pretoria (in Sud Africa). Ma ciò is una delle più grandi città del mondo e una che ospita molti dei migliori musei della nazione. E poiché il governo federale li possiede, l'ingresso è gratuito. 'Artists' Books and Africa, 'a cura di Janet Stanley, è in mostra allo Smithsonian Museum of African Art fino all'11 settembre 2016.

AA Newsletter Agosto11 Mason1Peter Clarke, Bit e pezzi, 2005 - 2006. Ocean View, Sud Africa. Per gentile concessione del National Museum of African Art, Smithsonian Institution, acquisto del museo.

In Sud Africa, l'arte del libro è fiorente, a differenza di altre parti del continente. Il jazz di Peter Clarke, unico nel suo genere, simile a un serpente Bit e pezzi si dispiega come una fisarmonica colorata, mentre Pippa Skotnes Suono dalle corde del pensiero interpreta tranquillamente l'antica cultura San, catturando storie orali attraverso incisioni originali.

I libri d'artista sono semplicemente definiti come edizioni limitate realizzate da artisti, spesso 1/1, e possono essere fatti di tutti i tipi di materiali: carta, ovviamente, ma anche stoffa, plastica, metallo, vetro, legno e pelle (praticamente qualsiasi cosa affatto). Tutte le venticinque opere in mostra appartengono alle collezioni permanenti della Biblioteca Warren M. Robbins delle Smithsonian Libraries e dello Smithsonian National Museum of African Art, il che è un grosso problema. Gli artisti possono essere stati coinvolti nella creazione di libri per un bel po 'di tempo, ma i libri d'artista hanno iniziato a proliferare in tutto il mondo negli anni Sessanta e Settanta, spinti dall'attivismo sociale e politico.

AA Newsletter Agosto11 Mason2Pippa Skotnes, Sound from the Thinking Strings: Un'interpretazione visiva, letteraria, archeologica e storica degli ultimi anni di / Xam Life (dettaglio), Cape Town, Sud Africa: Axeage Private Press. Edizione 13/50. Immagine per gentile concessione di Smithsonian Libraries.

Alcuni dei libri in mostra sono prodotti interamente da un artista; altri sono collaborazioni tra cartieri, incisori, tipografi, rilegatori e poeti. Wilma Stockenström's Skoenlapperheuwel, Skoenlappervrou ('Butter Fly Hill, Butter Fly Woman') è una di queste collaborazioni e presenta tutto quanto sopra. Scritto in afrikaans a mano libera (una vista e un suono rari, in particolare da queste parti) vengono tradotti un verso o due, riecheggiando un dolore condiviso e universale: “La donna batte i pugni contro la casa in piena espansione” e “L'Oriente scorre rosso di sangue mestruale. ”

La poesia - una contemplazione terrena e ambigua del ruolo di una donna nella vita - è illustrata da Judith Mason. Le sue illustrazioni - disegni a matita e collage trasferiti su lastre - vengono stampate, sovrastampate come litografie e quindi ridisegnate in modo selettivo con l'aggiunta di colori occasionali per enfatizzare. Il libro è stato pubblicato da Ombondi Editions e stampato dalla Broederstroom Press alla fine degli anni '1980. Ombondi Editions è arrivata al punto di creare un nuovo carattere tipografico chiamato "Visigoth" per adattarsi allo stile di layout bilanciato del peso visivo del testo (o VTW). Ma poco prima della pubblicazione del libro, le pagine stampate sono scomparse. Poi, la Broederstroom Press chiuse i negozi e Mason si trasferì in Italia. Poco dopo, l'editore morì a New York e il luogo in cui si trovavano le pagine non rilegate rimase un mistero. Un quarto di secolo dopo, Jack Ginsberg, collezionista di libri sudafricano di fama mondiale, si imbatté nelle pagine del seminterrato del rilegatore a Johannesburg. Infine, trenta copie furono rilegate e l'edizione 10/30 risiede ora a Washington DC, tenuta sotto chiave e gestita solo da archivisti che indossano guanti bianchi.

AA Newsletter Agosto11 Mason3Judith Mason e Wilma Stockenström, Skoelapperheuwel & Skoelappervrou ("Butter y Hill, Butter y Woman") (dettaglio). Broederstroom / New York: Ombondi Editions. Per gentile concessione del National Museum of African Art, Smithsonian Institution, acquistato con i fondi forniti da Annie Laurie Aitken Endowment.

La collezione comprende anche lavori di artisti specializzati in belle arti e libri, tra cui Keith Dietrich e il fondatore e direttore di Artist Proof Studio, Kim Berman (Sud Africa). Un collaborativo, surrealista "Exquisite Corpse" intitolato Emandulo Re-Creation, è stato creato da Robbin Ami Silverberg (Stati Uniti) e Kim Berman, che hanno lavorato con ventidue artisti, realizzando ciascuno una stampa di due persone sul tema della creazione.

Sono inclusi anche gli sperimentatori con il mezzo, tra cui Toufik Berramdane (Marocco), Atta Kwami (Ghana), Rachid Koraïchi (Algeria), Hassan Musa (Sudan), Abdoulaye Ndoye (Senegal) Otobong Nkanga (Nigeria) e Luan Nel (Sud Africa). Alcuni documenti in mostra ora rappresentano una capsula del tempo: la collaborazione del defunto premio Nobel Nadine Gordimer con The Artists 'Press e le donne rifugiate che esplorano lo sfollamento, The Ultimate Safari, risuona oggi come quando è stato pubblicato per la prima volta. Un altro, Qauqaua, creato dagli artisti del Kuru Art Project (pubblicato anche da The Artists 'Press) racconta un racconto popolare visivo di un l'eroina ha chiamato Qauqaua. I San - che vivono nel vicino villaggio di D'kar - parlano di una roccia levigata e perfettamente arrotondata, situata vicino al confine con il Botswana in Namibia, che rappresenta il corpo di Qauqaua. La storia, raccontata da genitori e nonni per millenni, è ora conservata per sempre in forma di libro.

Petra Mason è una storica della cultura con sede a New York e Miami.

www.petramason.com

Instagram: @petra_mason

Twitter: @PetraMason

'Artists' Books and Africa 'è allo Smithsonian Museum of African Art (Washington) fino all'11 settembre 2016.