Comitato di selezione AA Story Artes Mundi 7

Premio Artes Mundi 7: Annunciata la lista degli artisti

Seguendo il successo del Artes Mundi Premio 6, assegnato a Theaster Gates all'inizio di quest'anno, Artes Mundi ha annunciato la rosa dei candidati per Artes Mundi 7, la settima edizione del principale premio biennale d'arte del Regno Unito. Sette degli artisti contemporanei più celebrati al mondo compongono la rosa dei candidati, selezionati tra oltre 700 nomination in 90 paesi, e noi di ARTE AFRICA sono entusiasta di vedere che sono stati rappresentati artisti contemporanei dall'Africa e dalla diaspora!

Comitato di selezione AA Story Artes Mundi 7SOPRA: la direttrice e curatrice di Artes Mundi Karen MacKinnon (a destra) con i selezionatori di Artes Mundi 7, (da sinistra a destra) Elise Atangana, Marie Muracciole e Alistair Hudson. Foto: Eva Bartussek.
Dei sette artisti selezionati da tutto il mondo, tre nella lista per il prestigioso premio Artes Mundi 7 provengono dal continente o dalla diaspora. Gli artisti selezionati, annunciati lo scorso fine settimana, sono i seguenti:
John Akomfrah (Ghana / Regno Unito)
Neïl Beloufa (Francia / Algeria)
Amy Franceschini / Futurefarmers (USA / Belgio)
Lamia Joreige (Libano)
Nástio Mosquito (Angola)
Hito Steyerl (Germania / Giappone)
Bedwyr Williams (Galles, Regno Unito)
Artes Mundi 7 presenterà un'importante mostra di opere seminali e nuove degli artisti selezionati dal 21 ottobre 2016 al 26 febbraio 2017 al National Museum Cardiff and Chapter, Cardiff. Il vincitore del prestigioso premio Artes Mundi da 40,000 GBP sarà annunciato a gennaio 2017, dopo la mostra di quattro mesi delle opere degli artisti selezionati.
I selezionatori di Artes Mundi 7 - Elise Atangana, curatrice indipendente con sede a Parigi e Camerun, Alistair Hudson, Direttore del Middlesbrough Institute of Modern Art, e Marie Muracciole, Direttrice del Beirut Art Center - hanno cercato artisti che si impegnassero direttamente con la vita quotidiana attraverso la loro pratica e che esplorano le questioni sociali contemporanee in tutto il mondo.
Karen MacKinnon, direttrice e curatrice di Artes Mundi, afferma: “Questi straordinari artisti apportano le proprie prospettive uniche al lavoro che esplora cosa significa essere umani nella società contemporanea. Che sia introspettivo e profondamente personale o coinvolto in questioni sociali e culturali più ampie, ogni artista dimostra l'importanza dell'arte e della cultura nella nostra vita quotidiana, sfidando i nostri preconcetti e aprendo nuovi modi di interagire con il mondo che ci circonda."
John Akomfrah OBE è un rinomato regista, scrittore e teorico noto per film innovativi come Il progetto Stuart Hall (2013). Neïl Beloufa è noto nel Regno Unito per il suo programma ICA del 2014 ampiamente recensito, Contando sulle persone. Amy Franceschini è il fondatore del collettivo artistico e agricolo californiano Futurefarmers, che si concentra sulla creazione di progetti internazionali che sfidano i sistemi di produzione e trasporto alimentare.Lamia Joreige è stata la prima artista libanese donna ad essere riconosciuta a livello internazionale e la prima ad avere un'opera importante acquisita dalla Tate. Nástio Mosquito è stato recentemente nominato in Il guardianoDieci artisti africani da tenere d'occhio, dopo la sua prima mostra personale nel Regno Unito alla Ikon Gallery di Birmingham. Puoi dare un'occhiata alla nostra intervista con Mosquito qui. Di Hito Steyerl video surreali ambientati nell'era post-Internet le hanno vinto numerosi premi. Bedwyr Williams è uno degli artisti più ricercati del Regno Unito ed è celebrato per il suo lavoro in rappresentanza del Galles alla 55esima Biennale di Venezia.
Marie Murraciole, direttrice del Beirut Art Center ha commentato: "Il processo di selezione è diventato parte di una discussione a lungo termine che tutti abbiamo sull'arte e la 'politica': come l'arte è collegata a un contesto storico e un progetto di emancipazione, ma anche come un'opera d'arte è un 'atto 'in sé e non deve applicare alcun programma o promuovere un messaggio. Queste due estremità erano la sfida principale e provenivamo da prospettive diverse, il che ha reso le conversazioni molto interessanti (e divertenti) ".
Alistair Hudson, Direttore di MIMA ha aggiunto: “Il processo di selezione è diventato un interrogatorio piuttosto vivace delle motivazioni, delle ambizioni e degli effetti degli artisti presi in considerazione e, per estensione, degli artisti che lavorano nel mondo oggi: perché fare arte e per cosa? In qualità di selezionatore, questo è stato anche un processo che ha contribuito a plasmare i nostri pensieri sullo stato dell'arte e su ciò che noi, in quanto selezionatori con prospettive molto distinte, pensiamo costituisca un'immagine rappresentativa dell'arte oggi ".
Oltre alla mostra e premio Artes Mundi 7 al National Museum Cardiff and Chapter, ci sarà anche un programma esteso in tutta la città, tenuto in collaborazione con altre organizzazioni.
Terremo sicuramente d'occhio i progressi!