Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 14, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.

Arte in loop

Frattali africani; una sacra simmetria

Francois Beaurain, The King, 2015. Un progetto gif animato. Cortesia dell'artista.Francois Beaurain, il re, 2015. Un progetto gif animato. Cortesia dell'artista.

Francois Beaurain sta riconquistando ed eternizzando la Liberia nel modo più digitale e gioioso possibile. Nata in Francia, Beaurain, Dottore in Biologia e Master in Fisica Teorica, è in missione per reimmaginare luoghi precedentemente associati a immagini negative. Sebbene l'arte possa sembrare il più lontana possibile dalla vita accademica, la fisica ha avuto un ruolo importante nel modo in cui Beaurain è arrivata a creare GIF.

Beaurain crea anche collage ed è affascinato da Nollywood, o cinema nigeriano, un genere di film su cui ha realizzato vari progetti. Sebbene in qualche modo multidisciplinare nel suo approccio artistico, sono le GIF per cui questo artista digitale si fa notare.

Beaurain ha animato acconciature dalla Nigeria e le attività quotidiane in Liberia, entrambi ritratti di paesi africani altrimenti visti in cornici di violenza, oppressione e povertà. In particolare, la storia della guerra della Liberia ha rilasciato un torrente di cliché dei bambini soldato quando descriveva il paese. Beaurain ha catturato la realtà della Liberia, una realtà che potrebbe sorprendere gli spettatori nella sua gioiosa normalità.

Francois Beaurain, Dans le Trome di nuovo lunedì mattina, 2016. Per gentile concessione dell'artista.Francois Beaurain, Dans le Trome da Di nuovo lunedì mattina, 2016. Per gentile concessione dell'artista.

ARTE AFRICA: cromatina è la variazione animata della serie fotografica Chroma di Medina Dugger che celebra le acconciature femminili in Nigeria. Sei nato in Francia e hai conseguito un Master in Fisica Teorica e un Dottorato di Ricerca in Biologia, potresti raccontarci cosa ti ha portato alle arti e come sei arrivato a collaborare con Dugger?

Francois Beaurain: È una storia lunga, poiché non c'era assolutamente nulla nella mia carriera o negli studi che potesse spingermi verso l'arte. Ma penso che tutto sia iniziato in Liberia, e penso che questo sia il motivo per cui il mio lavoro si concentra ancora sull'Africa.

Ho viaggiato per la prima volta in Liberia nel 2013 - non era la mia prima esperienza africana, ma era la prima volta che vivevo nel continente, ed è stato sicuramente uno shock culturale per me. Il tempo che ho trascorso in Liberia ha cambiato il mio modo di vedere l'Africa e mi sono reso conto di come la mia comprensione dell'Africa fosse stata condizionata sia dalla mia cultura che dai media. Gran parte del mio lavoro è guidato dall'idea di abbattere queste idee preconcette sull'Africa. Monrovia animato è il miglior esempio.

Mi sono imbattuto in frattali - ripetizione dello stesso schema, ma a scale diverse, (si pensi alle croci cristiane etiopi per esempio) - per la prima volta nel 1998. Ero ancora uno studente e stavo seguendo un corso sulla teoria del caos che includeva alcuni concetti di base sui frattali. All'epoca era un corso piuttosto pionieristico, ma per lo più l'ho preso per divertimento. Questo tipo di conoscenza non è qualcosa che usi quotidianamente.

Ho notato per la prima volta modelli frattali nelle acconciature quando sono andato in Liberia nel 2013, ma non mi rendevo conto di quanto fossero eccezionali questi frattali. Ho solo pensato che sarebbero stati dei bei motivi geometrici da animare. Quattro anni dopo, quando mi sono imbattuto nel lavoro di Medina Chroma, Ho pensato che fosse il momento di animare alcune acconciature. Ho realizzato le prime GIF per divertimento, ma a me e Medina è piaciuto il risultato, quindi abbiamo deciso di andare avanti con un'intera serie.

Mentre stavo progettando le mie prime GIF per la pettinatura, ho cercato su Google "Frattali africani" e tutti i pezzi del puzzle hanno iniziato a sistemarsi.

Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 23, 2017. Un progetto gif animato. Cortesia dell'artista.Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 23, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.

Secondo la dichiarazione dell'artista per Chromatin, recenti ricerche scientifiche hanno dimostrato che i frattali erano al centro del design e dell'arte africani - potresti per favore espandere questo e il significato di esso, specialmente in termini di intrecciare i capelli?

Sì, cromatina si tratta di reintrodurre i frattali nell'arte africana, e tutto questo si basa su scoperte scientifiche. L'etno-matematica è lo studio del rapporto tra matematica e cultura. Contrariamente a quanto pensa la maggior parte delle persone, la matematica non è universale - piuttosto, una civiltà sviluppa la matematica in base alle proprie esigenze.

Negli ultimi decenni, gli etno-matematici hanno iniziato a concentrarsi sull'Africa alla ricerca di antiche forme di numerazione e matematica, e una delle scoperte più evidenti è stata che i frattali sono stati usati in tutta l'Africa per secoli e secoli, anche millenni se si considerano antichi Egitto - mentre sono quasi assenti dagli altri continenti. Secondo le loro scoperte, sembra che l'Africa abbia scoperto i frattali e li abbia usati in molte forme prima di qualsiasi altra "civiltà". La fonte più completa di informazioni sull'Africa e sui frattali può essere trovata in un libro intitolato Frattali africani, scritto dal dott. Ron Eglash e pubblicato nel 1999.

Il significato di questi frattali è il problema: quasi tutte le testimonianze o le conoscenze su di essi sono scomparse. Quando i coloni europei sono arrivati, hanno imposto la loro cultura, la loro educazione e quindi la loro matematica sulla base di una visione euclidea del mondo - cubi, triangoli e cerchi - e tutte le antiche forme di matematica sono scomparse. Oggi gli scienziati tendono a stare attenti quando si tratta di interpretare i frattali e i loro significati.

Non sono più uno scienziato, quindi posso rischiare un'opinione personale. Per me, i frattali traducono una comprensione completamente diversa dello spazio e del tempo. La ripetizione senza fine dello stesso schema a scale diverse potrebbe essere una metafora dei cicli della vita che si ripetono a scale temporali diverse: giorno / notte, estate / inverno, nascita / morte.

Onestamente, non so a chi dare la colpa. È perché ora siamo tutti collegati agli stessi media, condividendo gli stessi post e cliché su Facebook?

Lavori principalmente con un formato GIF digitale: perché è importante animare le fotografie di Dugger, in particolare usando le GIF?

Lavoro principalmente con le GIF perché sono la mia specialità e ho pensato che il motivo geometrico delle acconciature nigeriane sarebbe stato perfetto per le mie GIF. Inoltre, il lavoro di Medina è fotografico, ho dovuto fare qualcosa di diverso, qualcosa che avrebbe dato un'altra dimensione al suo lavoro.

Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 2, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 2, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.

Detto questo - considerando che la maggior parte del tuo lavoro è presentato in GIF, quali sono i tuoi pensieri su Internet come piattaforma e spazio di espressione artistica? Pensi che abbia più successo dello spazio della galleria white cube, soprattutto in termini di raggiungere un pubblico più ampio?

Non creo opere digitali per raggiungere un pubblico più ampio, creo opere d'arte digitali perché la tecnologia lo consente. L'arte segue sempre gli ultimi sviluppi tecnologici ed è giunto il momento per le opere d'arte digitali.

È chiaro per me che nella società di oggi Internet è molto più accogliente per le opere digitali rispetto alle gallerie d'arte. La scena dell'arte contemporanea non è ancora pronta per l'arte digitale e non c'è più o meno mercato per essa.

Penso che ciò sia dovuto al fatto che l'attuale generazione di collezionisti d'arte non è molto sensibile all'arte digitale, ma sono sicuro che questo cambierà non appena la nuova generazione di collezionisti d'arte, cresciuta con Internet, inizierà ad entrare nel mercato. Penso che questo nuovo mezzo stia sollevando anche alcuni problemi di conservazione e diritti d'autore che al momento tengono lontani i collezionisti.

Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 4, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 4, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.

I tuoi progetti GIF sono, a volte, piuttosto contrastanti in termini di argomento. I progetti prodotti in Francia catturano elementi quotidiani della vita lavorativa come il pendolarismo, attività banali che sono già naturalmente ripetitive. La Liberia cattura azioni divertenti e gioiose. Questo parla di come percepisci questi due mondi disparati?

Lunedi mattina gioca un ruolo speciale nel mio lavoro. Questo progetto è stato realizzato in un momento chiave della mia vita ed è il mio lavoro più personale. Questo non è un progetto su come percepisco l'Occidente, ma piuttosto su come vedo me stesso. Dopo tre anni trascorsi in Liberia e in Marocco, dove ho avuto l'opportunità di sviluppare il mio lato artistico, sono tornato a casa a Parigi, dove tre anni prima vivevo una normale vita da pendolare. Ho fatto questo progetto in un momento di esitazione tra la mia vecchia e la mia nuova vita, tra routine e avventura, due versioni diverse di me, due vite diverse. Stavo esitando molto e poi ho iniziato a mettere in scena la mia vecchia vita e questo mi ha aiutato a prendere una decisione, in effetti non è stato possibile tornare indietro.

"Monrovia Animated" fa parte della mostra "Making Africa" ​​di Vitra e Guggenheim Bilbao. Hai detto che il tuo obiettivo nell'arte è cambiare le rappresentazioni di un luogo tipicamente associato a immagini negative: l'Africa, a questo proposito, può essere vista come un luogo assediato da immagini tradizionali di guerra e povertà. Pensi che ci sia un'azione globale per riformare o "riformulare" la percezione dell'Africa?

Sì, l'Africa è ancora assediata dalle immagini tradizionali, ma le cose stanno cambiando ora, e la scena artistica gioca un ruolo chiave in questo. Vi è una scena crescente di artisti africani che stanno rimodellando la visione del proprio continente. Ma questo rimodellamento potrebbe richiedere molto, molto tempo. Non credo che tu possa cambiare idee preconcette del genere in pochi anni, ci vorranno generazioni.

Tuttavia, ciò che mi ha davvero sorpreso quando ho esposto "Monrovia Animated" in Africa, è che molti africani hanno fatto più o meno gli stessi commenti degli europei. Questo mi ha davvero stupito. Alcuni nigeriani hanno fatto commenti simili sulla sicurezza e sui bambini soldato, esattamente come i commenti che ho sentito in Europa.

Onestamente, non so a chi dare la colpa. È perché ora siamo tutti collegati agli stessi media, condividendo gli stessi post e cliché su Facebook? Non lo so, ma le stesse persone che si lamentano dei cliché sull'Africa erano le stesse che mi servivano gli stessi cliché sulla Liberia.

Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 5, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 5, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.

Non c'è dubbio che la fisica abbia avuto un ruolo importante nel modo in cui crei l'arte. Attualmente lavori come specialista dei cambiamenti climatici mentre pratichi la tua arte. Vedi argomenti e temi ambientali che influenzano i progetti futuri?

Il mio background scientifico gioca un ruolo maggiore nelle mie opere rispetto al mio coinvolgimento negli ultimi dieci anni nei cambiamenti climatici. Da bambino, ricordo la prima volta che ho scoperto il lavoro di Escher sulla tassellatura e la prospettiva - mi ha lasciato senza fiato. L'arte di Escher parla un linguaggio simile a quello di una lingua parlata da una mente scientifica, e penso che in qualche modo abbia influenzato il mio lavoro di gif e collage, entrambi giocando con la ripetizione.

Per i cambiamenti climatici, questa è una storia completamente diversa. A dire la verità, sono così pessimista sulla lotta ai cambiamenti climatici, sullo stato dei negoziati internazionali, sull'erosione della biodiversità, sulla pesca eccessiva, su Trump e sugli scettici climatici, il fatto che le emissioni di CO2 siano ancora in aumento e che il mondo stia aspettando il peggio scenario climatico, che preferisco tenere la mia arte il più lontano possibile da temi ambientali.

La maggior parte della mia arte è in qualche modo "positiva", potrebbe essere un modo per controbilanciare i miei sentimenti negativi sulle questioni ambientali, e per il momento preferisco mantenerla così.

Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 6, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 6, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.

È possibile visualizzare altri lavori di Francois Beaurain e Medina Dugger sui rispettivi siti Web: www.fbeaurain.com e www.medinadugger.com

* Una versione precedente di questo articolo si riferiva erroneamente al dottor Ron Eglash. Da allora questo errore è stato corretto online.

IMMAGINE IN EVIDENZA: Francois Beaurain e Medina Dugger, Chromatin # 14, 2017. Un progetto gif animato. Per gentile concessione degli artisti.