Arte rupestre di Cederberg

Ama Culture: Cederberg Art / Nature vs. Culture

Il cuore del Cederberg ospita due forme d'arte molto diverse: l'antica Bushman Rock Art e il premiato Cederberg Wines. Christine Lundy esplora l'ironia dell'evoluzione della società e delle tecniche agricole che hanno portato alla produzione di questi vini di classe mondiale, ma potrebbe anche aver contribuito alla scomparsa delle tribù di San, degli artisti rock e di alcuni degli animali selvatici che ammiriamo oggi sullo strapiombo roccioso.

Arte rupestre di Cederberg

SOPRA: Arte rupestre da Bushmans Kloof Wilderness Reserve. Immagine gentilmente concessa da Red Carnation Hotels

I San, chiamati anche Boscimani, sono gli indigeni cacciatori-raccoglitori dell'Africa meridionale. Sono uno dei quattordici "gruppi di popolazione ancestrali" esistenti da cui discendono tutti gli umani moderni conosciuti. I ricercatori affermano che il Cederberg era abitato più di 30 anni fa, alcuni sostengono ancora di più. L'evoluzione della civiltà e in particolare della colonizzazione nell'Africa meridionale ha portato alla completa scomparsa di queste tribù nel Cederberg e nelle aree vicine entro il 000 circa. La scomparsa è stata il risultato di conflitti violenti e malattie europee come la varicella. Prima di questo, anche elefanti, leoni e rinoceronti vagavano in abbondanza, così come l'ormai estinta Quagga e branchi di antilopi.

I Boscimani hanno lasciato un'eredità straordinaria e misteriosa che stiamo ancora traducendo oggi. La loro arte rupestre ci offre uno scorcio della loro storia, del loro modo di vivere e del mondo che li circonda. La pittura era un modo per registrare eventi accaduti nella loro vita, così come storie e credenze tradizionali. L'arrivo della colonizzazione è raffigurato sulle loro pareti mentre si possono decifrare disegni simili a carri e colonizzatori stranieri. Secondo Thomas Dowson "molta arte rupestre è in realtà in simboli e metafore". Il San raffigurava anche esseri non umani, cacciatori e ibridi per metà animali per metà animali. Ogni disegno trasmette un messaggio specifico che racconta una storia diversa ed è firmato dall'artista sconosciuto con un'impronta rosso sangue. Il San ha usato diverse pietre colorate mescolate con grasso, sangue animale e succo di piante per disegnare. I dipinti sono stati realizzati con un pennello realizzato con peli di animali o una piccola piuma. Siamo molto fortunati a vederli ancora oggi anche se non tutti i colori sono ancora visibili.

Logo di Ama culture cederberg

Immagini di Bushmans Kloof Wilderness Reserve, per gentile concessione di Red Carnation Hotels

Alcuni esempi unici possono essere visti alla Riserva Bush e Kloof Wilderness Reserve e Wellness Retreat, custodi di oltre 130 siti unici di arte rupestre che risalgono a 10,000 anni fa. Dalla sua fondazione da parte della visionaria famiglia Mc Adams nel 1991, Bushmans Kloof si è dedicato alla protezione di questa eredità eccezionale; come tale nel 2004 hanno ottenuto lo status di sito del patrimonio nazionale sudafricano. Lo stesso anno la famiglia Tollman Trust acquistò la proprietà e la portò a nuovi livelli. Uno dei siti più importanti secondo Bushmans Kloof è Bleeding Nose Shelter, dove i dipinti spiccano in chiaroscuro contro l'arenaria bianca. Dicono che "questo era probabilmente un sito cerimoniale ... i soggetti includono eland, piccole antilopi e rari dipinti di uccelli. Una varietà di figure umane sono raffigurate in piedi, ballando e sparando con gli archi. Questo sito prende il nome da un dipinto di un uomo nello stato sciamanico della "trance", con il sangue che gli cola dal naso, unito ai suoi compagni da mistiche linee di potere. "

Sul versante agricolo, verso la metà del 1800, la famiglia Nieuwoudt si stabilì a Cederberg. I loro discendenti, giunti alla sesta generazione, si trasferirono nella fattoria di Dwarsriver, nota anche come Cantina privata Cederberg e Sanddrift Holiday resort. Sulla loro etichetta del vino si trova con orgoglio l'albero di Cederberg. L'albero di cedro (Widdringtonia Cedarbergensis) è un emblema della regione e cresce tra le rocce vicino alle cime delle montagne. L'albero di cedro impiega migliaia di anni per raggiungere la maturità ed ora è anche quasi estinto. Bushmans Kloof insieme alla Botanical Society e alla Western Cape Nature Conservation hanno comunque iniziato a reintrodurlo. Cederberg Wine, attore chiave nel settore del turismo, è stato determinante anche nella creazione della Conservazione Cederberg e sono anche un campione BWI, un'iniziativa per la biodiversità e il vino che mira alla protezione dell'ambiente.

D1 ETICHETTA DEL VINO DI CEDERBERG

Immagine gentilmente concessa da Cederberg Private Cellar

Cantina privata Cederberg, una delle aziende vinicole più alte sul livello del mare nel Capo Occidentale, utilizzata per coltivare frutta, tabacco e verdura. Fu solo nel 1978 che venne prodotto il primo vino e nel 2004 tutti gli alberi da frutto furono rimossi e Dwarsrivier divenne solo un'azienda vinicola. Producono il 60% di vini rossi e il 40% di vini bianchi distribuiti su sei gamme. Per comprendere il livello di qualità dei vini di Cederberg, è meglio fare riferimento al rating SAWi (indice sudafricano del vino) che riassume tutti i riconoscimenti ricevuti da un'azienda vinicola. Quest'anno i risultati sono stati i seguenti: Quattro premi Platinum per Cantina privata Cederberg Sauvignon Blanc, Ghost Corner Sauvignon Blanc, Cantina privata Cederberg Ghost Corner Semillon e Cantina privata Cederberg Teen die Hoog Shiraz; Due premi Top Cultivar: Cantina privata Cederberg Sauvignon Blanc e Ghost Corner Semillon e condivisione del premio Cantina dell'anno: Cantina privata Cederberg e Bouchard Finlayson. Il premio Winemaker dell'anno è andato a David Nieuwoudt.

Il Cederberg, a poche ore da Città del Capo, offre un mondo di meraviglie. Tutti loro non potevano essere elencati in questo articolo, quindi seguendo le orme di San, tocca a te scoprire.

http://www.cederberg.co.za/

http://www.bushmanskloof.co.za/

http://cederbergwine.com/

Logo AC

Ama Culture: Art South AfricaLa rubrica settimanale sullo stile di vita di Christine Lundy.