African Taxi Art: portare l'arte per le strade

L'arte pubblica non è una "forma" d'arte. Può essere monumentale, alto cinquanta metri o minuscolo, richiamando l'attenzione sulla pavimentazione sotto i tuoi piedi. Può assumere qualsiasi forma; colato, inciso, costruito, prefabbricato o verniciato. Ciò che distingue l'arte pubblica è la sua associazione unica tra come è fatta, dove si trova e cosa significa, indicando una pratica lavorativa di specificità del sito, coinvolgimento della comunità e collaborazione.

TAXI ART Marang a Letsatsi
DA SINISTRA A DESTRA: Jerry Obakeng Gaegane, 09, dalla serie "Marang a Letsatsi". Taxi avvolto con illustrazioni in occasione del lancio a Mary Fitzgerald Square, Newtown, Johannesburg. Foto di Sipho Gongxeka.
IIn questo caso, ancora più significativo è dove va. L'impiego di involucri in taxi come metodo di visualizzazione porta letteralmente e figurativamente il coinvolgimento con l'arte locale, realizzando la forma più utilizzata di trasporto pubblico come piattaforma per portare le opere d'arte nella sfera pubblica. In una conversazione con ARTsouthAFRICA per l '"Interview Issue" (13.1), Mike van Graan, direttore e drammaturgo dell'African Arts Institute, ci ha parlato del pubblico dell'arte: "Tutto quello che vuoi dovrebbe essere di dominio pubblico. Non si tratta di persone che vengono a una mostra o che vanno a teatro; l'arte deve essere dove sono le persone. "
A Johannesburg, come parte Ombrello fotografico di Joburg (JPU), un festival pubblico specifico per la fotografia avviato dal Market Photo Workshop, numerosi taxi sono stati avvolti dal lavoro del fotografo Jerry Gaegane. La sua serie, Marang a Letsatsi, documenta le condizioni di vita e di lavoro dei minatori informali nel West Rand e nei dintorni di Johannesburg.Questo progetto di mostra mobile in corso è un'esplorazione di approcci alternativi all'esposizione e alla presentazione di opere d'arte fotografiche, offrendo l'opportunità di una continua interazione e coinvolgimento tra la comunità, i siti in cui la narrazione ha origine e il corpo stesso del lavoro.
Screen Shot in 2014 10-29-1.52.43 PM
Scrollandosi di dosso lo spazio tradizionale e delimitato associato al mondo dell'arte, l'arte pubblica / mobile crea la piattaforma perfetta per nutrire lo sviluppo dei talenti emergenti. Un'altra iniziativa artistica mobile in Sud Africa, il Premio d'arte della SA Taxi Foundation, mira a guidare la crescita delle arti visive in Sudafrica portando il lavoro degli artisti emergenti nelle strade, fornendo alla comunità più ampia l'accesso alle arti visive. I partecipanti realizzano un'opera originale ispirata all'idea di "destinazione", che viene poi interpretata per il disegno dell'adesivo avvolgente su un minibus taxi. Alla fine, sessanta taxi funzioneranno come gallerie mobili, portando l'arte alle persone (ma anche portando le persone dove devono andare).
L'arte mobile, in questo modo, rappresenta un'alternativa di comunicazione nel mondo dell'arte; trasformare l'arena quotidiana del trasporto pubblico in uno spazio artistico, individualizzando l'esperienza di massa e decostruendo la posizione privilegiata solitamente associata alla visione dell'arte. Un ottimo esempio di questo è KLA'ART's (festival biennale di arte contemporanea di Kampala)'Progetto Boda Boda'. Boda bodas sono gli iconici taxi motociclistici di Kampala, che sono stati trasformati in opere d'arte uniche da venti artisti nell'ottobre 2014. Ciascuno doccia di nozze ospita un'installazione in o su di essa con l'interpretazione dell'artista del tema, "Unmapped".
TAXI ART Boda Boda
DA SINISTRA A DESTRA: i bambini esaminano un'opera d'arte di Ronex Ahimbisibwe. Un cartello che indica alle persone dove prendere i taxi d'arte. Immagini per gentile concessione di KLA'ART.
Poiché l'Africa diventa sempre più connessa attraverso la diffusione di informazioni tramite mezzi digitali, è affascinante vedere come l'accesso all'arte continui a migliorare. Questi progetti artistici mobili sono ottimi esempi di come un mercato dell'arte giovane ed emergente stia progressivamente fiorendo, allontanandosi dall'approccio del "cubo bianco" all'esposizione e presentazione del lavoro e nelle strade.