Arthur Jafa

58a Biennale di Venezia: annunciato il Leone d'Oro

Premi della 58. Esposizione Internazionale d'Arte Venezia, 11 maggio 2019

La Giuria dei 58th Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia, comprendente Stephanie Rosenthal (Presidente della giuria, Germania), Defne Ayas (Turchia / Paesi Bassi),Cristiana Collu (Italia)Sunjung Kim (Corea)Hamza Walker (STATI UNITI D'AMERICA), ha deciso di presentare i seguenti premi:

Leone d'oro per la migliore partecipazione nazionale:

Lituania: Sole e mare (Marina) (Lina Lapelyte, Vaiva Grainyte e Rugile Barzdziukaite)

Commissario: Rasa Antanaviciute. Curatore: Lucia Pietroiusti.

È stata assegnata una menzione speciale alla seguente partecipazione nazionale:

Belgio: Mondo Cane (Jos de Gruyter e Harald Thys)

Commissario: Federazione Wallonie-Bruxelles. Curatore: Anne-Claire Schmitz.

Golden Lion come miglior partecipante alla mostra internazionale 'May You Live In Interesting Times' ad Arthur Jafa per il suo film del 2019 L'album bianco. che, in egual misura, è un saggio, una poesia e un ritratto. Jafa utilizza filmati originali e appropriati per riflettere sulla questione della razza. Proprio come il film critica un momento pieno di violenza, nel rappresentare teneramente gli amici e la famiglia dell'artista, parla anche della nostra capacità di amore.

Visualizza questo post su Instagram

💔L'album bianco, #ArthurJafa 🙌🏽

Un post condiviso da biraaj dodiya (@biraajdodiya) su

La giuria ha deciso di assegnare due menzioni speciali ai seguenti partecipanti: Teresa Margolles (Messico) Otobong Nkanga (Nigeria) .Teresa Margolles per i suoi lavori acuti e toccanti che affrontano la difficile situazione delle donne gravemente colpite dal commercio di stupefacenti nel suo nativo Messico e per aver creato potenti testimonianze spostando le strutture esistenti dal mondo reale nelle sale espositive. Otobong Nkanga per la sua continua e ispirata esplorazione attraverso i media nella politica della terra, del corpo e del tempo.

Visualizza questo post su Instagram

#EzRepost @rcembalest con @ezrepostapp Intanto alla Biennale di Venezia 2019… @OtobongNkanga con il suo pezzo "Veins Aligned", una linea epica di vetro e marmo di Murano. Dietro, opere di @zanelemuholi. A sinistra, lo staff di @labienale attiva @augustasserapinas '"Chair for the invigilator (white)," 2019. #MayYouLiveInIninterestingTimes # BiennaleArte2019 #OtobongNkanga #ZaneleMuholi #AugustasSerapinas #ralphrugoff @labiennale @rugoffralph "Veins Aligned" si dispiega nello spazio seguendo un ritmo cromatico che scorre lungo l'arteria La centralità della nozione di "corpo" nel pensiero di Nkanga risuona profondamente con l'opera Veins Aligned, una scultura di 26 metri composta da strati di vetro e marmo delle cave di Lasa, entrambi i materiali sono stati realizzati in collaborazione con esperti locali in Bolzano, Italia. È una scultura che evoca il sentimento profondo che Nkanga allatta per la materia, ovvero la spinta a produrre una continuità tra i materiali che possa fungere da supporto t struttura oltre a riconoscere tutti i suoi strati come portatori di conoscenza situata; dalla pelle e la sua lucentezza desiderata attraverso la complessa struttura molecolare con le sue proprietà geotecnologiche. E 'una conoscenza che merita di essere scavata rendendo visibile anche come ogni processo di estrazione rischia di diventare estrazione di capitali e potenzialmente anche atto violento nei confronti di un corpo, sia esso umano, materiale o terreno. Estratto - testo Emanuele Guidi Vorrei ringraziarvi per aver reso possibile l'esistenza di quest'opera @emanueleguidi @lasamarmo #argekunst #alessandrocuccato #alessandrapiazza @glassartdesigdicuccatoalessandro @ wvd56 #saygelschreibergioberti Grazie @lumentravogallery @ yourgalwooderiedicuccatoalessandro @ wvdXNUMX #saygelschreibergioberti Grazie @lumentravogallery @ yourgalwooderiedicituport Grazie al fantastico team della Biennale di Venezia per aver reso possibile tutto questo. @jessicacerasi La vetta del Monte Everest è calcarea marina […] Solo un pregiudizio poteva farci pensare che la terra sotto i nostri piedi non fosse viva. Citazione - Teju Cole

Un post condiviso da Otobong Nkanga (@otobongnkanga) su

La mostra è aperta al pubblico e può essere visitata fino al 24 novembre.