AA Newsletter 5 maggio 154 Contemporanea 1

1:54 Contemporary African Art Fair, New York, apre questa settimana

1:54 Fiera d'arte contemporanea africana, una piattaforma transnazionale leader dedicata alla promozione di pratiche e progetti artistici relativi all'Africa e all'Africa, tornerà a New York dal 6 all'8 maggio 2016, con anteprime di stampa e collezionisti giovedì 5 maggio 2016. La seconda iterazione statunitense della la fiera avrà luogo presso il magazzino di produzione di 25,000 piedi quadrati Pioneer Works in gancio rosso, Brooklyn, dove l'edizione di New York di 1:54 è stata lanciata nel 2015 e coinciderà Fregio Art Week.

AA Newsletter 5 maggio 154 Contemporanea 11:54 New York 2015 © Sasha Arutyunova. Immagine tratta dal sito Web di 1: 54.

Un riferimento ai cinquantaquattro paesi che costituiscono il continente africano, il titolo di 1:54 stabilisce i parametri dell'etica della fiera: come una piattaforma che si sforza di rappresentare la molteplicità e mostrare la diversità dell'arte contemporanea africana e della produzione culturale su un piano internazionale palcoscenico. 1:54 è stato avviato da Touria El Glaoui nel 2013 a Londra. Nata e cresciuta in Marocco, Touria El Glaoui è la figlia di uno dei più venerati artisti marocchini viventi, Hassan El Glaoui. Ha organizzato e co-curato importanti mostre del lavoro di suo padre, tra cui una grande retrospettiva a Casablanca e "Meetings in Marrakech", una mostra congiunta con i dipinti di Winston Churchill ospitati a Leighton House, Londra.

Maggio 2016 segna la seconda edizione di 1:54 New York, mentre 1:54 Londra tornerà per il quarto anno consecutivo dal 6-9 ottobre 2016 a Somerset House.L'edizione 2016 di New York 1:54 mostrerà 17 gallerie di 9 paesi, oltre a un'impressionante selezione di opere di oltre 60 artisti che lavorano in vari mezzi artistici e che provengono da una miscela unica di sfondi geografici, che comprende 27 paesi: Angola , Belgio, Benin, Burkina Faso, Camerun, Costa d'Avorio, Etiopia, Francia, Gabon, Ghana, Italia, Kenya, Repubblica Democratica del Congo (RDC), Madagascar, Malawi, Marocco, Mozambico, Nigeria, Senegal, Sierra Leone , Somalia, Sudafrica, Togo, Tunisia, Regno Unito, Stati Uniti e Zimbabwe.

Newsletter AA 5 maggio 154 Festa 2Monsengo Shula, particolare di Senza titolo, 2015. 129 x 129 cm. Immagine gentilmente concessa da Galerie MAGNIN-A, Parigi.

L'esclusiva serie di conferenze e tavole rotonde della fiera, a cura di Koyo Kouoh, fondatore del direttore artistico di RAW Material Company (Dakar) e Curatore della 37a edizione di EVA International - Biennale dell'Irlanda, aiuta a dare visibilità ai talenti emergenti e affermati dell'Africa e della diaspora africana. Tra i relatori e relatori precedenti: Rujeko Hockley (Assistente curatore di arte contemporanea al Brooklyn Museum di New York), Naima J. Keith (Associate Curator presso lo Studio Museum di Harlem, New York), Julie Mehretu (Artista), Franklin Sirmans ( Direttore, Perez Art Museum di Miami) e Hank Willis Thomas (artista).

Quest'anno, Kouoh dà il benvenuto ad Adrienne Edwards (Performa, New York e Walker Art Center, Minneapolis), Ugochukwu-Smooth C. Nzewi (Hood Museum of Art, Dartmouth College) e Dexter Wimberly (curatore indipendente di New York) al programma come collaboratori. I progetti speciali della fiera 2016 includeranno "TRASMISSIONI" (in collaborazione con Dak'Art, Biennale de l'Art Africain Contemporain e 1:54 PERFORMS), la sezione di performance di quest'anno è stata co-presentata con Performa e curata da Adrienne Edwards, Curator presso Performa e Curator-at-Large presso il Walker Art Center.

Newsletter AA 5 maggio 154 Festa 4Aida Muluneh, particolare di The World is 9 (The Morning Bride), 2016. Fotografia digitale stampata su Sunset Hot Press Rag 310GSM. 80 x 80 cm. Edizione di 7.

Con il contributo di una crescente generazione di imprenditori e produttori culturali, le discussioni e le discussioni degli artisti per 1:54 FORUM ruoteranno attorno a una serie di temi chiave, tra cui il mercato dell'arte africano, la cura nell'era digitale e le forme contemporanee di diffusione. 1:54 ha inoltre promosso una partnership con la Biennale di Dakar (Dak'Art - Biennale de l'Art Africain Contemporain) per il progetto speciale della fiera TRANSMISSIONS. Per celebrare la coincidenza della settimana di apertura della biennale con 1:54 a New York, 1:54 sta proiettando i momenti salienti della Biennale di Dakar in una sala di proiezione dedicata a Pioneer Works durante la fiera. Contemporaneamente, i punti salienti quotidiani della fiera saranno proiettati a Dak'Art durante la biennale. Promuovendo uno scambio culturale tra l'1: 54 e l'attuale attività artistica a Dakar, la collaborazione mira a delineare i punti di convergenza tra le due piattaforme.

"Siamo entusiasti di tornare a Pioneer Works per la seconda edizione di New York dell'1: 54 di quest'anno", osserva il fondatore della fiera, Touria El Glaoui. "L'energia, l'interesse e il successo complessivo della fiera inaugurale degli Stati Uniti nel 2015 ci ha portato a tornare questo maggio nella speranza di ampliare la nostra portata e di espandere la conoscenza del mondo dell'arte dell'Africa e del mercato dell'arte africano in continua evoluzione."

AA newsletter -5 maggio 154Contemporary3Armand Boua, particolare di Les ZINZINS, 2016. Acrilico e asfalto su carta per armadio, 210 x 210 cm. Per gentile concessione di Jack Bell Gallery.

Ulteriori progetti ed eventi speciali includono:

  • 1:54 Libreria specializzata in pubblicazioni specializzate presso Pioneer Books
  • Presentazione e firma del libro con l'artista Mickalene Thomas per la sua ultima pubblicazione, Muse: Mickalene Thomas Photographs (Aperture, 2015)
  • Lounge 1:54 progettato da Stephen Burks con un'installazione lounge specifica per il sito
  • Ristorante pop-up dello chef senegalese, ristoratore e autore, Pierre Thiam, nel giardino di Pioneer Works per la durata di 1:54 NY.

Le gallerie partecipanti includono:

Afronova (Johannesburg, Sudafrica)

APALAZZOGALLERY (Brescia, Italia)

ARTLabAfrica (Nairobi, Kenya)

Art Bärtschi & Cie (Ginevra, Svizzera)

Axis Gallery (New York, USA)

Galerie Anne De Villepoix (Parigi, Francia)

Galerie Cécile Fakhoury (Abidjan, Costa d'Avorio)

In Situ / Fabienne Leclerc (Parigi, Francia)

Jack Bell Gallery (Londra, Regno Unito)

Magnin-A (Parigi, Francia)

Mariane Ibrahim Gallery (Seattle, USA)

Officine dell'Immagine (Milano, Italia)

Richard Taittinger Gallery (New York, USA)

Sabrina Amrani Gallery (Madrid, Spagna)

(S) ITOR / Sitor Senghor (Parigi, Francia)

TAFETA (London, Regno Unito)

David Krut Projects (Johannesburg, Sud Africa e New York, USA)

Alcuni degli artisti inclusi quest'anno sono Derrick Adams (USA), ruby ​​onyinyechi amanze (Nigeria), Joel Andrianomearisoa (Madagascar), Sammy Baloji (DRC), Edson Chagas (Angola), Ayana V. Jackson (USA), William Kentridge ( Sud Africa), Otobong Nkanga (Nigeria) e Billie Zangewa (Sud Africa).

AA newsletter -5 maggio 154Contemporary2Omar Ba, Altri, 2015, Olio e matita su cartone ondulato, 200 x 200 cm / 78.74 x 78.74 pollici, Courtesy of Art Bärtschi & Cie e 1:54 Contemporary.

Caratteristiche:

Anteprima per la stampa: giovedì 5 maggio, dalle 12 alle 2

Per registrarsi, inviare un'e-mail: andrew@suttonpr.com

* Includere nome, indirizzo, numero di telefono e affiliazione.

Anteprime VIP e da collezione: giovedì 5 maggio

Vernissage con visione privata

Orari di apertura:

Venerdì 6 maggio: dalle 12:8 alle XNUMX:XNUMX

Sabato, maggio 7: 12pm - 8pm

Domenica, maggio 8: 12pm - 8pm


* Evento mensile di Pioneer Works Seconda domenica si svolgerà dalle 4 alle 8 domenica 8 maggio, in collaborazione con 1:54 Contemporary African Art Fair.

Ammissione:

Biglietto giornaliero: $ 20 (tasse incluse)

Biglietto giornaliero ridotto: $ 10 (tasse incluse)